Vinales: la sua M1 era l'unica Yamaha con le pinze 2019

Maverick, con un gesto di grande coraggio, si scaraventato giù dalla sua Yamaha quando ha capito di essete senza freni a oltre 300 km/h alla staccata di Curva 1. Ma lo spagnolo era l'unico pilota della Casa di Iwata che ha deciso di partire con le pinze 2019, vale a dire quelle senza i "caloriferi" pensate proprio per migliorare lo scambio termico. Sarà difficile stabilire con certezza cosa è successo perché l'anteriore della M1 si è disintegrato.

Vinales: la sua M1 era l'unica Yamaha con le pinze 2019

Cosa si è rotto sulla Yamaha di Maverick Vinales da costringerlo a lasciarsi cadere dalla M1 in piena velocità per evitare di schiantarsi contro le protezioni della Curva 1?

Trovare tutte le risposte non sarà facile, dal momento che la moto dello spagnolo si è praticamente demolita nel frontale a circa 200 km/h nelle barriere all’esterno della prima curva.

Maverick Vinales si è catapultato giù dalla sua moto non appena si è reso conto di essere completamente senza freni. E bene ha fatto a gettarsi sull’asfalto quando tirando la leva non ha sentito alcun rallentamento in staccata.

 

“E' stato istintivo lanciarmi giù dalla moto – ha spiegato Vinales - nel momento in cui ho capito che ero totalmente senza freni. Non avrei potuto fare altro".

Montavi le pinze 2019 o 2020?
"Le stesse della scorsa settimana quando faceva molto più caldo ma non abbiamo avuto alcun problema di freni".

Leggi anche:

Lo spagnolo non ha voluto dire di più, lasciando intendere che l’impianto era lo stesso del GP d’Austria che si è corso in condizioni meteo certamente più estreme con una temperatura superiore di 11 gradi nell’aria. Domenica scorsa c’era il sole, mentre oggi il cielo era coperto, per cui le condizioni erano meno severe.

Stando alle informazioni raccolte da Motorsport.com la Yamaha n. 12 era l’unica ad essersi schierata con le pinze Brembo del 2019, mentre gli altri tre piloti supportati dalla Casa di Iwata hanno utilizzato la versione 2020, vale a dire quella dotata dei “caloriferi”, delle alette che permettono una maggiore dispersione del calore e un più efficace scambio termico, rispetto alla pinza dello scorso anno che questa importante modifica non l’aveva.

Evidentemente è stata una scelta che la squadra ha fatto con Maverick, forse dopo aver valutato che faceva molto meno caldo rispetto a domenica scorsa, ma si è trattato di una decisione che andata in antitesi con quella di Valentino Rossi, Fabio Quartarao e Franco Morbidelli.

La moto di Maverick Vinales, la Yamaha Factory Racing, dopo l'incidente nel GP di Stiria

La moto di Maverick Vinales, la Yamaha Factory Racing, dopo l'incidente nel GP di Stiria

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Ricordiamo che il disco in carbonio comincia a lavorare quando la temperatura arriva ad almeno a 200 gradi e poi funziona in un range fra i 600 e gli 800 gradi. Perché si possa essere rotta una pastiglia che sarebbe volata via dalla pinza, come ha detto Vinales, si deve essere registrato un surriscaldamento tale dell’impianto che ha portato alla cottura del materiale d’attrito.

Un grave errore di valutazione da parte del team factory Yamaha che difficilmente potrà arrivare a stabilire con precisione cosa è successo sulla M1 di Vinales, visto che il relitto tornato ai box della moto si è praticamente disintegrato nel frontale contro le barriere.

Motivata la protesta di Alex Rins che ha contestato a Maverick il fatto di non essersi ritirato: “Era da diversi giri che aveva problemi ai freni: ha anche rallentato alzando il braccio. Ma se quello che è successo accadeva con un avversario davanti alla sua moto, cosa sarebbe potuto succedere?”.

La contestazione del pilota Suzuki è quanto mai centrata. L’atto di coraggio di Vinales non cancella il fatto che avrebbe potuto rientrare ai box ed evitarsi quel brutto spavento che non sarà facile da cancellare dalla mente.

condivisioni
commenti
Miller: "Pensavo di aver vinto, Oliveira è stato furbo"
Articolo precedente

Miller: "Pensavo di aver vinto, Oliveira è stato furbo"

Prossimo Articolo

Oliveira esalta la KTM: "Non temiamo le prossime gare"

Oliveira esalta la KTM: "Non temiamo le prossime gare"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021