Losail, Day 1: Iannone-Dovi, bella doppietta Ducati

Terzo tempo per Marquez davanti un super Espargaro con la Suzuki. Più indietro le Yamaha e Rossi cade

Losail, Day 1: Iannone-Dovi, bella doppietta Ducati
Carica lettore audio

La notte del Qatar si tinge di rosso, perché le nuove Ducati GP15 hanno monopolizzato le prime due posizioni nella giornata inaugurale dei test collettivi di Losail della MotoGp. Una risposta importante per gli uomini di Borgo Panigale, che speravano di riuscire a fare un passo avanti dopo l'ottimo esordio della moto firmata da Gigi Dall'Igna qualche settimana fa a Sepang.

E' vero che i tempi sono ancora più alti di mezzo secondo rispetto alla pole position dello scorso anno, ma anche i big non sono riusciti ad avvicinarsi, quindi le novità rilevanti che erano state annunciate per le Desmosedici sembrano aver dato i frutti sperati, perché hanno permesso ad Andrea Iannone di guardare tutti dall'alto verso il basso in 1'55"265 e ad Andrea Dovizioso di seguirlo a soli 98 millesimi (senza usare la gomma morbida della concessione "Open"), pur portando avanti anche le prove comparative con la vecchia GP14.3.

Il primo degli inseguitori è il campione del mondo in carica Marc Marquez, che lo scorso anno aveva iniziato proprio qui in Qatar il suo filotto di dieci trionfi. Dopo essere rimasto ai box per quasi tre ore, lo spagnolo è salito in sella alla sua Honda RC213V ed ha messo insieme ben 44 giri lavorando sulle regolazioni della frizione, con un best di 1'55"554.

Senza ombra di dubbio però la grande rivelazione di questa prima giornata di test sono Aleix Espargaro e la Suzuki. La GSX-RR ha mostrato dei progressi incredibili ed ha chiuso a soli 433 millesimi dalla vetta, regalando alla Casa di Hamamatsu la soddisfazione di mettersi dietro l'altra Honda di Dani Pedrosa ed entrambe le Yamaha ufficiali.

E proprio le M1, sulle quali si continua a lavorare al nuovo cambio full seamless, sono state un po' la delusione odierna: Jorge Lorenzo ha chiuso con il sesto tempo a poco più di mezzo secondo, mentre Valentino Rossi è addirittura ottavo. Il "Dottore" è stato anche autore di una scivolata alla curva 8 nelle prime fasi della giornata, pare provocata da una perdita d'olio della sua moto. In ogni caso non ha riportato conseguenze, infatti ha messo insieme ben 48 giri, risultando tra i più attivi.

Tra le due Yamaha c'è anche la Honda del Team LCR affidata a Cal Crutchlow, mentre la top ten si completa con la Yamaha Tech 3 di Bradley Smith e con l'altra RC213V della Marc VDS portata in pista da Scott Redding. Ma il dato interessante è che nello spazio di un secondo ci sono anche Maverick Vinales e le due Ducati Pramac di Danilo Petrucci (scivolato anche lui) e Yonny Hernandez.

Parlando del giovane rookie della Suzuki, la sua giornata si potrebbe definire altalenante: i suoi tempi sono stati molto interessanti e si è migliorato costantemente. Peccato che abbia distrutto entrambe le sue GSX-RR finendo ruote all'aria per ben due volte.

Veniamo ora alla categoria "Open", che oggi si può dire che ha avuto una sorta di "eroe per caso": il battistrada è stato infatti Karel Abraham, 15esimo con la Honda della squadra di famiglia. Il pilota ceco ha preceduto un altro sorprendente Mike Di Meglio con la Ducati Avintia, mentre a seguire c'è Nicky Hayden, con la Forward Yamaha "Open" di Stefan Bradl, che oggi sfoggiava una nuova carena, solamente in 18esima piazza.

Un discorso a parte va fatto per le Aprilia RS-GP, che continuano a confermarsi ancora piuttosto acerbe ed hanno relegato Alvaro Bautista e Marco Melandri agli ultimi due posti della classifica. L'unica nota positiva va ricercata nel fatto che il ravennate questa volta ha ridotto a solo mezzo secondo il suo ritardo nei confronti del compagno di squadra. Entrambi però pagano oltre 3" sui migliori.

MOTOGP, Losail, 14/03/2015
Prima giornata di test collettivi
1. Andrea Iannone - Ducati - 1'55"265 - 50 giri
2. Andrea Dovizioso - Ducati - 1'55"363 - 48
3. Marc Marquez - Honda - 1'55"554 - 44
4. Aleix Espargaro - Suzuki - 1'55"698 - 44
5. Dani Pedrosa - Honda - 1'55"813 - 33
6. Jorge Lorenzo - Yamaha - 1'55"828 - 43
7. Cal Crutchlow - Honda - 1'55"837 - 38
8. Valentino Rossi - Yamaha - 1'55"938 - 48
9. Bradley Smith - Yamaha - 1'55"954 - 43
10. Scott Redding - Honda - 1'56"112 - 47
11. Maverick Vinales - Suzuki - 1'56"130 - 42
12. Danilo Petrucci - Ducati - 1'56"132 - 44
13. Yonny Hernandez - Ducati - 1'56"301 - 38
14. Pol Espargaro - Yamaha - 1'56"615 - 50
15. Karel Abraham - Honda "Open" - 1'56"638 - 34
16. Mike Di Meglio - Ducati "Open" - 1'56"719 - 45
17. Nicky Hayden - Honda "Open" - 1'57"099 - 47
18. Stefan Bradl - Forward Yamaha "Open" - 1'57"146 - 27
19. Jack Miller - Honda "Open" - 1'57"228 - 49
20. Loris Baz - Forward Yamaha "Open" - 1'57"376 - 37
21. Hector Barbera - Ducati "Open" - 1'57"405 - 18
22. Eugene Laverty - Honda "Open" - 1'57"500 - 44
23. Michele Pirro - Ducati - 1'57"664 - 53
24. Alex De Angelis - ART-Aprilia "Open" - 1'58"026 - 45
25. Alvaro Bautista - Aprilia - 1'58"459 - 34
26. Marco Melandri - Aprilia - 1'58"990 - 19

condivisioni
commenti
Losail, Day 1, Ore 22: Pedrosa si inserisce quinto
Articolo precedente

Losail, Day 1, Ore 22: Pedrosa si inserisce quinto

Prossimo Articolo

Melandri fermato da un forte attacco influenzale

Melandri fermato da un forte attacco influenzale
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021