MotoGP, Stiria: Martin in pole nell'1-2 Ducati, ma Quartararo è 3°

Le Ducati dettano legge in qualifica al Red Bull Ring, occupando quattro delle prime sei posizioni. Il rookie spagnolo firma una grande pole, la seconda dopo quella nel GP di Doha, e precede Bagnaia. Occhio però a Quartararo che è riuscito ad infilare la sua Yamaha in prima fila. In seconda c'è Mir, con la Suzuki per la prima volta con l'abbassatore, mentre Marquez cade ed è in terza. Rossi invece è 17esimo.

MotoGP, Stiria: Martin in pole nell'1-2 Ducati, ma Quartararo è 3°

Le Ducati hanno fatto la voce grossa nelle qualifiche del Gran Premio di Stiria di MotoGP, confermando i pronostici della vigilia, ma Fabio Quartararo ha fatto sudare le proverbiali sette camicie agli uomini in Rosso, dimostrandosi ancora una volta un grande specialista delle qualifiche.

A conquistare la pole position è stato Jorge Martin, che quindi ha concesso il bis dopo quella del Gran Premio di Doha. Il pilota del Pramac Racing si era visto cancellare il primo tentativo per essere andato oltre i limiti della pista alla curva 9, ma poi è stato il solo capace di infrangere il muro dell'1'23" con il suo 1'22"994.

Ad onor del vero, Quartararo era riuscito a fare addirittura meglio del pilota spagnolo, ma anche lui è andato troppo largo alla curva 9, quindi si è dovuto accontentare dell'1'23"075 che aveva fatto segnare in precedenza, che gli è valso la terza posizione. Davvero non male però su una pista sulla carta molto ostica per la sua Yamaha.

Davanti al leader iridato si è infilato uno dei suoi inseguitori nella corsa al titolo, ovvero Pecco Bagnaia, che con la sua Ducati si è inchinato a Martin per appena 44 millesimi, ma sembra anche attrezzato di un ottimo passo in ottica gara, anche se domani c'è il rischio che dovranno fare tutti i conti con la pioggia.

Per le Desmosedici GP però è stata davvero una buona qualifica, perché se ce ne sono due in prima fila, ne troviamo altrettante anche in seconda, con Jack Miller quarto e Johann Zarco sesto. Tra di loro si è inserita la Suzuki di Joan Mir, che sul giro secco sembra aver fatto un passo avanti deciso con l'introduzione dell'abbassatore posteriore sulla GSX-RR. Partendo così avanti, il campione del mondo potrebbe essere una minaccia per tanti domani.

La terza fila si apre con l'Aprilia di Aleix Espargaro, che paga poco più di quattro decimi e precede un Marc Marquez che è incappato in una caduta nei minuti conclusivi, non potendo così migliorare l'ottava posizione in griglia della sua Honda. Deludente invece la qualifica di Maverick Vinales, che stamattina era parso piuttosto in palla con la sua Yamaha, ma in Q2 non è riuscito ad andare oltre al nono tempo.

In quarta fila troviamo le due Honda del Team LCR, con Takaaki Nakagami decimo che precede il compagno di squadra Alex Marquez, passato per primo in Q1. Decisamente al di sotto delle aspettative poi le qualifiche della KTM, che lo scorso anno qui vinse con Miguel Oliveira, ma si deve accontentare del 12esimo tempo proprio del portoghese, che era il suo unico portacolori in Q2.

Ancora una volta, la Q1 ha subito regalato delle sorprese, a partire dall'eliminazione di Alex Rins, che con la sua Suzuki si è ritrovato beffato per appena 33 millesimi e sarà costretto a scattare dalla 13esima casella. Lo spagnolo però avrà "l'onore" di dividere la quinta fila con il rientrante Dani Pedrosa, che dopo quasi tre anni d'assenza da un weekend di gara ha mancato la Q2 per meno di due decimi con la KTM.

Il grande deluso della Q1 però è senza ombra di dubbio Enea Bastianini: il pilota della Avintia Esponsorama aveva fatto segnare il miglior tempo, ma se lo è visto cancellare per essere andato oltre i limiti della pista alla curva 8 e quindi dovrà accontentarsi di prendere il via dalla 20esima posizione.

