Losail, Day 2, Ore 21: tornano a ringhiare le "Factory"

Al comando le due Honda di Bautista e Bradl, seguite dalle Yamaha di Smith e Pol Espargaro

Losail, Day 2, Ore 21: tornano a ringhiare le
Quando siamo arrivati a due ore dal termine della seconda giornata dei test di MotoGp in Qatar le "Factory" hanno tornato a fare la voce grossa, occupando le prime quattro posizioni della classifica e relegando ad un ruolo da comprimarie le "Open". In prima e seconda posizione si sono portate le due Honda con Alvaro Bautista che ha fatto segnare il nuovo primato della due giorni in 1'55"194. Un riferimento interessante anche in valori assoluti, se si pensa che lo scorso anno Jorge Lorenzo, oggi assente come tutti gli altri big, conquistò la pole position in 1'54"714. Lo spagnolo del Team Gresini probabilmente è riuscito a risolvere i problemi sull'anteriore che lo hanno tormentato ieri ed ha distanziato di 314 millesimi la RC213V del Team LCR affidata a Stefan Bradl. Seguono poi le due Yamaha del Team Tech 3, con Bradley Smith che è saltato davanti a Pol Espargaro. Le due moto della squadra di Hervé Poncharal completano il quadro di quelle scese sotto all'1'56", mentre al di sopra di questa soglia troviamo appunto le due FTR-Yahama "Open" di Aleix Espargaro e Colin Edwards: per la prima volta in questo pre-campionato il veterano texano si è avvicinato tantissimo allo spagnolo, riducendo il gap a solamente un decimo. Solo settimo Andrea Iannone, che rimane distanzato di oltre 1" con la sua Ducati GP14 "Open", mentre un problema tecnico ha rallentato il lavoro di Yonny Hernandez, che comunque si portato in ottava posizione con la GP13 "Open", davanti alle due Honda RCV100R di Nicky Hayden e Scott Redding, che però rimangono staccate di quasi 2". Da segnalare anche le difficoltà di adattamento di Danilo Petrucci alla ART-Aprilia: al momento il pilota della Iodaracing è ultimo ad oltre 4". Ora molte squadre sembrano essersi concentrate sui long run e sulle simulazioni di gara in vista del Gp che si disputerà proprio a Losail tra due settimane. Non è da escludere però che qualcuno possa anche provare un "time attack" prima della bandiera a scacchi. MOTOGP, Losail, 08/03/2014 Seconda giornata di test (Ore 21) 1. Alvaro Bautista - Honda - 1'55"194 - 36 giri 2. Stefan Bradl - Honda - 1'55"508 - 33 3. Bradley Smith - Yamaha - 1'55"779 - 38 4. Pol Espargaro - Yamaha - 1'55"876 - 38 5. Aleix Espargaro - FTR-Yamaha (Open) - 1'56"167 - 15 6. Colin Edwards - FTR-Yamaha (Open) - 1'56"289 - 21 7. Andrea Iannone - Ducati GP14 (Open) - 1'56"473 - 29 8. Yonny Hernandez - Ducati GP13 (Open) - 1'56"480 - 28 9. Nicky Hayden - Honda (Open) - 1'56"923 - 32 10. Scott Redding - Honda (Open) - 1'57"154 - 32 11. Hiroshi Aoyama - Honda (Open) - 1'57"076 - 30 12. Hector Barbera - FTR-Kawasaki (Open) - 1'58"076 - 24 13. Karel Abraham - Honda (Open) - 1'58"368 - 21 14. Michael Laverty - PBM-Aprilia (Open) - 1'58"640 - 12 15. Mike Di Meglio - FTR-Kawasaki (Open) - 1'58"658 - 14 16. Broc Parkes - PBM-Aprilia (Open) - 1'58"942 - 14 17. Danilo Petrucci - ART-Aprilia (Open) - 1'59"305 - 21

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista
Articolo di tipo Ultime notizie