Rigettato l'appello Yamaha: la penalità di Rossi resta

condivisioni
commenti
Rigettato l'appello Yamaha: la penalità di Rossi resta
Di: Matteo Nugnes
25 ott 2015, 12:33

Confermati i tre punti di penalità sulla licenza e quindi l'ultimo posto in griglia a Valencia per il "Dottore"

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

La Race Direction non ha avuto ripensamenti ed ha respinto l'appello presentato dalla Yamaha contro la penalità inflitta a Valentino Rossi al termine del Gp della Malesia di MotoGp, confermando che il "Dottore" dovrà prendere il via dall'ultima posizione in occasione della gara conclusiva della stagione a Valencia.

Il pesarese è stato ritenuto colpevole di una condotta antisportiva nell'incidente alla curva 14 che ha portato al ritiro di Marc Marquez dopo un duello che comunque era andato abbastanza sopra le righe, forse anche a causa delle polemiche che si erano create nella conferenza stampa di giovedì, quando il pilota della Yamaha aveva accusato il rivale della Honda di averlo ostacolato a Phillip Island.

Dopo aver rivisto più volte le immagini, la Race Direction ha deciso di non prendere provvedimenti sul risultato odieno, confermando il terzo posto di Valentino e quindi il vantaggio di 7 punti nei confronti di Jorge Lorenzo, secondo al traguardo. Gli ha però inflitto tre punti di penalità sulla licenza, che sommati a quello incassato a Misano vogliono dire l'arretramento all'ultimo posto in griglia a Valencia.

La Yamaha ha provato ad evitare il peggio, presentando immediatamente un appello, ma dopo un'altra discussione piuttosto lunga questo è stato rigettato, lasciando tutto come era stato deciso in un primo momento.

Prossimo articolo MotoGP
Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Articolo precedente

Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Prossimo Articolo

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito
Carica commenti