MotoGP, Valencia, Libere 1: Nakagami al top davanti alle Yamaha

Ottimo avvio per il giapponese del team LCR che ha preceduto le Yamaha di Franco Morbidelli e Maverick Vinales. Inizia bene Dovizioso, settimo, mentre fatica Rossi, 13esimo. Joan Mir, sornione sul giro secco, è nono.

MotoGP, Valencia, Libere 1: Nakagami al top davanti alle Yamaha

La MotoGP è entrata nel rush finale di questa strana e compressa stagione 2020 disputando la prima sessione di prove libere del Gran Premio della Comunitat Valenciana che si tiene in questo fine settimana al Ricardo Tormo di Valencia.

Takaaki Nakagami continua a mostrare una crescita importante a livello di guida e di adattamento alla Honda RC213V del teal LCR firmando il miglior tempo in 1'30"829. Questo è il riferimento della prima sessione con cui è riuscito a mettere alle spalle le prime due Yamaha nella classifica generale.

Nakagami è salito in vetta alla classifica generale verso metà sessione ed è riuscito a non farsi superare sino alla bandiera a scacchi. Molto bene l'inizio di fine settimana di Franco Morbidelli. La miglior Yamaha è la sua, staccata di 115 millesimi di secondo da Nakagami.

Il pilota del team Petronas è riuscito a restare nelle prime posizioni per tutto il test. Nelle ultime battute è stato insidiato dalla M1 ufficiale di Maverick Vinales, autore del terzo tempo dopo aver montato gomma nuova nel finale.

KTM piazza 2 moto nella Top 10 al pari di Honda e Ducati grazie al quarto tempo ottenuto a inizio sessione da Pol Espargaro, ma anche al nono di Miguel Oliveira (KTM Tech 3). Molto bene anche l'Aprilia con Aleix Espargaro, il fratello maggiore di Pol, quinto con la RS-GP. Va però sottolineato come il nativo di Granollers abbia sfruttato bene un gancio involontario del fratello a pochi minuti dalla fine della sessione per portare la moto di Noale addirittura in Top 5.

Si rivede la Ducati grazie al sesto e al settimo tempo di Johann Zarco e Andrea Dovizioso. Il pilota francese sembra aver iniziato il weekend da dove aveva terminato una settimana fa, rimanendo nelle posizioni che contano per tutto il turno, mentre Dovizioso, dopo un avvio in sordina, al 12esimo dei 17 passaggi complessivi è riuscito a ottenere un buon tempo che lo ha portato saldamente in Top 10, staccato di mezzo secondo dal tempo di riferimento della sessione.

Il leader del Mondiale Joan Mir è silente in nona posizione, ma sappiamo bene come lo spagnolo, così come il compagno di squadra Alex Rins - questa mattina 11esimo - riesca a cambiare marcia in gara con un passo che domenica scorsa si è rivelato formidabile. La Top 10 è completata dalla Honda ufficiale di Stefan Bradl, unico dei primi 10 a utilizzare una Soft al posteriore mentre tutti gli altri hanno scelto una combinazione Medium-Medium tra anteriore e posteriore.

Valentino Rossi, dopo essersi messo alle spalle la questione COVID-19 che lo ha tenuto in ballo nel corso degli ultimi giorni, non è andato oltre il 13esimo tempo, preceduto da Jack Miller su Ducati (unico ad aver usato una Soft all'anteriore). Fabio Quartararo continua nel suo momento d'appannamento: il francese del team Petronas si è fermato al 16esimo tempo, mentre il compagno di squadra Morbidelli riesce a sfruttare tutto il potenziale della M1.

Lontano dai primi Danilo Petrucci con la seconda Ducati ufficiale davanti a quella del team Pramac di Francesco Bagnaia. "Pecco", come fa solitamente nelle Libere 1, non ha usato una gomma nuova alla fine per tenerne 2 e tentare l'approdo in Q2 nelle prossime sessioni. Chiude la classifica l'Aprilia di Lorenzo Savadori, con Iker Lecuona ancora assente perché in isolamento.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 23 1'30.829     158.737
2 21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 21 1'30.944 0.115 0.115 158.537
3 12 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'30.968 0.139 0.024 158.495
4 44 Spain Pol Espargaro KTM 20 1'31.052 0.223 0.084 158.349
5 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 20 1'31.170 0.341 0.118 158.144
6 5 France Johann Zarco Ducati 19 1'31.297 0.468 0.127 157.924
7 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 17 1'31.410 0.581 0.113 157.728
8 36 Spain Joan Mir Suzuki 21 1'31.436 0.607 0.026 157.684
9 88 Portugal Miguel Oliveira KTM 19 1'31.486 0.657 0.050 157.597
10 6 Germany Stefan Bradl Honda 23 1'31.514 0.685 0.028 157.549
11 42 Spain Alex Rins Suzuki 21 1'31.528 0.699 0.014 157.525
12 43 Australia Jack Miller Ducati 21 1'31.541 0.712 0.013 157.503
13 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 24 1'31.545 0.716 0.004 157.496
14 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 20 1'31.572 0.743 0.027 157.449
15 73 Spain Alex Marquez Honda 22 1'31.598 0.769 0.026 157.405
16 20 France Fabio Quartararo Yamaha 22 1'31.617 0.788 0.019 157.372
17 33 South Africa Brad Binder KTM 22 1'31.678 0.849 0.061 157.267
18 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 22 1'31.805 0.976 0.127 157.050
19 63 Italy Francesco Bagnaia Ducati 20 1'31.828 0.999 0.023 157.010
20 53 Spain Tito Rabat Ducati 25 1'32.198 1.369 0.370 156.380
21 32 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 22 1'32.772 1.943 0.574 155.413
condivisioni
commenti
Rins: “Domenica l'obiettivo è vincere, senza fare calcoli"

Articolo precedente

Rins: “Domenica l'obiettivo è vincere, senza fare calcoli"

Prossimo Articolo

Ufficiale: Crutchlow diventa collaudatore Yamaha dal 2021

Ufficiale: Crutchlow diventa collaudatore Yamaha dal 2021
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021