MotoGP: Pramac entra nel suo 20esimo anno con Zarco e Martin

La squadra di Paolo Campinoti apre un nuovo ciclo con l'arrivo del veterano francese e del rookie spagnolo, che avranno a disposizione due Ducati identiche a quelle ufficiali, che sono state presentate oggi con un video, ed il supporto della Casa di Borgo Panigale.

MotoGP: Pramac entra nel suo 20esimo anno con Zarco e Martin

Inizia una nuova era. Il Pramac Racing annunciava così sui suoi canali social il video che ha ufficialmente dato il via alla stagione 2021. La squadra di Paolo Campinoti si appresta ad iniziare il suo 20esimo campionato nella classe regina e lo farà con una formazione completamente rinnovata, dopo che Jack Miller e Pecco Bagnaia sono stati promossi entrambi nel team ufficiale Ducati.

Questo non vuol dire però che il supporto della Casa di Borgo Panigale verrà meno, anche perché questo sarà il 17esimo anno di una collaborazione fin qui molto proficua, alla quale è mancata solo la vittoria, sfiorata in almeno un paio di occasioni nel 2020.

I due nuovi arrivati, Johann Zarco e Jorge Martin, infatti disporranno di due Desmosedici GP identiche a quelle factory. Anzi, il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, ha ribadito che avranno un ruolo importante nello sviluppo, provando anche le nuove componenti, come è sempre stato negli ultimi anni per Pramac. Inoltre nel box ci saranno diversi tecnici provenienti direttamente da Borgo Panigale.

Campinoti non ha nascosto il suo orgoglio per la doppia promozione, ma è convinto di aver sostituito alla grande i piloti partenti: "Per noi quest'anno ci sarà modo di gioire con quattro piloti, perché la grande vittoria della nostra squadra è quella di aver portato Jack Miller e Pecco Bagnaia nel team ufficiale. Allo stesso tempo, diamo il benvenuto nella famiglia Pramac a due grandi piloti come Jorge Martin e Johann Zarco".

Delle aspettative del team invece ha parlato il team manager Francesco Guidotti, che si appresta a cominciare la sua decima stagione con i colori di Pramac, ma non si è sbilanciato troppo: "E' difficile dire quali possano essere. Abbiamo visto negli ultimi anni che c'è spazio un po' per tutti. Abbiamo due piloti che possono fare bene. Mi aspetto che Zarco sia più costante, avendo più esperienza, ma penso che faremo bene perché nella MotoGP odierna c'è davvero spazio per tutti. Martin è un esordiente, quindi dovrà fare un po' di esperienza nelle prime gare, ma arriverà anche lui".

Leggi anche:

Dopo aver mostrato le due Desmosedici GP, che hanno mantenuto un colorazione molto simile a quella della passata stagione, a prendere la parola per primo è stato proprio il rookie spagnolo, già campione del mondo della Moto3 nel 2018, che sembra davvero impaziente di cominciare la sua avventura nella classe regina.

"In MotoGP è tutto diverso. E' come iniziare da zero, ma sono molto contento di essere qui con Pramac e Ducati. Non vedo l'ora di iniziare, ma ormai manca poco. In passato ho vinto un Mondiale in Moto3, ho vinto delle gare, quindi penso di essere pronto per il salto in MotoGP", ha detto Martin.

"Mi sono sempre trovato bene quando ho lavorato con gli italiani in passati, quindi penso che potrà andare bene anche qui. Quando ero bambino, mio padre correva con la Ducati, quindi è un sogno essere qui. L'obiettivo è il titolo di Rookie of the Year, anche se mi interessa di più arrivare alla fine dell'anno con dei buoni risultati", ha aggiunto.

Il 2021 sarà invece un po' un anno della verità per Zarco. Dopo un 2019 da dimenticare, il francese ha ritrovato la competitività in sella alla Ducati GP19 del Team Esponrama, conquistando una pole ed un podio a Brno. Ora, in sella a quella factory di Pramac sarà chiamato ad un ulteriore salto di qualità.

"Sarà la mia seconda stagione con Ducati. Grazie a loro sono tornato ad un buon livello nel 2020 e nel 2021 sarebbe bello essere competitivo abbastanza da lottare per il podio e per la vittoria. Ci sono stati tanti nuovi vincitori l'anno scorso e questo mi porta a pensare che anche io lo posso diventare", ha detto Zarco.

"L'anno scorso avevo tante cose da imparare, mentre ora posso utilizzare tutto quello che ho appreso grazie al supporto della Ducati. Qui ne avrò ancora di più, come un pilota ufficiale, e questo è sicuramente un grande stimolo per fare bene", ha concluso.

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
1/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
2/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
3/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
4/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
5/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
6/7

Foto di: Pramac Racing

Jorge Martin, Johann Zarco, Pramac Ducati

Jorge Martin, Johann Zarco, Pramac Ducati
7/7
condivisioni
commenti
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Articolo precedente

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Prossimo Articolo

Podcast: 2011, l'ultima Yamaha senza Rossi

Podcast: 2011, l'ultima Yamaha senza Rossi
Carica commenti
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021