MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
2 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
18 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
32 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
46 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
53 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
67 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
74 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
88 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
137 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
158 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
171 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
192 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
214 giorni

La Honda lotta contro il tempo per risolvere i problemi

Il motore è potente, ma difficile da gestire con il software unico: l'omologazione prima del Qatar inizia a far paura

La Honda lotta contro il tempo per risolvere i problemi
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

I test di Sepang hanno reso piuttosto chiara una cosa: la Honda ha seri problemi e non ha ancora capito quale sia la via giusta per provare a risolverli. Molto probabilmente la RC213V è la moto più potente sulla griglia della MotoGP, ma il guaio è che al momento non è stato trovato un modo per tenere tutti questi cavalli sotto controllo.

Il primo giorno di test si è chiuso con Dani Pedrosa ad un secondo da Jorge Lorenzo e Marc Marquez addirittura mezzo secondo più indietro. Martedì le cose sono andate leggermente meglio, ma la differenza di performance con le Yamaha è rimasta piuttosto evidente.

La stessa cosa è accaduta mercoledì. Il miglior giro di Marquez è stato più lento di 1"3 rispetto a Lorenzo e Pedrosa ha pagato 1"5. Nei fatti, in questo momento nel box Honda sembrano convinti che gli possa essere davanti anche la Ducati. I tempi che Lorenzo e Rossi ottengono con le gomme dure sono più veloce e costanti di quanto le RC213V non riescano a fare con quelle più morbide e questo ha fatto suonare parecchi campanelli d'allarme.

La priorità dei giapponesi ora è trovare un modo di rendere più dolce l'erogazione della potenza del motore, ma ad oggi anche i piloti sono dubbiosi di poterci riuscire con le limitazioni imposte dal nuovo software unico, che è molto meno sofisticato rispetto a quello factory di cui disponevano le RC213V nella passata stagione. I piloti avevano già chiesto un propulsore che fosse più simile a quello della Yamaha, ma la Honda non ha voluto rinunciare al suo DNA, che è sempre stato quello di ricercare più cavalli possibile.

"Visto che i problemi che avete sono piuttosto ovvi, pensi che sia meglio lavorare sull'elettronica ed il telaio o chiedere alla Honda di cambiare le caratteristiche del motore?" è stato chiesto a Pedrosa alla conclusione dell'ultima giornata. "Dobbiamo discuterne con la Honda, ma penso che ogni soluzione sia complicata al momento, anche se dobbiamo essere ottimisti" ha risposto lo spagnolo.

"Il problema è che siamo troppo lontani in termini di elettronica. La prima cosa da fare è lavorare su quella per cercare di capire cosa possiamo fare" ha aggiunto Marquez poco più tardi. "Il margine che ci separa da Lorenzo nei long run è un secondo ed è davvero tanto".

Ora però l'orologio lavora contro la Honda, perché la specifica definitiva del motore va omologata entro la prima gara della stagione, in Qatar, quindi entro il 20 marzo. In quel momento, infatti, i propulsori saranno congelati per il resto della stagione.

condivisioni
commenti
Marquez: "Il gap da Lorenzo è preoccupante"

Articolo precedente

Marquez: "Il gap da Lorenzo è preoccupante"

Prossimo Articolo

Suzuki soddisfatta del nuovo motore e del seamless

Suzuki soddisfatta del nuovo motore e del seamless
Carica commenti
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021