Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP GP d'Olanda

MotoGP | Pramac lascerà Ducati per diventare team satellite Yamaha dal 2025

In attesa di un annuncio ufficiale, che verrà fatto questo fine settimana, il team italiano Pramac ha preso la decisione di interrompere la collaborazione con Ducati e di correre con le Yamaha a partire dal 2025.

Paolo Campinoti

Il Pramac Racing porrà fine ad una collaborazione quasi ventennale con la Ducati come squadra satellite per abbracciare l'offerta della Yamaha, una possibilità che era seriamente in ballo da mesi e che è stata riportata mercoledì Sky Sport Italia. Dopo aver contattato entrambi i team, Motorsport.com ha potuto confermare che la decisione è stata presa e l'annuncio ufficiale sarà dato questo fine settimana ad Assen, dove si svolgerà il Gran Premio d'Olanda, ottava tappa del calendario MotoGP 2024.

Con la decisione di lasciare la Ducati, Pramac rinuncia ad un contratto biennale come primo team partner della Casa bolognese, con diritto a due moto con le specifiche più recenti, uno status di cui godeva dal 2020 e a cui Ducati ha fissato una data di scadenza alla fine del 2026. Una decisione che è alla base del disaccordo tra la casa e Campinoti, e che alla fine ha portato ad una rottura prematura.

Pramac ha fatto il suo ingresso nel Campionato del Mondo MotoGP nel 2002, sponsorizzando il Team Honda Racing, e nel 2005 si è unita al Team D'Antin, che schierava già delle Ducati. Da allora il rapporto tra il costruttore e Campinoti ha attraversato momenti positivi e negativi, fino a quando nel 2020 Pramac è diventato un team partner, godendo delle migliori attrezzature del costruttore.

L'anno scorso le due parti hanno raggiunto un accordo per continuare a lavorare insieme anche nel 2025 e nel 2026, con le stesse condizioni e lo stesso materiale. Quest'anno, tuttavia, Campinoti ha rilevato un crescente interesse da parte di Ducati per la VR46, e il produttore ha addirittura sollevato la possibilità che Pramac "cedesse" una moto ufficiale al team di Valentino Rossi, scatenando la guerra tra le due parti.

Un accordo molto vantaggioso con Yamaha

La prima scelta della Yamaha, quando si trattava di riconquistare il team satellite perso due stagioni fa, non era altro che la VR46 di Rossi, pilota leggendario e ambasciatore del marchio di Iwata. Ma la risposta è stata subito negativa e Pramac è diventato il "piano B".

Sebbene le trattative non siano mai state interrotte, prima del Gran Premio d'Italia tutti i segnali della squadra erano di rimanere con Ducati, ma al Mugello il rifiuto di Marc Marquez di firmare per Pramac ha fatto prendere questa decisione.

La Ducati aveva raggiunto un accordo con Jorge Martin per portarlo nel team ufficiale ed aveva proposto a Pramac di creare una seconda struttura ufficiale per dare una casa a Marquez, ma lo spagnolo ha detto: "Pramac non è un'opzione per me".

Questo ha cambiato tutto, la Ducati si è tirata indietro dall'accordo con Martin, ha firmato Marc e Pramac ha preso la decisione di andarsene. "Siamo stati 20 anni in MotoGP senza Marquez, possiamo stare senza di lui anche la prossima stagione", aveva detto Campinoti al Mugello.

Questo fine settimana, approfittando del ritorno all'attività e della vicinanza al 30 giugno, termine ultimo per Pramac per rinunciare all'accordo con Ducati per il 2025 e il 2026 senza penali, il team italiano annuncerà ufficialmente che lascerà la Ducati a fine stagione. La Yamaha annuncerà quindi l'accordo con Pramac.

In attesa dei dettagli, l'accordo sarà pluriennale, prima fino alla fine del 2026, data in cui scadrà il contratto dei costruttori con Dorna, e successivamente, con l'entrata in vigore del nuovo regolamento tecnico della MotoGP, Pramac godrà di un contratto a lungo termine per diventare un team partner con materiale ufficiale Yamaha, che praticherà un prezzo ridotto per le moto e pagherà i piloti.

In questo capitolo, uno dei colpi di scena dell'estate potrebbe essere l'arrivo del pilota turco Toprak Razgatlioglu, anche se prima dovrà liberarsi del suo attuale contratto con la BMW.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Cecchinello: “Con Marc Ducati apre la porta ai mercati asiatici”
Prossimo Articolo MotoGP | Alex Marquez rinnova il contratto con Gresini per il 2025

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia