Ufficiale: Valentino Rossi ha fatto ricorso al Tas

Il "Dottore" chiede l'annullamento o la riduzione dei punti sulla licenza per non arretrare in griglia a Valencia

Ora c'è anche l'ufficialità di quanto aveva anticipato la Gazzetta dello Sport: Valentino Rossi ha fatto appello al Tas, il Tribunale arbitrale dello Sport di Losanna, con l'obiettivo di ridurre o annullare la penalità di 3 punti sulla licenza ricevuta a Sepang per l'incidente con Marc Marquez.

Questi tre punti lo obbligherebbero a scattare dall'ultima posizione a Valencia, perché si vanno a sommare a quello già pagato dal "Dottore" in occasione delle qualifiche di Misano, quando aveva ostacolato Jorge Lorenzo. Per questo, con il raggiungimento di quota 4, scatta la retrocessione all'ultimo posto in griglia.

Il ricorso è stato confermato sia dal Tas stesso, che dalla FIM, che ha diffuso questa breve nota: "Il signor Valentino Rossi ha presentato ricorso contro la decisione presa dalla direzione gara del Gran Premio Shell Malesia Moto a Sepang , penultima prova del Fim MotoGP Gran Premio di campionato del mondo , e confermata dai commissari sportivi FIM, di sanzionare con 3 punti di penalità il signor Rossi. Appellandosi alla Corte di Arbitrato dello Sport, il signor Rossi chiede l'annullamento o la riduzione della penalità".

A questo il Tas ha aggiunto che il pesarese chiede almeno la riduzione da 3 ad 1 punto di penalità sulla licenza, che di fatto eviterebbe l'arretramento al fondo dello schieramento, ed ha presentato un ricorso d'urgenza, visto che i tempi sono molto stretti. Da Losanna comunque hanno assicurato che il verdetto arriverà entro il 6 novembre, che sarà il giorno delle prove libere a Valencia.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio della Malesia
Circuito Sepang International Circuit
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie