Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

Piero Taramasso, responsabile Michelin in MotoGP, nell'analisi dei dati scaricati dal GP di Stiria ha scoperto che la gomma posteriore di Andrea Dovizioso non è mai andata in temperatura durante la prima gara, perché sulla Ducati del forlivese non ha funzionato la termocoperta. Il pneumatico era troppo sgonfio di 0,1 bar per cui non è mai entrato nella giusta finestra di funzionamento.

Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

C'è un retroscena molto interessante sul GP di Stiria. Piero Taramasso, responsabile di Michelin per la MotoGP, ha scoperto qual è stato il vero motivo che non ha permesso ad Andrea Dovizioso di essere competitivo con la Ducati Desmosedici durante la prima gara al Red Bull Ring, prima che venisse esposta la bandiera rossa causata da Maverick Vinales.

Il pilota forlivese si era subito lamentato di una gomma posteriore che non ha funzionato, tanto che la sua Ducati non è mai stata in battaglia per la vittoria su una pista dove si era imposto solo la settimana prima. Inizialmente era sembrato che la squadra di Borgo Panigale avesse esagerato con una pressione di partenza a freddo troppo bassa.

L'indagine conclusa dalla Michelin, invece, ha portato ad altre risposte molto interessanti: i dati di Piero Taramasso, infatti, hanno evidenziato che la gomma posteriore di Dovizioso era 0,1 bar troppo sgonfia a causa del mancato funzionamento della termocoperta che dovrebbe assicurare una temperatura di 90 gradi prima del via.

“Ho guardato i dati di Dovizioso – afferma il responsabile Michelin  – è chiaro che nella prima gara la gomma media posteriore, quella che lui ha detto che non funzionava, aveva la pressione troppo bassa. Si è trattato di un problema determinato dal mancato funzionamento della termocoperta. C'è stato un problema tecnico e non una scelta strategica estrema da parte della Ducati".

Sull'asfalto di Spielberg domenica c'era 33 gradi, mentre per far funzionare in modo ottimale la mescola Media ne servivano almeno 35.

“Senza l'apporto della termocoperta, la posteriore di Dovizioso non ha mai avuto la pressione minima per innescare la necessaria temperatura e il corretto funzionamento della gomma. Il pneumatico, quindi, non aveva il grip che avrebbe potuto avere e si è consumato maggiormente. Andrea, comunque, è riuscito a girare in 1’24”4, un tempo simile a quello di Pol Espargaro, nonostante i problemi”.

Dovizioso, che girava ad 8.3 secondi dal leader della gara Joan Mir, nel momento in cui è stata esposta la bandiera rossa, ha approfittato dell’interruzione per cambiare le gomme e montare due morbide nuove, con cui si è sentito più a suo agio.

Leggi anche:

E da questo episodio che può essere costato a Dovizioso l'opportunità di lottare per il successo emerge quanto quest'anno sia determinante far funzionare le gomme Michelin nella giusta finestra di utilizzo.

"La tendenza dei team è di partire con la minor pressione possibile - ammette Taramasso - nella convinzione di avere una maggiore impronta a terra e, quindi, più grip. Noi consigliamo quali sono i valori minimi, ma c'è chi dopo un'attenta valutazione prova anche a stare più in basso".

Il fatto è che la struttura delle Michelin è piuttosto dura, per cui tutti questi vantaggi non si vedono, ma anzi si possono verificare effetti negativi se non si riesce a portare la copertura nella minima temperatura di esercizio:

"E' la difficoltà di quest'anno. Alcune squadre l'hanno capito e altre ancora no. Meglio stare 0,05 bar più alti e far lavorare la gomma nel giusto range di utilizzo che correre il rischio di non entrare nella finestra giusta".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/16

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/16

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Articolo precedente

Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Prossimo Articolo

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021