MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco

La Honda si conferma in vetta con il giapponese e terza con Crutchlow, ma nella scia ci sono le Yamaha di Vinales e Quartararo e le Suzuki. Ducati tutte fuori dalla top 10.

MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco

Le moto giapponesi hanno fatto da padrone nella prima giornata di prove del Gran Premio di Teruel di MotoGP. Nelle prime sei posizioni infatti ci sono due Honda, due Yamaha e due Suzuki, mentre ancora una volta i grandi delusi sono quelli della pattuglia Ducati, perché al momento non ci sarebbe nessuna Desmosedici GP in Q2.

Takaaki Nakagami si è reso protagonista di un grande time attack nel finale, spingendo la sua RC213V del Team LCR fino ad un tempo di 1'47"782. E ancora una volta le Honda si sono confermate in grande forma a Motorland Aragon, con anche Cal Crutchlow capace di staccare il terzo tempo, seppur distanziato di 329 millesimi dal compagno di squadra.

Rispetto a questa mattina sembra aver fatto un passetto indietro invece Alex Marquez, che al momento sarebbe in Q2, ma non è andato oltre al decimo tempo. Va detto però che probabilmente lo spagnolo non è riuscito a mettere insieme tutto il giro e che il suo potenziale fosse più elevato.

La unica RC213V al momento in Q1 è quindi quella del collaudatore Stefan Bradl, che oggi ha portato al debutto un nuovo telaio dotato di un rinforzo in carbonio ed è in 11esima posizione, più lento di Marquez per appena un millesimo.

Leggi anche:

La scorsa settimana fino a sabato avevamo visto delle Yamaha dominanti, ma questa volta le M1 paiono un pochino più in difficoltà, almeno per quanto riguarda il passo. Sul giro secco poi nel finale Maverick Vinales e Fabio Quartararo sono riusciti a dare una bella scalata alla classifica, piazzandosi secondo e quarto, con lo spagnolo che è il solo ad essere sceso sotto all'1'48" oltre a Nakagami.

Sta facendo decisamente più fatica invece Franco Morbidelli, che non è riuscito a fare meglio del 15esimo tempo ad oltre otto decimi. Bisogna ricordare poi che la quarta M1, quella di Valentino Rossi, non può essere in pista a causa della positività al COVID-19 del "Dottore".

Continuando a scorrere la classifica, in quinta e sesta posizione ci sono le due Suzuki di Joan Mir ed Alex Rins, che hanno ridotto a quattro decimi il loro ritardo. E se le GSX-RR dovessero essere in grado di attaccare la seconda fila, rischiano veramente di essere dolori per la concorrenza in gara.

Nella Q2 provvisoria c'è spazio poi per le due KTM di Iker Lecuona e Pol Espargaro, che occupano rispettivamente la settima e la nona posizione. Tra di loro si è infilata invece l'Aprilia di Aleix Espargaro.

Questo vuol dire che l'unico marchio che al momento non sarebbe rappresentato nel segmento decisivo della qualifica è la Ducati, che continua a non trovare il bandolo della matassa sul tracciato spagnolo. La migliore delle Desmosedici GP è quella di Johann Zarco, 13esimo a sette decimo, mentre le altre sono tutte mestamente in coda al gruppo.

Nelle posizioni tra la 17esima e la 21esima troviamo nell'ordine Danilo Petrucci, Andrea Dovizioso, Pecco Bagnaia, Tito Rabat e Jack Miller, tutti distanziati di oltre un secondo, con il piemontese che è anche incappato in una caduta alla curva 1. Sicuramente questa sera ci sarà tanto lavoro da fare nel box della Casa di Borgo Panigale.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Japan Takaaki Nakagami Honda 18 1'47.782     169.609
2 Spain Maverick Viñales Yamaha 18 1'47.957 0.175 0.175 169.334
3 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 18 1'48.111 0.329 0.154 169.092
4 France Fabio Quartararo Yamaha 18 1'48.164 0.382 0.053 169.010
5 Spain Joan Mir Suzuki 20 1'48.182 0.400 0.018 168.981
6 Spain Alex Rins Suzuki 19 1'48.190 0.408 0.008 168.969
7 Spain Iker Lecuona KTM 18 1'48.360 0.578 0.170 168.704
8 Spain Aleix Espargaro Aprilia 15 1'48.426 0.644 0.066 168.601
9 Spain Pol Espargaro KTM 18 1'48.439 0.657 0.013 168.581
10 Spain Alex Marquez Honda 19 1'48.443 0.661 0.004 168.575
11 Germany Stefan Bradl Honda 19 1'48.444 0.662 0.001 168.573
12 Portugal Miguel Oliveira KTM 19 1'48.527 0.745 0.083 168.444
13 France Johann Zarco Ducati 17 1'48.532 0.750 0.005 168.436
14 South Africa Brad Binder KTM 19 1'48.545 0.763 0.013 168.416
15 Italy Franco Morbidelli Yamaha 20 1'48.612 0.830 0.067 168.312
16 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 19 1'48.810 1.028 0.198 168.006
17 Italy Danilo Petrucci Ducati 19 1'48.870 1.088 0.060 167.914
18 Italy Andrea Dovizioso Ducati 16 1'49.240 1.458 0.370 167.345
19 Italy Francesco Bagnaia Ducati 18 1'49.319 1.537 0.079 167.224
20 Spain Tito Rabat Ducati 20 1'49.733 1.951 0.414 166.593
21 Australia Jack Miller Ducati 16 1'48.983 1.201   167.739
condivisioni
commenti
MotoGP, Teruel, Libere 1: Alex Marquez guida il dominio Honda
Articolo precedente

MotoGP, Teruel, Libere 1: Alex Marquez guida il dominio Honda

Prossimo Articolo

Quartararo: “La media resta la gomma giusta per la gara”

Quartararo: “La media resta la gomma giusta per la gara”
Carica commenti
Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez Prime

Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez

Fabio Quartararo può a ben ragione essere considerato l'alternativa del presente a Marc Marquez. Il francese, neo iridato MotoGP, ha conquistato il titolo a Misano dopo una stagione in cui ha dato spettacolo in lungo e in largo. Ed in vista del 2022...

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre” Prime

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Valentino Rossi è stato la star indiscussa del fine settimana di MotoGP dove comunque è stato incoronato il nuovo campione del mondo, Fabio Quartararo. Il pilota di Tavullia ha ricevuto un'ovazione clamorosa dal suo pubblico - e non solo - e, come ha ammesso scherzando

MotoGP
27 ott 2021
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021