MotoGP, Stiria, Warm-Up: Dovizioso rimette davanti la Ducati

Dopo una qualifica deludente, il ducatista ha ritrovato un gran ritmo nel Warm-Up, precedendo la Suzuki di Mir e la Honda di Nakagami. "Nascoste" le KTM.

MotoGP, Stiria, Warm-Up: Dovizioso rimette davanti la Ducati

Sono arrivate le nuvole sul Red Bull Ring e, anche se per il momento non sembrano promettere pioggia, hanno abbassato in maniera significativa le temperature rispetto a quelle di ieri, con l'asfalto che toccava appena quota 27 gradi nel Warm-Up di questa mattina.

La sessione di questa mattina ci ha restituito un Andrea Dovizioso in grande spolvero: il forlivese ha montato una gomma soft all'anteriore ed una media al posteriore ed ha messo tutti in fila con un crono di 1'24"126, martellando anche su un passo degno di nota.

Stesso discorso che vale per Joan Mir, che dopo il primo podio di domenica scorsa sembra aver fatto un click importante ed è indubbiamente uno dei candidati alla vittoria del Gran Premio di Stiria con la sua coppia di gomme medie.

Terzo tempo per un altro grande protagonista di questo weekend, il giapponese Takaaki Nakagami, che oggi partirà per la prima volta dalla prima fila ed ha optato per una coppia di gomme soft sulla sua Honda LCR nel turno di stamani.

Nonostante abbia fatto solamente sei giri per risparmiare lo scafoide appena operato in vista della gara, Johann Zarco si è confermato in grande forma con il quarto tempo, a soli 238 millesimi da Dovizioso. Va ricordato però che il francese della Ducati Avintia dovrà scattare dalla pitlane oggi, come penalità per l'incidente della scorsa settimana con Franco Morbidelli.

Quinto tempo per la migliore delle Yamaha, che come in qualifica è stata quella di Maverick Vinales con un ritardo di 383 millesimi. Le altre M1 sono tutte in fila a circa mezzo secondo, con Fabio Quartararo, Valentino Rossi e Morbidelli che occupano le posizioni dalla settima alla nona. Il francese è anche andato un paio di volte lungo alla curva 4, mostrando nuovamente qualche difficoltà in staccata.

Davanti a questo terzetto c'è la Ducati Pramac di Jack Miller, che bisognerà capire come potrà approcciarsi alla gara: gli esami effettuati dopo la caduta della FP3 di ieri mattina hanno escluso complicazioni, ma l'australiano è ancora piuttosto dolorante ad un deltoide.

Questa mattina sono rimaste un po' coperte le KTM: la migliore è stata quella di Brad Binder, che occupa solamente la decima posizione davanti al compagno di squadra Pol Espargaro. Memore di quanto successo la scorsa settimana, quando è stato "fregato" dalla bandiera rossa, stamattina lo spagnolo ha lavorato con la gomma soft al posteriore, anche se in gara quasi certamente utilizzerà la media.

Solamente 12esimo Danilo Petrucci, ma anche Alex Rins è attardato in 14esima piazza. Come Zarco, il pilota della Suzuki ha completato solo 6 giri per preservare la spalla infortunata a Jerez in vista della gara, visto che non è ancora al 100%.

Continua a stupire in casa Aprilia che Bradley Smith riesca ad essere più competitivo di Aleix Espargaro: il britannico è 15esimo, giusto davanti ad Alex Marquez e Michele Pirro, mentre lo spagnolo non è andato oltre il 20esimo tempo. Stranamente attardato, infine, Miguel Oliveira: il portoghese è stato velocissimo per tutto il weekend, ma stamani ha chiuso solo 18esimo.

Guarda il Gran Premio BMW M di Stiria live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Andrea Dovizioso Ducati 14 1'24.126     184.779
2 Spain Joan Mir Suzuki 14 1'24.312 0.186 0.186 184.372
3 Japan Takaaki Nakagami Honda 13 1'24.353 0.227 0.041 184.282
4 France Johann Zarco Ducati 6 1'24.364 0.238 0.011 184.258
5 Spain Maverick Viñales Yamaha 13 1'24.509 0.383 0.145 183.942
6 Australia Jack Miller Ducati 11 1'24.540 0.414 0.031 183.875
7 France Fabio Quartararo Yamaha 14 1'24.627 0.501 0.087 183.686
8 Italy Valentino Rossi Yamaha 14 1'24.654 0.528 0.027 183.627
9 Italy Franco Morbidelli Yamaha 14 1'24.682 0.556 0.028 183.566
10 South Africa Brad Binder KTM 14 1'24.729 0.603 0.047 183.464
11 Spain Pol Espargaro KTM 13 1'24.758 0.632 0.029 183.402
12 Italy Danilo Petrucci Ducati 14 1'24.793 0.667 0.035 183.326
13 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 13 1'24.836 0.710 0.043 183.233
14 Spain Alex Rins Suzuki 6 1'24.855 0.729 0.019 183.192
15 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 13 1'24.935 0.809 0.080 183.019
16 Spain Alex Marquez Honda 14 1'24.935 0.809 0.000 183.019
17 Italy Michele Pirro Ducati 13 1'24.974 0.848 0.039 182.935
18 Portugal Miguel Oliveira KTM 14 1'24.999 0.873 0.025 182.882
19 Spain Iker Lecuona KTM 14 1'25.023 0.897 0.024 182.830
20 Spain Aleix Espargaro Aprilia 12 1'25.222 1.096 0.199 182.403
21 Spain Tito Rabat Ducati 12 1'25.404 1.278 0.182 182.014
22 Germany Stefan Bradl Honda 11 1'25.495 1.369 0.091 181.821
condivisioni
commenti
Espargaro: "Marquez ha ascoltato medici, avrei fatto lo stesso"

Articolo precedente

Espargaro: "Marquez ha ascoltato medici, avrei fatto lo stesso"

Prossimo Articolo

LIVE MotoGP, GP di Stiria: la gara del Red Bull Ring

LIVE MotoGP, GP di Stiria: la gara del Red Bull Ring
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

MotoGP
1 ago 2021
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021