Valencia, Libere 2: Lorenzo in vetta, Valentino quarto

Tra le due Yamaha ci sono la Honda di Pedrosa e la Ducati di Iannone, mentre Marquez è solo quinto

L'innalzamento della temperatura arrivato nel pomeriggio non ha impedito a Jorge Lorenzo di abbassare nella FP2 il limite che Marc Marquez aveva imposto nel turno di prove libere inaugurale del Gp della Comunità Valenciana, atto conclusivo della MotoGp 2015. Montando una gomma media sia all'anteriore che al posteriore, il pilota della Yamaha ha realizzato un crono di 1'31"111 che gli è valso il primato del weekend, poco distante dalla pole position realizzata lo scorso anno da Valentino Rossi.

La cosa interessante è che i valori in campo sembrano piuttosto ravvicinati, perché nelle prime tre posizioni ci sono tre moto differenti: alle spalle della M1 del maiorchino troviamo infatti la Honda di Dani Pedrosa a 266 millesimi e la Ducati di Andrea Iannone a 333. Il pilota di Vasto però ha ottenuto la sua performance con la gomma a mescola soft al posteriore.

Anche se è solamente in quarta posizione, sembra esserci stato un miglioramento da parte di Valentino Rossi. Forse il "Dottore" continua a pagare qualcosa di troppo nell'ultimo settore del Circuito Ricardo Tormo, ma ha dimostrato di poter essere veloce sia con la gomma media che con la gomma hard al posteriore, chiudendo a 364 millesimi (bisogna ricordare però che in ogni caso domenica partirà ultimo per la penalità di Sepang).

Rispetto a stamani quindi il passo indietro più evidente è quello di Marc Marquez, anche se va detto che il crono del pilota della Honda è arrivato con la hard al posteriore. Quando poi ha montato la media sulla sua RC213V ha infatti commesso qualche sbavatura di troppo, quindi non è riuscito a migliorarsi.

Molto interessante il sesto tempo messo a referto da Danilo Petrucci, che con la sua Ducati GP14.2 si è migliorato di parecchio rispetto alla FP2. Seguono poi i due fratelli Espargaro, con la Yamaha di Pol che ha preceduto di poco la Suzuki di Aleix. Completano il quadro delle prime dieci posizioni la Honda LCR di Cal Crutchlow e l'altra GSX-RR di Maverick Vinales.

Lo spagnolo della Suzuki però al momento sarebbe fuori dalla Q2: pur avendo vissuto una sessione difficile, ed essendo solo 14esimo, Andrea Dovizioso ha infatti mantenuto la sua Ducati all'interno della top ten cumulativa grazie al tempo di questa mattina.

Davanti a lui ci sono altre tre Ducati, tutte differenti tra loro: il gruppetto si apre con la "Open" di Hector Barbera, ultimo tra i piloti distanziati di meno di un 1", tallonata dalla GP15 di Michele Pirro, sulla quale la Casa di Borgo Panigale sta portando avanti degli esperimenti in ottica futura. A chiudere poi troviamo la GP14.2 con i colori Pramac affidata a Yonny Hernandez.

Bisogna segnalare poi l'arretramento delle due Aprilia RS-GP. Se nella FP1 Stefan Bradl aveva addirittura sfiorato la top ten, questa volta non è andato oltre al 19esimo tempo, giusto davanti alla moto gemella affidata ad Alvaro Bautista.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio di Valencia
Circuito Valencia
Piloti Jorge Lorenzo , Andrea Iannone
Articolo di tipo Prove libere