MotoGP | Quartararo, il Mondiale sta sfuggendo? Ecco i segnali

Prima della pausa estiva, sembrava che il titolo 2022 fosse ad appannaggio di Fabio Quartararo. Ma la caduta di Assen e la conseguente penalità che ha dovuto scontare lo scorso fine settimana a Silverstone gli hanno impedito di capitalizzare i problemi del suo diretto avversario, mentre la rinascita di un altro e l'ascesa di un ex compagno di squadra sembrano destinate ad andare contro le aspirazioni del pilota della Yamaha.

MotoGP | Quartararo, il Mondiale sta sfuggendo? Ecco i segnali
Carica lettore audio

Fabio Quartararo è uscito dalla doppietta Mugello-Catalunya con 45 punti su un totale di 50 in palio, su due circuiti in cui si aspettava di faticare. Ha poi vinto in Germania, mentre Pecco Bagnaia è incappato in due zero in tre gare e Aleix Aleix Espargaro ha gettato via un podio a Barcellona a causa di un errore nel conteggio dei giri. In questa situazione, il pilota Yamaha sembrava ben avviato verso il suo secondo titolo consecutivo in MotoGP.

Ad Assen, il vantaggio di Quartararo in campionato era di 34 punti su Espargaro e 91 su Bagnaia. Ma una caduta mentre sorpassava Aleix Espargaro nel GP d'Olanda - e una seconda caduta che alla fine ha messo fine alla sua gara in anticipo - insieme a una rimonta fino al quarto posto da parte di Espargaro, hanno ridotto il vantaggio del portacolori Yamaha a 21 punti quando è iniziata la pausa estiva.

La vittoria di Bagnaia ad Assen ha ridotto il distacco a 66 punti, mentre Quartararo ha dovuto fare i conti con un Long Lap Penalty da scontare a Silverstone a causa dell’incidente con Aleix Espargaro in Olanda, sanzione che ha criticato per tutto il weekend.

Quartararo è stato chiaramente il più veloce sul passo gara nelle prove di Silverstone, poiché ha svolto tutto il suo lavoro con la gomma posteriore media. Il pilota Aprilia sarebbe stato sicuramente una minaccia maggiore in gara se non fosse stato per un violento highside a quasi 190 km/h nelle FP4 in cui ha rimediato la frattura del tallone destro.

Per quanto si sia esercitato per il Long Lap situato all'esterno del Loop alla curva 14 per tutto il fine settimana, due fattori prima della gara avrebbero reso tutto ciò insignificante. Il primo è stato il fatto che non è riuscito a qualificarsi in prima fila: Quartararo non è riuscito ad andare oltre il quarto posto, affermando di non averne per lottare per la pole e scalzare il connazionale Johann Zarco sulla Ducati Pramac.

La seconda è stata la decisione sua e della Yamaha di non provare la gomma posteriore dura. Si tratta della gomma con cui Espargaro è caduto nelle FP4 e chi l'ha provata ha notato che aveva bisogno di alcuni giri per raggiungere la temperatura ideale. Quartararo ha ritenuto che la media fosse l'opzione migliore e il suo passo è stato forte. Ma domenica si sono registrate le temperature più calde del fine settimana, con il circuito di Silverstone immerso in un sole splendido che ha spinto le temperature della pista fino a 43 gradi centigradi. Una volta scontato il Long Lap Penalty, la gomma media si è surriscaldata.

"Sono deluso perché pensavo che il Long Lap Penalty mi avrebbe penalizzato molto di più, e alla fine non è stato così grave", ha detto uno scontento Quartararo dopo aver concluso la gara all'ottavo posto. "Ma la gomma posteriore era così pessima che non permetteva di guidare la moto. È stato un incubo. Se ci si trova dietro una sola moto, va bene, ma se c'è più di una moto la gomma posteriore si surriscalda talmente tanto che perde prestazione. Poi si abbassava e si guidava in modo totalmente diverso dagli altri. E per noi sorpassare è un incubo".

Quartararo's long lap penalty sent his momentum backwards in the pack

Quartararo's long lap penalty sent his momentum backwards in the pack

Photo by: Dorna

Quartararo è scattato dalla quarta alla seconda posizione - arrivando quasi a scontrarsi con l'ex compagno di squadra e attuale pilota Aprilia Maverick Vinales - ma non è riuscito a trovare il modo di avvicinarsi a Zarco, leader dei primi giri, prima di dover scontare la penalità alla quarta tornata. All’uscita del Long Lap Penalty, il pilota Yamaha è rientrato in quinta posizione dietro a Miller, Alex Rins e Bagnaia, perdendo 1.6 secondi e non gli otto decimi che Espargaro aveva previsto prima del fine settimana, quando aveva definito il giro "uno scherzo".

