MotoGP | Silverstone, Libere 1: Zarco e Bagnaia cadono, ma è 1-2 Ducati

I due ducatisti vengono fuori nel finale dopo essere stati entrambi protagonisti di una scivolata. Alle loro spalle c'è Rins, che con la sua Suzuki è sembrato quello più a posto. Prove di long lap penalty per Quartararo, quarto nonostante un problema tecnico sulla sua Yamaha. Quinta c'è la Honda di Nakagami davanti alle due Aprilia di Espargaro e Vinales. Sulla KTM debutta un nuovo scarico e Binder è decimo.

MotoGP | Silverstone, Libere 1: Zarco e Bagnaia cadono, ma è 1-2 Ducati
Carica lettore audio

Ci sono due Ducati davanti a tutti al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna, che segna l'inizio della seconda parte della MotoGP 2022.

A svettare è stato Johann Zarco, sceso fino a 1'59"893 con la sua Desmosedici GP griffata Prima Pramac Racing. Il francese però ha potuto fare affidamento su una coppia di gomme nuove nel finale del turno, perché in precedenza era incappato in una scivolata alla curva 7, lasciando la sua prima moto sul luogo dell'incidente.

A terra c'è finito anche Pecco Bagnaia, che ha perso l'anteriore alla velocissima curva 4, ma questo non gli ha impedito di scendere a sua volta sotto al muro dei due minuti, chiudendo a 27 millesimi da Zarco. Bisogna essere onesti però e dire che non è stata una sessione particolarmente brillante per le Rosse, che sembrano aver patito le basse temperature e il vento: nella top 10, infatti, oltre alle due già citate c'è solo quella di Jorge Martin in nona posizione.

Quello che ha dato la sensazione di essere messo meglio di tutti, sia per quanto riguarda il giro secco che in termini di passo, è probabilmente Alex Rins: il pilota della Suzuki è stato al comando per buona parte del turno e alla fine ha concluso con un ritardo di 327 millesimi.

Paga già oltre mezzo secondo il leader del Mondiale Fabio Quartararo, che ha sfruttato questa sessione per iniziare a prendere le misure al percorso della long lap penalty che dovrà scontare domenica. Il francese ha anche accusato un problema tecnico sulla sua Yamaha, ma è stato abbastanza fortunato perché era già nei pressi della pitlane, quindi non ha perso troppo tempo.

Leggi anche:

A completare la top 5 c'è la prima delle Honda, che è quella di Takaaki Nakagami, con il giapponese del Team LCR che si ritrova a 555 millesimi dalla vetta, ma è riuscito a fare una bella differenza rispetto alle altre RC213V, staccando di circa sei decimi quella ufficiale di Pol Espargaro, che occupa l'11° piazza.

A seguire ci sono le due Aprilia di Aleix Espargaro e Maverick Vinales, con i due piloti spagnoli che hanno lavorato abbastanza a lungo in coppia. Anche sul tracciato di Silverstone le RS-GP comunque hanno dato la sensazione di avere il potenziale per fare bene. Del resto, il primo podio della Casa di Noale era arrivato un anno fa proprio su questa pista.

Ottavo tempo poi per l'altra Suzuki di Joan Mir, ancora in attesa di mettere nero su bianco il suo accordo con la Honda HRC per il 2023, mentre a chiudere la top 10, e quindi il quadro dei piloti che al momento avrebbero accesso alla Q2, c'è Brad Binder. Il sudafricano ha portato al debutto un nuovo scarico sulla sua KTM, abbastanza simile a quello che aveva provato anche la Ducati nel corso dei test invernali.

Per quanto riguarda gli altri italiani, bisogna scendere fino al 13° posto per trovare Marco Bezzecchi, ma è iniziato in sordina anche il weekend di Enea Bastianini, 16° con la Ducati del Gresini Racing. 19° tempo invece per l'altra Desmosedici GP della Mooney VR46 con Luca Marini, tallonata dalle due Yamaha di Andrea Dovizioso, che non trova la zampata all'indomani dell'annuncio del ritiro, e Franco Morbidelli. 23° posto poi per Fabio Di Giannantonio, che paga oltre due secondi.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Johann Zarco Ducati 13 1'59.893     176.887
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 12 1'59.920 0.027 0.027 176.847
3 Spain Alex Rins Suzuki 17 2'00.220 0.327 0.300 176.406
4 France Fabio Quartararo Yamaha 17 2'00.438 0.545 0.218 176.087
5 Japan Takaaki Nakagami Honda 18 2'00.448 0.555 0.010 176.072
6 Spain Aleix Espargaro Aprilia 17 2'00.630 0.737 0.182 175.807
7 Spain Maverick Viñales Aprilia 18 2'00.799 0.906 0.169 175.561
8 Spain Joan Mir Suzuki 18 2'00.843 0.950 0.044 175.497
9 Spain Jorge Martin Ducati 19 2'00.948 1.055 0.105 175.344
10 South Africa Brad Binder KTM 18 2'00.994 1.101 0.046 175.278
11 Spain Pol Espargaro Honda 18 2'01.040 1.147 0.046 175.211
12 Australia Jack Miller Ducati 16 2'01.055 1.162 0.015 175.189
13 Italy Marco Bezzecchi Ducati 19 2'01.112 1.219 0.057 175.107
14 Portugal Miguel Oliveira KTM 16 2'01.120 1.227 0.008 175.095
15 Spain Alex Marquez Honda 16 2'01.174 1.281 0.054 175.017
16 Italy Enea Bastianini Ducati 16 2'01.219 1.326 0.045 174.952
17 Australia Remy Gardner KTM 17 2'01.539 1.646 0.320 174.492
18 Spain Raul Fernandez KTM 16 2'01.578 1.685 0.039 174.436
19 Italy Luca Marini Ducati 16 2'01.607 1.714 0.029 174.394
20 Italy Andrea Dovizioso Yamaha 15 2'01.748 1.855 0.141 174.192
21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 17 2'01.775 1.882 0.027 174.153
22 Germany Stefan Bradl Honda 16 2'02.062 2.169 0.287 173.744
23 Italy Fabio Di Giannantonio Ducati 16 2'02.179 2.286 0.117 173.578
24 South Africa Darryn Binder Yamaha 16 2'02.565 2.672 0.386 173.031
condivisioni
commenti
MotoGP | Rins: “Provare a migliorare la Honda sarà una grande sfida”
Articolo precedente

MotoGP | Rins: “Provare a migliorare la Honda sarà una grande sfida”

Prossimo Articolo

MotoGP | Silverstone, Libere 2: Quartararo vola, Bagnaia solo 11°

MotoGP | Silverstone, Libere 2: Quartararo vola, Bagnaia solo 11°