MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
3 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

MotoGP: un super Bagnaia firma la sua prima pole in Qatar!

Il pilota della Ducati polverizza il record di Losail, scendendo addirittura sotto all'1'53", e batte le due Yamaha di Quartararo e Vinales. Bene anche Rossi, quarto proprio sfruttando la scia di Pecco. Miller invece è solo quinto e Morbidelli settimo. Aprilia ottava con Espargaro, davanti alle Suzuki e alle Honda.

MotoGP: un super Bagnaia firma la sua prima pole in Qatar!

Ieri Pecco Bagnaia aveva detto che oggi qualcuno avrebbe stupito, infrangendo il muro dell'1'53" nelle qualifiche del Gran Premio del Qatar. Bisogna dire che il pilota della Ducati aveva fatto molto bene i suoi calcoli, perché è stato proprio lui a riuscire in questa impresa, con uno strepitoso 1'52"772 che gli è valso la prima pole position in carriera ed il nuovo record della pista di Losail.

Il pilota piemontese ha sfoderato un giro veramente perfetto, grazie al quale l'ha spuntata al termine di una grande battaglia con le Yamaha, visto che dietro di lui ci sono ben tre M1. Fabio Quartararo aveva illuso la Casa di Iwata con un 1'53"038 nel primo run, ma poi non è riuscito a migliorarsi e quindi si è visto battere di 266 millesimi da Bagnaia.

A completare la prima fila poi c'è l'altra M1 di Maverick Vinales, che proprio sotto alla bandiera a scacchi è riuscito per appena 26 millesimi a privare Valentino Rossi della gioia della prima fila. Il "Dottore" infatti aveva scelto il "gancio" giusto, facendo il suo giro nella scia di Pecco e chiudendo a 342 millesimi dal suo allievo. Per lui comunque resta un ottimo risultato per iniziare la stagione.

Il fatto che anche la gara di domani sembra essere destinata ad essere una lotta tra Ducati e Yamaha è confermato dalle posizioni a seguire, perché la seconda fila si completa con le due Desmosedici GP di Jack Miller e Johann Zarco. Dall'australiano forse ci si attendeva qualcosina in più, mentre la giornata del francese del Pramac Racing resterà comunque nella storia, visto che nella FP4 ha toccato la velocità record di 362,4 km/h.

Aprirà la terza fila invece Franco Morbidelli, che con la sua Yamaha Petronas è stato pochi millesimi più lento rispetto a Zarco, ma ha avuto la meglio per appena 2 nei confronti dell'Aprilia di Aleix Espargaro. L'ottavo posto non è certamente un risultato da capogiro, ma i progressi della RS-GP rimangono evidenti, perché il gap dalla pole è solo di mezzo secondo. E per gioire basta guardare chi è stata capace di mettersi dietro.

Per il momento sembrano essere un pelino più indietro le Suzuki, con Alex Rins e Joan Mir che si andranno a schierare in nona e decima posizione, staccati di sette e nove decimi. Il campione del mondo comunque è riuscito a limitare i danni, perché non bisogna dimenticare che era stato costretto a passare dal Q1.

Il quadro delle prime quattro file si completa poi con le Honda, che non hanno particolarmente brillato. La migliore delle RC213V è stata quella di Takaaki Nakagami, che è riuscito ad avere la meglio sul nuovo arrivato Pol Espargaro, ma non è stata sicuramente una qualifica brillante per la Casa giapponese.

5 millesimi sono costati ad Enea Bastianini la prima partecipazione ad una Q2 in MotoGP. Il campione del mondo della Moto2 è arrivato veramente ad un soffio da superare il taglio della Q1, ma gli si può rimproverare davvero poco, perché è stato capace di spingere la sua Ducati della Avintia Esponsorama fino ad un crono di 1'53"733. Peccato davvero per quel soffio che gli è mancato per battere Mir.

A dividere la quinta fila con lui ci sarà l'altra Ducati dell'esordiente Jorge Martin, che all'ultimo giro è incappato in una caduta mentre anche lui stava cercando di portare la sua Desmosedici GP griffata Pramac nella Q2.

Solo 15esima la prima delle KTM, che è stata quella di Miguel Oliveira. Losail non è la pista più adatta alla RC16, ma oggi è stato un sabato decisamente da dimenticare: Brad Binder, Danilo Petrucci ed Iker Lecuona occupano infatti le posizioni comprese tra la 19esima e la 21esimo. L'unica consolazione per il pilota di Terni può essere quella di essere allo stesso livello dei compagni di marchio.

Davanti alle tre moto austriache, in sesta fila, troviamo invece Luca Marini, che disputerà la sua prima gara in MotoGP schierando la sua Ducati della Sky VR46 Avintia sulla 18esima casella, alle spalle delle due Honda di Alex Marquez e Stefan Bradl, che sicuramente vanno iscritti all'elenco delle delusioni di queste qualifiche.

A chiudere il gruppo troviamo poi Lorenzo Savadori con la seconda Aprilia, che purtroppo sta faticando tanto anche a causa di un problema ad una spalla che gli sta impedendo di guidare al 100% la sua RS-GP.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'52.772     171.744
2 France Fabio Quartararo Yamaha 6 1'53.038 0.266 0.266 171.340
3 Spain Maverick Viñales Yamaha 7 1'53.088 0.316 0.050 171.264
4 Italy Valentino Rossi Yamaha 7 1'53.114 0.342 0.026 171.225
5 Australia Jack Miller Ducati 7 1'53.215 0.443 0.101 171.072
6 France Johann Zarco Ducati 7 1'53.286 0.514 0.071 170.965
7 Italy Franco Morbidelli Yamaha 6 1'53.313 0.541 0.027 170.924
8 Spain Aleix Espargaro Aprilia 7 1'53.315 0.543 0.002 170.921
9 Spain Alex Rins Suzuki 7 1'53.490 0.718 0.175 170.658
10 Spain Joan Mir Suzuki 7 1'53.682 0.910 0.192 170.369
11 Japan Takaaki Nakagami Honda 7 1'53.721 0.949 0.039 170.311
12 Spain Pol Espargaro Honda 6 1'53.930 1.158 0.209 169.999

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Japan Takaaki Nakagami Honda 7 1'53.577     170.527
2 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'53.728 0.151 0.151 170.301
3 Italy Enea Bastianini Ducati 7 1'53.733 0.156 0.005 170.293
4 Spain Jorge Martin Ducati 6 1'53.840 0.263 0.107 170.133
5 Portugal Miguel Oliveira KTM 6 1'53.915 0.338 0.075 170.021
6 Spain Alex Marquez Honda 7 1'53.958 0.381 0.043 169.957
7 Germany Stefan Bradl Honda 6 1'53.995 0.418 0.037 169.902
8 Italy Luca Marini Ducati 7 1'54.122 0.545 0.127 169.713
9 South Africa Brad Binder KTM 7 1'54.240 0.663 0.118 169.537
10 Italy Danilo Petrucci KTM 7 1'54.443 0.866 0.203 169.237
11 Spain Iker Lecuona KTM 6 1'54.627 1.050 0.184 168.965
12 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 7 1'55.183 1.606 0.556 168.149
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Libere 4 e Qualifiche

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Libere 4 e Qualifiche

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Il modo migliore per iniziare un nuovo capitolo"

Bagnaia: "Il modo migliore per iniziare un nuovo capitolo"
Carica commenti
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021