Da quel momento non ha fatto altro che arretrare, perché la mancanza di velocità di punta della Yamaha e l'incapacità di seguire le sue linee quando si trova dietro gli altri piloti hanno reso impossibile il sorpasso. È passato sotto la bandiera a scacchi in ottava posizione con 3.819 secondi di ritardo dal vincitore Bagnaia. Senza il Long Lap Penalty, ritiene che avrebbe potuto rimanere con Zarco e avrebbe ereditato un vantaggio che probabilmente non avrebbe perso in base alla forma delle prove, quando il pilota Pramac è caduto al quinto giro alla Curva 8.

Le difficoltà di Quartararo sono state aggravate dal fatto che ha preceduto di poco un Espargaro zoppicante in nona posizione. Il pilota dell'Aprilia ha preso parte alle qualifiche subito dopo la caduta nelle FP4, nonostante abbia dovuto essere aiutato dal suo team Aprilia a raggiungere il centro medico di Silverstone perché non riusciva a fare pressione sui piedi.

Scampato a un grave infortunio, si è qualificato sesto e alla fine è stato autorizzato a correre. Ma non è stato un combattimento da favola, perché ha lottato contro la "trazione zero" sul lato destro del pneumatico posteriore duro. Questa mancanza di trazione lo ha compromesso nella curva Abbey a destra e, insieme a una fiducia malridotta, lo ha rallentato attraverso la Farm nella zona di frenata del Village, dove sono stati effettuati molti sorpassi.

"Non ci sono scuse, oggi non sono stato veloce e non per il dolore", ha ammesso Espargaro. "Non avevo dolore ai piedi. Ma non riuscivo a muovermi liberamente sulla moto, ero dolorante sulle gambe, sulla schiena, quindi non potevo aiutare la moto a girare nelle curve a destra. Non avevo trazione sul lato destro e tutti mi hanno superato nella curva in cui sono caduto sabato perché ho perso molta velocità. Quindi, la caduta non mi ha sicuramente aiutato".

Questo non ha impedito a Espargaro di fare un tentativo di sorpasso "impossibile" su Quartararo all'ultimo giro, ma alla fine non è andato a buon fine. Ma dopo una caduta che avrebbe potuto facilmente estrometterlo dal Gran Premio, Espargaro ha ceduto un solo punto a Quartararo e il vantaggio in campionato per il pilota della Yamaha è ora di soli 22 punti.

After his heavy crash in practice, Aleix Espargaro's charge was blunted to ninth place

After his heavy crash in practice, Aleix Espargaro's charge was blunted to ninth place

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Ciò che ha sconcertato Espargaro della gara, più che i suoi problemi, è stato il fatto che le Ducati fossero così forti. Bagnaia, in particolare, dopo essersi qualificato quinto, aveva ammesso di aver bisogno di almeno due decimi in più al giro per poter lottare per la vittoria. Zarco è stato il più forte tra le Desmosedici nelle prove, ma è stato poi Bagnaia a far vincere la Ducati.

Pecco aveva riconosciuto di non essere stato "competitivo come mi aspettavo" e di accettare una top 5 in gara. Ma nel warm-up ha lavorato sulla gomma dura posteriore invece che sulla media utilizzata nelle FP4 e questo ha trasformato il suo weekend. Quando l'aderenza del posteriore si è affievolita, la media anteriore gli ha permesso di compensare spingendo di più in curva. Quando Vinales lo ha inseguito nelle fasi finali, tentando un sorpasso in testa al penultimo giro, Bagnaia aveva i mezzi per rispondere.

Bagnaia è stato anche incoraggiato da alcuni consigli leggendari: sia il suo mentore Valentino Rossi che il due volte campione del mondo Casey Stoner gli hanno offerto alcuni spunti per guidare al meglio a Silverstone: "Questo fine settimana ho parlato molto con Valentino. Mi ha detto molto per capire meglio la situazione, perché nel fine settimana ero un po' in difficoltà. Non è facile dal suo punto di vista perché è a casa a guardare dalla TV, ma mi ha aiutato a capire le gomme, a capirne la temperatura, mi ha aiutato molto".

