MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
3 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

MotoGP, Qatar, Libere 2: Miller nella doppietta Ducati

L'australiano sfiora il primato realizzato nei test e precede di 35 millesimi la Desmosedici GP gemella di Bagnaia. Terzo c'è Quartararo con la Yamaha, ma al momento sarebbero in Q2 anche Morbidelli e Rossi, settimo e nono. Continua a brillare l'Aprilia, ottava con Aleix Espargaro. Il campione Mir per ora in Q1.

MotoGP, Qatar, Libere 2: Miller nella doppietta Ducati

La Ducati ha rinnovato completamente la sua squadra ufficiale, ma il circuito di Losail sembra essere sempre un terreno di caccia importante per le Desmosedici GP: alla conclusione della prima giornata di prove del Gran Premio del Qatar, infatti, davanti a tutti ci sono le due Rosse, separate da loro da soli 35 millesimi.

Jack Miller non è riuscito a ripetere il crono con cui aveva chiuso in cima alla lista dei tempi nei test, ma un comunque buonissimo 1'53"387 gli è bastato per risultare il più rapido alla conclusione della FP2, davanti al compagno di squadra Pecco Bagnaia. E bisogna dire che le due Ducati Factory sembrano veramente dotate di un T4 impressionante.

Tra le altre cose, la festa Rossa avrebbe potuto essere anche tripla, perché fino a pochi istanti dalla bandiera a scacchi in terza posizione c'era Johann Zarco con la moto del Pramac Racing, ma poi è arretrato in quarta posizione, seppur distanziato di soli 199 millesimi. Davanti al francese si è infatti issato il connazionale Fabio Quartararo, in sella ad una Yamaha velocissima nel T2 e nel T3, che però poi finiva per pagare dazio alla Ducati nei tratti in cui invece è il motore a fare da padrone.

In generale, anche per la Casa di Iwata è stata una buona sessione, perché al momento le M1 sarebbero tutte qualificate direttamente per la Q2 e appare difficile pensare che lo scenario possa cambiare domani, visto che la FP3 si disputerà con temperature decisamente più alte.

Continuando a scorrere la classifica, infatti, in sesta e settima posizione ci sono Maverick Vinales e Franco Morbidelli, che ha lavorato molto a lungo sul passo gara, utilizzando anche la gomma media (la scelta più gettonata per questo turno è stata una doppia soft). Sotto al muro dell'1'54" poi c'è anche Valentino Rossi, che con il suo 1'53"874, migliore di quanto avesse fatto nei test, si è issato fino alla nona posizione.

Davanti alle pattuglia Yamaha c'è anche la Suzuki di Alex Rins, quinto a 236 millesimi, che in questo caso è riuscito a fare meglio del campione del mondo in carica Joan Mir. Il maiorchino è l'ultimo dei piloti che hanno infranto il muro dell'1'54", ma rischia seriamente di dover passare dalla Q1, perché si ritrova 11esimo per 13 millesimi. Questo però dice molto di quanto siano serrati i valori, perché paga appena mezzo secondo dalla vetta.

Gli ultimi due ad essere riusciti a piazzarsi nella top 10 sono i fratelli Espargaro, con l'Aprilia di Aleix che è riuscita ad avere la meglio sulla Honda di Pol. La RS-GP si è confermata una moto pronta per battagliare per le posizioni di vertice ed è in ottava piazza a 340 millesimi. Nonostante una scivolata alla penultima curva, il nuovo arrivato in HRC è invece l'unico baluardo Honda in top 10, con i due LCR Alex Marquez e Takaaki Nakagami che invece sono rispettivamente in 12esima e 14esima posizione.

Al momento quindi mancano all'appello le KTM. Che Losail non sia una pista adatta alla RC16 è risaputo, ma oggi è andata anche peggio del previsto, perché la migliore è solamente in 16esima piazza con Brad Binder. Addirittura 20esimo invece Danilo Petrucci, che però non è troppo più lento rispetto al sudafricano e questo tutto sommato è positivo per lui.

Buona invece la giornata dei rookie, capitanati questa volta da Jorge Martin, bravo a piazzarsi in 12esima posizione, anche se con un paio di decimi da recuperare sulla top 10. Le altre due Ducati di Enea Bastianini e Luca Marini sono invece 15esima e 17esima, rispettivamente a otto decimi ed un secondo. In coda al gruppo poi troviamo Lorenzo Savadori, che purtroppo con la sua Aprilia si trova a mezzo secondo da Iker Lecuona che lo precede.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Australia Jack Miller Ducati 17 1'53.387     170.813
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 16 1'53.422 0.035 0.035 170.760
3 France Fabio Quartararo Yamaha 17 1'53.575 0.188 0.153 170.530
4 France Johann Zarco Ducati 18 1'53.586 0.199 0.011 170.513
5 Spain Alex Rins Suzuki 19 1'53.623 0.236 0.037 170.458
6 Spain Maverick Viñales Yamaha 18 1'53.639 0.252 0.016 170.434
7 Italy Franco Morbidelli Yamaha 19 1'53.676 0.289 0.037 170.378
8 Spain Aleix Espargaro Aprilia 16 1'53.727 0.340 0.051 170.302
9 Italy Valentino Rossi Yamaha 19 1'53.874 0.487 0.147 170.082
10 Spain Pol Espargaro Honda 18 1'53.901 0.514 0.027 170.042
11 Spain Joan Mir Suzuki 18 1'53.914 0.527 0.013 170.022
12 Spain Alex Marquez Honda 17 1'54.115 0.728 0.201 169.723
13 Spain Jorge Martin Ducati 17 1'54.178 0.791 0.063 169.629
14 Japan Takaaki Nakagami Honda 16 1'54.199 0.812 0.021 169.598
15 Italy Enea Bastianini Ducati 17 1'54.228 0.841 0.029 169.555
16 South Africa Brad Binder KTM 15 1'54.371 0.984 0.143 169.343
17 Italy Luca Marini Ducati 17 1'54.432 1.045 0.061 169.253
18 Germany Stefan Bradl Honda 18 1'54.634 1.247 0.202 168.955
19 Portugal Miguel Oliveira KTM 17 1'54.756 1.369 0.122 168.775
20 Italy Danilo Petrucci KTM 16 1'54.774 1.387 0.018 168.749
21 Spain Iker Lecuona KTM 16 1'55.098 1.711 0.324 168.273
22 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 18 1'55.674 2.287 0.576 167.436
condivisioni
commenti
MotoGP, Qatar, Libere 1: Morbidelli parte a razzo

Articolo precedente

MotoGP, Qatar, Libere 1: Morbidelli parte a razzo

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Ducati vicina al limite? Lo spero per avvicinarci”

Morbidelli: “Ducati vicina al limite? Lo spero per avvicinarci”
Carica commenti
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021