Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP GP d'Olanda

MotoGP | Valera: "Ducati può dimostrare con Martin che i suoi valori rimangono intatti"

Albert Valera, manager di Jorge Martin, è fiducioso che la Ducati manterrà lo stesso livello di impegno nei confronti del suo cliente fino alla fine della stagione, nonostante il fatto che abbia firmato per l'Aprilia in vista del 2025.

Jorge Martin, Pramac Racing

Il madrileno, vice-campione del mondo in carica ed attuale leader della classifica generale, ha annunciato il lunedì dopo l'ultima tappa del calendario al Mugello la sua alleanza con la Casa di Noale per le prossime due stagioni.

La decisione è stata presa dopo che la Ducati ha cambiato idea in meno di una settimana, il tempo che intercorre tra il Gran Premio di Catalogna ed il round italiano. Martin ha lasciato Montmeló soddisfatto dell'approccio ricevuto dai dirigenti di Borgo Panigale, che gli avrebbero offerto la seconda Demosedici GP rossa, accanto a Pecco Bagnaia e nella squadra ufficiale, e a Marc Marquez una moto identica alla sua, ma in Pramac.

Secondo quanto risulta a Motorsport.com, il rifiuto del catalano di unirsi alla squadra di Paolo Campinoti ha scosso gli uffici della Ducati, in particolare l'amministratore delegato Claudio Domenicali. Durante la tappa del Mugello, Valera ha ricevuto un dirigente della Casa bolognese che gli ha comunicato che non era stato concordato nulla. Ciò ha indotto Martin a prendere le redini e ad accettare la proposta dell'Aprilia, che ha ufficializzato il suo arrivo il giorno successivo.

"A Barcellona, la Ducati ci ha presentato uno scenario in cui avrebbe potuto mantenere tutte e tre le parti coinvolte sotto il suo ombrello: Jorge, Pramac e Marquez. Per una ragione al di fuori del nostro controllo e di quello di Pramac, questa idea non è stata possibile e in quel momento abbiamo capito che c'erano dei dubbi. Il piano che gli era stato proposto a Montmeló stava cominciando a non funzionare al Mugello e lui ha deciso di prendere un'altra strada", ha dichiarato Valera a Motorsport.com.

Risolto il futuro a medio termine di Martin, il numero 89 spera di poter lottare ancora per il Campionato del Mondo, come ha fatto lo scorso anno, con Bagnaia, fino all'ultimo Gran Premio (Valencia). A questo proposito, c'è chi ritiene che non sia nell'interesse della Ducati mantenere la politica egualitaria tra i suoi piloti che ha promulgato finora e di cui è stata portabandiera.

Il rischio è evidente e il possibile compromesso è enorme. Da un lato, Martin potrebbe essere incoronato e portare il numero 1 all'Aprilia. Dall'altro, la vittoria del Mondiale potrebbe essere interpretata come un errore da parte della Ducati per aver optato per Marquez. Nonostante tutte queste condizioni, il rappresentante del pilota di Pramac ritiene che la Casa italiana si assumerà le proprie responsabilità.

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

"Con Jorge, la Ducati ha l'opportunità di dimostrare che ha mantenuto intatti i valori che ha sempre sostenuto. Da quando Jorge ha firmato con la Ducati è sempre stato trattato come un pilota ufficiale, con una moto ufficiale, e in ogni momento gli è stato dato lo stesso sviluppo dei piloti ufficiali. Hanno sempre mantenuto le promesse e sono certo che continueranno a farlo. Per rispetto del campionato, dei suoi piloti e di tutti i tifosi Ducati", spiega Valera.

Al di là dei gentlemen's agreement, rispettabilissimi, ma con scarso valore legale, la Ducati deve rispondere al contratto che fa di Pramac il suo team satellite di riferimento, con gli impegni contenuti in quel documento, in termini di risorse umane e di sviluppo dei prototipi.

"Ci sono contratti che prevedono questo, e che piaccia o meno questo genera sempre fiducia e tranquillità. Ecco perché siamo stati così tranquilli in tutti questi anni. Pramac è una grande squadra con il supporto di Ducati, e questa è stata la chiave per capire i risultati di Jorge", continua l'intermediario, che ovviamente spera che Martín vinca il Campionato del Mondo.

Se non lo farà, sarà a causa delle sue stesse mancanze. "L'anno scorso abbiamo avuto il supporto della Ducati in ogni momento, e se non abbiamo vinto il Campionato del Mondo è stato probabilmente a causa della mancanza di esperienza nelle gare finali, con il titolo in bilico. Ora Jorge è più preparato in questo tipo di situazioni e sono sicuro che se la Ducati manterrà l'accordo stipulato dal contratto, Martin avrà gli strumenti e l'opportunità di lottare per il Campionato del Mondo", confida Valera.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Uccio: "Salutare Bezzecchi è dolceamaro per la VR46"
Prossimo Articolo MotoGP | Bagnaia e Ducati: l'obiettivo ad Assen è il tris

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia