Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

Piero Taramasso, responsabile Michelin in MotoGP, nell'analisi dei dati scaricati dal GP di Stiria ha scoperto che la gomma posteriore di Andrea Dovizioso non è mai andata in temperatura durante la prima gara, perché sulla Ducati del forlivese non ha funzionato la termocoperta. Il pneumatico era troppo sgonfio di 0,1 bar per cui non è mai entrato nella giusta finestra di funzionamento.

Retroscena Dovizioso: non ha funzionato la termocoperta!

C'è un retroscena molto interessante sul GP di Stiria. Piero Taramasso, responsabile di Michelin per la MotoGP, ha scoperto qual è stato il vero motivo che non ha permesso ad Andrea Dovizioso di essere competitivo con la Ducati Desmosedici durante la prima gara al Red Bull Ring, prima che venisse esposta la bandiera rossa causata da Maverick Vinales.

Il pilota forlivese si era subito lamentato di una gomma posteriore che non ha funzionato, tanto che la sua Ducati non è mai stata in battaglia per la vittoria su una pista dove si era imposto solo la settimana prima. Inizialmente era sembrato che la squadra di Borgo Panigale avesse esagerato con una pressione di partenza a freddo troppo bassa.

L'indagine conclusa dalla Michelin, invece, ha portato ad altre risposte molto interessanti: i dati di Piero Taramasso, infatti, hanno evidenziato che la gomma posteriore di Dovizioso era 0,1 bar troppo sgonfia a causa del mancato funzionamento della termocoperta che dovrebbe assicurare una temperatura di 90 gradi prima del via.

“Ho guardato i dati di Dovizioso – afferma il responsabile Michelin  – è chiaro che nella prima gara la gomma media posteriore, quella che lui ha detto che non funzionava, aveva la pressione troppo bassa. Si è trattato di un problema determinato dal mancato funzionamento della termocoperta. C'è stato un problema tecnico e non una scelta strategica estrema da parte della Ducati".

Sull'asfalto di Spielberg domenica c'era 33 gradi, mentre per far funzionare in modo ottimale la mescola Media ne servivano almeno 35.

“Senza l'apporto della termocoperta, la posteriore di Dovizioso non ha mai avuto la pressione minima per innescare la necessaria temperatura e il corretto funzionamento della gomma. Il pneumatico, quindi, non aveva il grip che avrebbe potuto avere e si è consumato maggiormente. Andrea, comunque, è riuscito a girare in 1’24”4, un tempo simile a quello di Pol Espargaro, nonostante i problemi”.

Dovizioso, che girava ad 8.3 secondi dal leader della gara Joan Mir, nel momento in cui è stata esposta la bandiera rossa, ha approfittato dell’interruzione per cambiare le gomme e montare due morbide nuove, con cui si è sentito più a suo agio.

Leggi anche:

E da questo episodio che può essere costato a Dovizioso l'opportunità di lottare per il successo emerge quanto quest'anno sia determinante far funzionare le gomme Michelin nella giusta finestra di utilizzo.

"La tendenza dei team è di partire con la minor pressione possibile - ammette Taramasso - nella convinzione di avere una maggiore impronta a terra e, quindi, più grip. Noi consigliamo quali sono i valori minimi, ma c'è chi dopo un'attenta valutazione prova anche a stare più in basso".

Il fatto è che la struttura delle Michelin è piuttosto dura, per cui tutti questi vantaggi non si vedono, ma anzi si possono verificare effetti negativi se non si riesce a portare la copertura nella minima temperatura di esercizio:

"E' la difficoltà di quest'anno. Alcune squadre l'hanno capito e altre ancora no. Meglio stare 0,05 bar più alti e far lavorare la gomma nel giusto range di utilizzo che correre il rischio di non entrare nella finestra giusta".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/16

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/16

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/16

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Articolo precedente

Crash Vinales: la tuta ha sopportato un impatto di 23,4g!

Prossimo Articolo

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”

Marquez: “Se Dovizioso vince il mondiale, sono tutti contenti”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Stiria
Location Red Bull Ring
Autore Franco Nugnes
Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021