Tornando alla quinta fila, questa si completa con la Honda di Pol Espargaro, mentre la KTM di Brad Binder aprirà una sesta fila che dividerà con Valentino Rossi e con il fratello Luca Marini. Il "Dottore" ci ha provato in tutti i modi ad andare a caccia della Q2, incollandosi nella scia di Pedrosa con la sua Yamaha Petronas, ma non è bastato. Così come l'abbassatore posteriore della Ducati, ottenuto per la prima volta qui, non ha aiutato Luca a centrare il segmento decisivo della qualifica.

Detto del 20esimo posto di Bastianini, dietro di lui ci sono Lorenzo Savadori, autore di una caduta proprio nei minuti conclusivi con la sua Aprilia, e Danilo Petrucci. Il pilota di Terni, ancora alle prese con i suoi problemi di velocità di punta, ha appreso proprio durante le qualifiche che la KTM ha deciso di sostituirlo con Raul Fernandez nella formazione 2022 del Team Tech3, quindi non deve essere stata una sessione semplice per lui.

In coda al gruppo troviamo poi l'altro rientrante, ovvero Cal Crutchlow, che questo fine settimana sostituisce l'infortunato Franco Morbidelli sulla seconda Yamaha del Team Petronas. Anche il britannico non correva dall'ultima gara a Portimao dello scorso anno, ma soprattutto negli ultimi mesi non aveva mai avuto modo di guidare una MotoGP, quindi è più che giustificato.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Jorge Martin Ducati 9 1'22.994     187.647
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 9 1'23.038 0.044 0.044 187.547
3 France Fabio Quartararo Yamaha 8 1'23.075 0.081 0.037 187.464
4 Australia Jack Miller Ducati 9 1'23.300 0.306 0.225 186.957
5 Spain Joan Mir Suzuki 10 1'23.322 0.328 0.022 186.908
6 France Johann Zarco Ducati 9 1'23.376 0.382 0.054 186.787
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 9 1'23.448 0.454 0.072 186.626
8 Spain Marc Márquez Alenta Honda 8 1'23.489 0.495 0.041 186.534
9 Spain Maverick Viñales Yamaha 8 1'23.508 0.514 0.019 186.492
10 Japan Takaaki Nakagami Honda 9 1'23.536 0.542 0.028 186.429
11 Spain Alex Marquez Honda 9 1'23.841 0.847 0.305 185.751
12 Portugal Miguel Oliveira KTM 4 1'23.944 0.950 0.103 185.523

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Alex Marquez Honda 9 1'23.547     186.405
2 Portugal Miguel Oliveira KTM 9 1'23.552 0.005 0.005 186.394
3 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'23.585 0.038 0.033 186.320
4 Spain Daniel Pedrosa KTM 9 1'23.730 0.183 0.145 185.997
5 Spain Pol Espargaro Honda 8 1'23.971 0.424 0.241 185.464
6 South Africa Brad Binder KTM 8 1'24.050 0.503 0.079 185.289
7 Italy Valentino Rossi Yamaha 9 1'24.097 0.550 0.047 185.186
8 Italy Luca Marini Ducati 8 1'24.115 0.568 0.018 185.146
9 Spain Iker Lecuona KTM 8 1'24.141 0.594 0.026 185.089
10 Italy Enea Bastianini Ducati 9 1'24.245 0.698 0.104 184.860
11 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 7 1'24.405 0.858 0.160 184.510
12 Italy Danilo Petrucci KTM 8 1'24.465 0.918 0.060 184.379
13 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 8 1'24.513 0.966 0.048 184.274
condivisioni
commenti
MotoGP, ufficiale: KTM promuove Fernandez nel team Tech3

Articolo precedente

MotoGP, ufficiale: KTM promuove Fernandez nel team Tech3

Prossimo Articolo

Martin: "Fare la pole è stato più facile che tornare in moto"

Martin: "Fare la pole è stato più facile che tornare in moto"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021