"A Casey ho solo chiesto se in passato avesse fatto qualcosa di diverso su questa pista che lo avesse aiutato a essere più competitivo. Stamattina (domenica, ndr) mi ha mandato un messaggio e ho provato a fare qualcosa come aveva fatto lui in passato ed è andata bene, ma forse non per le gomme che abbiamo ora. In ogni caso, sono molto contento di avere a disposizione questo tipo di persone. È stato bravissimo a trovare la trazione in uscita di curva, e questo è stato il suo suggerimento per oggi".

L'improbabile vittoria di Bagnaia lo riporta al terzo posto in classifica e a soli 49 punti da Quartararo, mentre si avvicina una fase decisiva del campionato per lui e per la Ducati, con Red Bull Ring e Misano come prossimi due appuntamenti. Dopo un inizio di stagione fiacco, Bagnaia sembra aver finalmente capito di cosa ha bisogno la GP22 per essere competitiva. E la coincidenza con un periodo difficile per Quartararo potrebbe essere cruciale. Espargaro e l'Aprilia sono stati forti per tutto l'anno e Silverstone non ha fatto eccezione, mentre ora anche Vinales sembra venire su e poter aiutare il suo compagno di squadra.

After Zarco crashed out Bagnaia led the Ducati charge to Silverstone victory, aided by advice from Valentino Rossi and Casey Stoner

After Zarco crashed out Bagnaia led the Ducati charge to Silverstone victory, aided by advice from Valentino Rossi and Casey Stoner

Photo by: Dorna

Quartararo ha lasciato Silverstone con un certo pessimismo. Pur ritenendo di poter essere veloce in tutte le prossime otto gare, ammette che nessuna di esse è adatta all'attuale pacchetto Yamaha: "Penso che possiamo essere veloci in tutte le piste, ma in quelle che si adattano a noi, non c'è nessuna pista. Sono tutte piste con molta accelerazione e lunghi rettilinei. Certo, l'anno scorso non siamo andati in Giappone o in Thailandia. Ma è pieno di accelerazioni e lunghi rettilinei. Vediamo cosa succede".

Bagnaia potrebbe non considerarsi ancora un pretendente al campionato, ma Quartararo ritiene che la Ducati sia in grado di superare facilmente la Yamaha, mentre Espargaro pensa che la corsa al titolo sia apertissima in questa fase. "Se si considerano le ultime due gare, abbiamo quasi perso due gare contro di lui", ha osservato Quartararo. "Naturalmente ho visto Pecco molto più in lotta per il titolo. Ma è una cosa a cui dobbiamo abituarci perché la Ducati ha molta più esperienza e molte più moto rispetto a noi”.

"Appena arriviamo al venerdì siamo sempre veloci perché la nostra moto è molto, molto simile a quella degli anni precedenti. E naturalmente, più gare fanno, più conoscono le loro moto e riescono a essere competitivi. Ovviamente il venerdì sono un po' più lenti, ma appena facciamo più giri e più giorni sono molto più veloci di noi".

Espargaro ha aggiunto: "Penso che gara dopo gara, se le Ducati iniziano a migliorare e io riesco a mantenere il mio alto livello e anche Maverick riesce a mettere la moto al top, aumenta la pressione per il leader. Quindi, questo è un bene per me. Penso che la Ducati abbia fatto un grande passo avanti nel campionato. Non sarà facile per loro perché hanno due gare di svantaggio, ma hanno molte moto e possono fare molto lavoro di squadra. E ora andiamo su due piste che vanno bene per Pecco, Austria e Misano, quindi penso che tutto sia aperto. Quindi, credo che le ultime otto gare del campionato saranno molto, molto combattute".

Quello che è chiaro è che nel 2022 Quartararo ha fatto un lavoro fantastico per superare le carenze del pacchetto Yamaha. Ma in un campionato così combattuto come quello attuale della MotoGP, questo potrebbe non essere sufficiente.

Can Quartararo be caught by Espargaro or Bagnaia?

Can Quartararo be caught by Espargaro or Bagnaia?

Photo by: Dorna

Leggi anche:
condivisioni
commenti
MotoGP | Dovizioso esclusivo: "Con Ducati ho creato qualcosa che resterà"
Articolo precedente

MotoGP | Dovizioso esclusivo: "Con Ducati ho creato qualcosa che resterà"

Prossimo Articolo

MotoGP | Morbidelli: "Vedo Quartararo sfavorito, ma per la M1"

MotoGP | Morbidelli: "Vedo Quartararo sfavorito, ma per la M1"