Lorenzo: "Attaccherò, non ho nulla da perdere"

condivisioni
commenti
Lorenzo:
Di: Matteo Nugnes
22 ott 2015, 12:23

Il maiorchino ritiene di aver compromesso la stagione a Misano, quindi dice di non sentire la pressione

Marc Marquez, Repsol Honda Team and Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team and Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Podio: secondo Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

In molti dicono che la pressione è tutta dalla parte di Jorge Lorenzo nella lotta al titolo della MotoGp che lo vede opposto a Valentino Rossi. Arrivato in Malesia con 11 punti da recuperare, ma avendone guadagnati ben 7 la scorsa settimana in Australia, lo spagnolo della Yamaha non sembra affatto pensarla così.

Il maiorchino pare infatti convinto che vincere il titolo sarebbe un mezzo miracolo dopo lo zero di Misano, quindi ritiene di non aver nulla da perdere e di poter attaccare senza paura nelle ultime due gare della stagione, a Sepang e a Valencia.

"Non sono particolarmente sotto pressione, perché a dire il vero con l’errore commesso a Misano ho compromesso il mio Campionato. In queste ultime gare abbiamo recuperato dei punti, ma in Australia non sono riuscito a vincere. Sono sempre stato dietro Valentino in classifica tutto l’anno, ma adesso che abbiamo questa occasione farò del mio meglio per vincere, senza timore perché non ho nulla da perdere" ha detto durante la conferenza stampa di apertura del weekend.

Come il suo rivale, anche lui non si sbilancia in pronostici però per il Gp della Malesia: "L’anno scorso non mi sono preparato a dovere, quest’anno invece si è vista la differenza e speriamo si veda anche qui a Sepang. La Yamaha è competitiva, ma la Honda con Dani e Marc sono sempre andate forte qui. Può succedere di tutto".

Prossimo articolo MotoGP
Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Articolo precedente

Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Prossimo Articolo

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito
Carica commenti