MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
21 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
35 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
49 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
56 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
70 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
77 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
91 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
140 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
161 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
174 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
182 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
195 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
217 giorni

MotoGP, Qatar: un grande Vinales batte le Ducati

Il pilota della Yamaha ha fatto valere il suo grande passo gara, approfittando di un calo delle gomme delle Ducati, che comunque hanno salvato la faccia con il doppio podio di Zarco e Bagnaia, bravi a beffare la Suzuki di Mir in volata. Decimo un grande Bastianini, mentre Rossi è solo 12esimo. Problemi per Morbidelli.

MotoGP, Qatar: un grande Vinales batte le Ducati

Maverick Vinales si è smentito da solo. Nei giorni dei test aveva ripetuto all'infinito che per vincere in Qatar avrebbe dovuto partire davanti e provare a scappare, perché le Ducati erano insuperabili sul lunghissimo rettilineo di Losail. Invece il pilota della Yamaha ancora una volta non ha avuto una partenza particolarmente brillante, ma alla distanza ha fatto valere il suo passo su quello che in epoca recente era stato un feudo Rosso, approfittando anche del calo delle gomme delle Desmosedici GP.

Al primo giro lo spagnolo si era ritrovato in settima posizione, ma soprattutto davanti a tutti si erano issate quattro Ducati, con nell'ordine Pecco Bagnaia, Jack Miller, Johann Zarco ed uno strepitoso Jorge Martin, partito benissimo dalla quarta fila.

Per Maverick quindi sembrava essersi messa decisamente in salita, ma con grinta si è agganciato al codone del compagno di squadra Fabio Quartararo, che nella prima parte della gara sembrava essere il più veloce in pista e gli ha fatto da "gancio" per riportarsi sulle Desmosedici GP.

Il primo a capitolare alle due M1 è stato Martin, poi qualche giro più tardi è toccato a Miller, che nel frattempo era stato infilato da Zarco. A questo punto però è stato Vinales a cambiare passo e ad andare all'attacco della M1 gemella di Quartarato.

Una volta terzo, non si è accontentato ed è andato all'attacco delle due Ducati che lo precedevano. Zarco non è stato un ostacolo troppo grande da superare, mentre Bagnaia ha provato con tutte le sue forze a resistere, anche se probabilmente aveva chiesto un po' troppo alle sue gomme per comandare così a lungo.

Al 15esimo giro però non ha potuto nulla quando Maverick si è infilato con grinta all'interno e si è preso la leadership. Nello spazio di poche curve è stato chiaro che non avrebbe avuto modo di rispondergli e quindi il #12 si è potuto involare solitario e meritatamente verso la sua nona affermazione nella classe regina.

Anzi, Pecco un paio di giri più tardi è andato decisamente in crisi ed ha ceduto anche la piazza d'onore a Zarco. E' stato bravo però a non arrendersi quando ha visto arrivare anche il campione del mondo in carica Joan Mir, autore veramente di una bellissima rimonta con la Suzuki nella seconda parte di gara.

Il maiorchino ha infilato prima Bagnaia e poi era riuscito a trovare lo spazio per scavalcare anche Zarco, ma all'ultima curva è andato largo in uscita e quindi in accelerazione si è visto beffare dalle due Ducati, che hanno salvato il bilancio di Borgo Panigale, con il francese davanti al piemontese a completare il podio.

Per Mir comunque è stato il finale di un weekend in crescendo, che lo candida sicuramente al ruolo di uomo da tenere d'occhio nella gara di domenica prossima, che si disputerà sempre in Qatar. Chi invece è andato in calando sono Quartararo e Miller: il francese della Yamaha è riuscito almeno a limitare i danni, chiudendo quinto davanti all'altra Suzuki di Alex Rins.

L'australiano invece è precipitato in classifica, chiudendo addirittura nono. Davanti a lui si sono issati i fratelli Espargaro e sia in casa Aprilia che in casa Honda possono essere soddisfatti: Aleix ha ridotto a meno di sei secondi il ritardo dal vincitore e per la nuova RS-GP si tratta di un ottimo battesimo, ma anche Pol si è difeso piuttosto bene alla prima uscita sulla RC213V.

Così come può essere molto soddisfatto Enea Bastianini, che alla prima gara in MotoGP è stato il migliore dei rookie e si è portato a casa addirittura un ottimo decimo posto, togliendosi la soddisfazione di mettersi dietro un certo Valentino Rossi, che dopo il grande quarto tempo di ieri in gara non è andato oltre al 12esimo posto, lamentando una vibrazione dalla gomma posteriore.

Appena fuori dai punti Luca Marini, che ha chiuso alle spalle di un Martin precipitato indietro dopo il grande avvio. Un problema tecnico che si è manifestato praticamente subito ha relegato invece Franco Morbidelli in 18esima posizione, giusto davanti a Lorenzo Savadori. Out praticamente subito Danilo Petrucci, caduto alla seconda curva. Non è andata tanto meglio alle altre KTM: la prima delle RC16 è quella di Miguel Oliveira in 16esima piazza.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 22         25
2 France Johann Zarco Ducati 22 1.092       20
3 Italy Francesco Bagnaia Ducati 22 1.129       16
4 Spain Joan Mir Suzuki 22 1.222       13
5 France Fabio Quartararo Yamaha 22 3.030       11
6 Spain Alex Rins Suzuki 22 3.357       10
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 22 5.934       9
8 Spain Pol Espargaro Honda 22 5.990       8
9 Australia Jack Miller Ducati 22 7.058       7
10 Italy Enea Bastianini Ducati 22 9.288       6
11 Germany Stefan Bradl Honda 22 10.299       5
12 Italy Valentino Rossi Yamaha 22 10.742       4
13 Portugal Miguel Oliveira KTM 22 11.457       3
14 South Africa Brad Binder KTM 22 14.100       2
15 Spain Jorge Martin Ducati 22 16.422       1
16 Italy Luca Marini Ducati 22 20.916        
17 Spain Iker Lecuona KTM 22 21.026        
18 Italy Franco Morbidelli Yamaha 22 23.892        
19 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 22 46.346        
  Spain Alex Marquez Honda 13          
  Japan Takaaki Nakagami Honda 6          
  Italy Danilo Petrucci KTM 0          
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Gara

Prossimo Articolo

Vinales: “Più contento dei sorpassi su Ducati che della vittoria”

Vinales: “Più contento dei sorpassi su Ducati che della vittoria”
Carica commenti
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021