Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie
MotoGP Shakedown a Sepang

MotoGP | Savadori: "Farò tre wild card, ma dove non facciamo test"

Il collaudatore dell'Aprilia ha anticipato i suoi piani per il 2023 in MotoGP in un'intervista rilasciata a GPOne.com alla conclusione dello Shakedown di Sepang, nella quale ha parlato anche dei progressi compiuti dalla RS-GP rispetto alla moto che ha già fatto molto bene nel 2022.

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing

L'Aprilia è stata probabilmente quella che ha stupito di più nei tre giorni dello Shakedown di Sepang della MotoGP. Non per le prestazioni, anche perché tutti quanti sono rimasti abbastanza abbottonati e lontani dal record della pista malese, ma per le novità introdotte sulla RS-GP.

Il collaudatore Lorenzo Savadori si è dato parecchio da fare, verificando che fosse tutto a posto sulle moto dei due titolari, Aleix Espargaro e Maverick Vinales, che saranno in azione da sabato, ma ha anche portato al debutto delle nuove soluzioni aerodinamiche. Una delle quali, il soffiaggio all'interno del cupolino, è addirittura ispirata dalla Formula 1 e quindi sembra destinata a poter fare scuola come il "gradino" introdotto lo scorso anno.

Alla conclusione dei tre giorni, il pilota romagnolo ha tracciato un bilancio in un'intervista rilasciata ai colleghi di GPOne.com e le sensazioni sembrano essere state piuttosto positive.

"Mi mancava salire in moto, poi qui abbiamo portato sei moto, quindi tanto lavoro ma bello. Abbiamo fatto soprattutto un lavoro per Aleix e Maverick, ho usato le moto con le configurazioni per loro", ha detto Savadori.

"Abbiamo provato tante cose, a Noale hanno lavorato tantissimo ed abbiamo portato qui diverse novità. Il meteo ci ha un po' rallentato, ma abbiamo girato lo stesso tanto", ha aggiunto.

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing

Photo by: Dorna

Da parte dei titolari c'è tanta curiosità di salire sulla nuova RS-GP, ma non potrebbe essere diversamente, date le numerose novità viste già in questa prima uscita.

"Mi scrivono spesso. Aleix è qui, molto carico e motivato, anche Maverick lo è. Sono curiosi, la moto nuova va meglio, è uno step in avanti rispetto alla 2022. Noi le abbiamo preparate, adesso tocca a loro salirci".

Guardando a se stesso, Savadori non ha nascosto che gli sarebbe piaciuto avere l'opportunità di correre di più di quanto pianificato a Noale, anche se il piano dell'Aprilia per le sue wild card gli permetterà di fare un lavoro leggermente diverso dal solito.

"Purtroppo per me da pilota, farò solo tre wild card: dovrebbero essere Mugello, Assen e Red Bull Ring, tre piste su cui non svolgiamo test. Il mio obiettivo è quello di correre in MotoGP con Aprilia un domani, quindi voglio perdere attitudine".

"Quando puoi preparare il GP facendo dei test lì, non dico che sei agevolato, ma girare su piste dove non giri mai, entrare e spingere subito è un'attitudine che serve ad un pilota. Non sarà facile, ma abbiamo preferito fare così", ha concluso.

Questo è solo un piccolo antipasto dell'intervista del pilota italiano, se volete leggerla per intero non dovete fare altro che cliccare qui.

Leggi anche:
Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team

Photo by: Aprilia Racing

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Augusto Fernandez: "Inizio a capire la moto"
Prossimo Articolo MotoGP | Marquez: “Quando starò bene, vincere sarà di nuovo una festa"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia