Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

Piero Taramasso, responsabile Michelin in MotoGP, nell'analisi dei dati scaricati dal GP di Stiria ha scoperto che la gomma posteriore di Andrea Dovizioso non è mai andata in temperatura durante la prima gara, perché sulla Ducati del forlivese non ha funzionato la termocoperta. Il pneumatico era troppo sgonfio di 0,1 bar per cui non è mai entrato nella giusta finestra di funzionamento.

Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

C'è un retroscena molto interessante sul GP di Stiria. Piero Taramasso, responsabile di Michelin per la MotoGP, ha scoperto qual è stato il vero motivo che non ha permesso ad Andrea Dovizioso di essere competitivo con la Ducati Desmosedici durante la prima gara al Red Bull Ring, prima che venisse esposta la bandiera rossa causata da Maverick Vinales.

Il pilota forlivese si era subito lamentato di una gomma posteriore che non ha funzionato, tanto che la sua Ducati non è mai stata in battaglia per la vittoria su una pista dove si era imposto solo la settimana prima. Inizialmente era sembrato che la squadra di Borgo Panigale avesse esagerato con una pressione di partenza a freddo troppo bassa.

L'indagine conclusa dalla Michelin, invece, ha portato ad altre risposte molto interessanti: i dati di Piero Taramasso, infatti, hanno evidenziato che la gomma posteriore di Dovizioso era 0,1 bar troppo sgonfia a causa del mancato funzionamento della termocoperta che dovrebbe assicurare una temperatura di 90 gradi prima del via.

“Ho guardato i dati di Dovizioso – afferma il responsabile Michelin  – è chiaro che nella prima gara la gomma media posteriore, quella che lui ha detto che non funzionava, aveva la pressione troppo bassa. Si è trattato di un problema determinato dal mancato funzionamento della termocoperta. C'è stato un problema tecnico e non una scelta strategica estrema da parte della Ducati".

Sull'asfalto di Spielberg domenica c'era 33 gradi, mentre per far funzionare in modo ottimale la mescola Media ne servivano almeno 35.

“Senza l'apporto della termocoperta, la posteriore di Dovizioso non ha mai avuto la pressione minima per innescare la necessaria temperatura e il corretto funzionamento della gomma. Il pneumatico, quindi, non aveva il grip che avrebbe potuto avere e si è consumato maggiormente. Andrea, comunque, è riuscito a girare in 1’24”4, un tempo simile a quello di Pol Espargaro, nonostante i problemi”.

Dovizioso, che girava ad 8.3 secondi dal leader della gara Joan Mir, nel momento in cui è stata esposta la bandiera rossa, ha approfittato dell’interruzione per cambiare le gomme e montare due morbide nuove, con cui si è sentito più a suo agio.

Leggi anche:

E da questo episodio che può essere costato a Dovizioso l'opportunità di lottare per il successo emerge quanto quest'anno sia determinante far funzionare le gomme Michelin nella giusta finestra di utilizzo.

"La tendenza dei team è di partire con la minor pressione possibile - ammette Taramasso - nella convinzione di avere una maggiore impronta a terra e, quindi, più grip. Noi consigliamo quali sono i valori minimi, ma c'è chi dopo un'attenta valutazione prova anche a stare più in basso".

Il fatto è che la struttura delle Michelin è piuttosto dura, per cui tutti questi vantaggi non si vedono, ma anzi si possono verificare effetti negativi se non si riesce a portare la copertura nella minima temperatura di esercizio:

"E' la difficoltà di quest'anno. Alcune squadre l'hanno capito e altre ancora no. Meglio stare 0,05 bar più alti e far lavorare la gomma nel giusto range di utilizzo che correre il rischio di non entrare nella finestra giusta".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/16

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/16

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Articolo precedente

Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Prossimo Articolo

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021