Valentino rinuncia a proseguire il ricorso al Tas?

Ad ipotizzarlo è stato un giudice del Tribunale di Losanna: "Ormai la gara è stata corsa, non si torna indietro"

La vicenda del ricorso presentato da Valentino Rossi al Tas potrebbe anche concludersi prima di arrivare ad una sentenza definitiva. Come era stato spiegato nei giorni del weekend di Valencia, il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna aveva negato al pesarese solamente la sospensione del provvedimento preso dai commissari FIM, che gli ha imposto di partire ultimo nella gara decisiva di Valencia.

Il comunicato rilasciato il 5 novembre dal Tas spiegava però che l'arbitrato andava avanti, visto che il 9 volte iridato aveva avviato il ricorso spiegando di ritenere troppo pesante la sanzione di 3 punti sulla licenza (che sommati a quello di Misano lo hanno relegato al fondo dello griglia), in precedenza utilizzata esclusivamente in casi di estrema gravità.

Tuttavia, ora una fonte interna al tribunale svizzero ha lasciato intendere che il "Dottore" molto probabilmente deciderà di non mandare avanti l'arbitrato, visto che ormai il Mondiale è andato, con Jorge Lorenzo che lo ha battuto di 5 lunghezze, e che non cambierebbe più nulla neppure se si dovesse veder dare ragione.

"Per quanto riguarda il ricorso di Valentino Rossi finora il Tas si è pronunciato solamente sulla sospensiva, senza entrare nel merito della questione, ma non credo che Rossi abbia più interesse a coltivare il ricorso poiché l'ultima gara è stata corsa e non si può più tornare indietro" ha spiegato all'Adnkronos Guido Valori, che è appunto uno dei membri del Tas.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Rumor