MotoGP, Stiria, Libere 1: Nakagami al top, indietro le Ducati

Brillano le Honda e le Suzuki nel primo turno di prove libere al Red Bull Ring, con il giapponese che precede Mir. Bene anche Aleix Espargaro, terzo con l'Aprilia. Le Ducati per ora sembrano coprire le carte: la miglior Desmosedici GP è quella di Zarco in nona posizione, proprio alle spalle di Quartararo. Pedrosa torna con l'11esimo tempo, mentre Rossi è 16esimo.

MotoGP, Stiria, Libere 1: Nakagami al top, indietro le Ducati

Tutti si aspettavano le Ducati in grande spolvero al Red Bull Ring, invece al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Stiria di MotoGP bisogna scorrere la classifica addirittura fino alla nona posizione per trovare la migliore delle Desmosedici GP, che è stata quella di Johann Zarco.

Va detto, però, che nelle prime posizioni si sono issati tutti quei piloti che hanno provato a montare una gomma nuova nel finale, cosa che non è stata fatta da nessuno degli alfieri della Casa di Borgo Panigale, quindi probabilmente bisognerà attendere la sessione pomeridiana per trovare una classifica più veritiera.

A brillare in questa FP1 sono state in particolare le Honda e le Suzuki. Il più veloce è stato il giapponese Takaaki Nakagami, che con la RC213V del Team LCR ha girato in 1'23"805. Buona però anche la sessione delle due moto griffate Repsol, perché Pol Espargaro e Marc Marquez hanno chiuso in quinta ed in sesta posizione, staccate rispettivamente di 449 e di 670 millesimi.

Alle spalle di Nakagami, staccato di appena 76 millesimi, troviamo il campione del mondo in carica Joan Mir, che già lo scorso anno era stato molto competitivo sul saliscendi austriaco. In casa Suzuki si attendeva per oggi l'arrivo dell'abbassatore posteriore, ma per il momento c'è stato un leggero ritardo nella consegna dal Giappone e quindi il debutto sarà rinviato a domani o al più presto alla FP2.

Buona anche la prestazione della moto gemella, quella di Alex Rins, che ha chiuso con la quarta posizione, anche se lo spagnolo è stato uno dei pochi ad aver montato addirittura la gomma soft al posteriore. Tra le due GSX-RR si è infilata l'Aprilia di Aleix Espargaro, visibilmente segnato in volto dopo un incidente avvenuto mentre si allenava in bici. Il pilota di Granollers comunque è a 378 millesimi ed ha mostrato un buon ritmo, con una RS-GP che sull'ala ha una bella dedica ai trionfi dell'Italia alle Olimpiadi ed agli Europei di calcio.

Tutto sommato, le cose non sono andate male neanche per le Yamaha, su una pista che sulla carta dovrebbe essere particolarmente ostica per le M1, perché Maverick Vinales e Fabio Quartararo hanno chiuso con la sesta e con la settima prestazione, inoltre erano stati più vicini alla vetta finché i primi non hanno iniziato a montare le gomme nuove.

Il leader del Mondiale ha fatto lo stesso tempo al millesimo del diretto inseguitore Johann Zarco, che è l'ultimo ad aver pagato meno di un secondo. La top 10 infatti si completa con Jack Miller, che però è più distanziato, mentre bisogna scendere addirittura fino alla 12esima piazza per trovare Pecco Bagnaia, che però ormai al venerdì mattina ci ha abituati a lavorare soprattutto in ottica gara.

C'era grande attesa per il ritorno in pista di Dani Pedrosa, che non disputava un Gran Premio da Valencia 2018, e bisogna dire che il collaudatore spagnolo non ha deluso, perché con l'11esimo tempo è stato il migliore tra i piloti della KTM, nonostante abbia accusato anche un problema tecnico che lo ha costretto a parcheggiare la sua RC16 a bordo pista a circa metà sessione.

E' andata peggio a Miguel Oliveira, vincitore del GP di Stiria dello scorso anno, che è vittima di un highside alla curva 3 che lo ha tenuto fermo per diversi minuti, oltre che averlo relegato solamente in 15esima posizione. Nello stesso punto è scivolato anche Iker Lecuona, ma la sua è stata una più banale chiusura di anteriore.

All'indomani dell'annuncio del suo addio alla MotoGP al termine della stagione, Valentino Rossi si è dovuto accontentare del 16esimo tempo, staccato di poco meno di 1"5 con la sua Yamaha griffata Petronas. Ha fatto un pelino meglio il fratello Luca Marini, 14esimo, sulla cui Ducati della Sky VR46 Avintia ha esordito l'abbassatore posteriore. La stessa novità è arrivata anche per Enea Bastianini, che però non è riuscito a fare meglio del 21esimo tempo, poco dietro rispetto a Danilo Petrucci ed appena davanti a Lorenzo Savadori.

Quello di Pedrosa non è stato però l'unico ritorno in pista, perché sulla seconda M1 del Team Petronas si è rivisto Cal Crutchlow, chiamato a sostituire l'infortunato Franco Morbidelli. Il pilota inglese, che aveva appeso il casco al chiodo a fine 2020, chiude però il gruppo, distanziato di 2"2.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Japan Takaaki Nakagami Honda 22 1'23.805     185.831
2 Spain Joan Mir Suzuki 22 1'23.881 0.076 0.076 185.663
3 Spain Aleix Espargaro Aprilia 22 1'24.183 0.378 0.302 184.996
4 Spain Alex Rins Suzuki 23 1'24.221 0.416 0.038 184.913
5 Spain Pol Espargaro Honda 22 1'24.254 0.449 0.033 184.841
6 Spain Marc Márquez Alenta Honda 24 1'24.475 0.670 0.221 184.357
7 Spain Maverick Viñales Yamaha 25 1'24.492 0.687 0.017 184.320
8 France Fabio Quartararo Yamaha 26 1'24.580 0.775 0.088 184.128
9 France Johann Zarco Ducati 22 1'24.580 0.775 0.000 184.128
10 Australia Jack Miller Ducati 21 1'24.827 1.022 0.247 183.592
11 Spain Daniel Pedrosa KTM 21 1'24.850 1.045 0.023 183.542
12 Italy Francesco Bagnaia Ducati 26 1'24.915 1.110 0.065 183.402
13 Spain Alex Marquez Honda 23 1'24.959 1.154 0.044 183.307
14 Italy Luca Marini Ducati 22 1'25.207 1.402 0.248 182.773
15 Portugal Miguel Oliveira KTM 14 1'25.238 1.433 0.031 182.707
16 Italy Valentino Rossi Yamaha 22 1'25.264 1.459 0.026 182.651
17 Spain Jorge Martin Ducati 22 1'25.316 1.511 0.052 182.540
18 South Africa Brad Binder KTM 22 1'25.033 1.228   183.147
19 Italy Danilo Petrucci KTM 20 1'25.409 1.604 0.376 182.341
20 Spain Iker Lecuona KTM 20 1'25.499 1.694 0.090 182.149
21 Italy Enea Bastianini Ducati 21 1'25.275 1.470   182.627
22 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 21 1'25.793 1.988 0.518 181.525
23 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 20 1'26.090 2.285 0.297 180.899
condivisioni
commenti
Stoner saluta Rossi: "Sei il valore aggiunto delle mie vittorie"

Articolo precedente

Stoner saluta Rossi: "Sei il valore aggiunto delle mie vittorie"

Prossimo Articolo

MotoGP, Stiria, Libere 2: lampo di Savadori sul bagnato, Rossi 22°

MotoGP, Stiria, Libere 2: lampo di Savadori sul bagnato, Rossi 22°
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.