MotoGP: Pramac entra nel suo 20esimo anno con Zarco e Martin

La squadra di Paolo Campinoti apre un nuovo ciclo con l'arrivo del veterano francese e del rookie spagnolo, che avranno a disposizione due Ducati identiche a quelle ufficiali, che sono state presentate oggi con un video, ed il supporto della Casa di Borgo Panigale.

MotoGP: Pramac entra nel suo 20esimo anno con Zarco e Martin

Inizia una nuova era. Il Pramac Racing annunciava così sui suoi canali social il video che ha ufficialmente dato il via alla stagione 2021. La squadra di Paolo Campinoti si appresta ad iniziare il suo 20esimo campionato nella classe regina e lo farà con una formazione completamente rinnovata, dopo che Jack Miller e Pecco Bagnaia sono stati promossi entrambi nel team ufficiale Ducati.

Questo non vuol dire però che il supporto della Casa di Borgo Panigale verrà meno, anche perché questo sarà il 17esimo anno di una collaborazione fin qui molto proficua, alla quale è mancata solo la vittoria, sfiorata in almeno un paio di occasioni nel 2020.

I due nuovi arrivati, Johann Zarco e Jorge Martin, infatti disporranno di due Desmosedici GP identiche a quelle factory. Anzi, il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, ha ribadito che avranno un ruolo importante nello sviluppo, provando anche le nuove componenti, come è sempre stato negli ultimi anni per Pramac. Inoltre nel box ci saranno diversi tecnici provenienti direttamente da Borgo Panigale.

Campinoti non ha nascosto il suo orgoglio per la doppia promozione, ma è convinto di aver sostituito alla grande i piloti partenti: "Per noi quest'anno ci sarà modo di gioire con quattro piloti, perché la grande vittoria della nostra squadra è quella di aver portato Jack Miller e Pecco Bagnaia nel team ufficiale. Allo stesso tempo, diamo il benvenuto nella famiglia Pramac a due grandi piloti come Jorge Martin e Johann Zarco".

Delle aspettative del team invece ha parlato il team manager Francesco Guidotti, che si appresta a cominciare la sua decima stagione con i colori di Pramac, ma non si è sbilanciato troppo: "E' difficile dire quali possano essere. Abbiamo visto negli ultimi anni che c'è spazio un po' per tutti. Abbiamo due piloti che possono fare bene. Mi aspetto che Zarco sia più costante, avendo più esperienza, ma penso che faremo bene perché nella MotoGP odierna c'è davvero spazio per tutti. Martin è un esordiente, quindi dovrà fare un po' di esperienza nelle prime gare, ma arriverà anche lui".

Leggi anche:

Dopo aver mostrato le due Desmosedici GP, che hanno mantenuto un colorazione molto simile a quella della passata stagione, a prendere la parola per primo è stato proprio il rookie spagnolo, già campione del mondo della Moto3 nel 2018, che sembra davvero impaziente di cominciare la sua avventura nella classe regina.

"In MotoGP è tutto diverso. E' come iniziare da zero, ma sono molto contento di essere qui con Pramac e Ducati. Non vedo l'ora di iniziare, ma ormai manca poco. In passato ho vinto un Mondiale in Moto3, ho vinto delle gare, quindi penso di essere pronto per il salto in MotoGP", ha detto Martin.

"Mi sono sempre trovato bene quando ho lavorato con gli italiani in passati, quindi penso che potrà andare bene anche qui. Quando ero bambino, mio padre correva con la Ducati, quindi è un sogno essere qui. L'obiettivo è il titolo di Rookie of the Year, anche se mi interessa di più arrivare alla fine dell'anno con dei buoni risultati", ha aggiunto.

Il 2021 sarà invece un po' un anno della verità per Zarco. Dopo un 2019 da dimenticare, il francese ha ritrovato la competitività in sella alla Ducati GP19 del Team Esponrama, conquistando una pole ed un podio a Brno. Ora, in sella a quella factory di Pramac sarà chiamato ad un ulteriore salto di qualità.

"Sarà la mia seconda stagione con Ducati. Grazie a loro sono tornato ad un buon livello nel 2020 e nel 2021 sarebbe bello essere competitivo abbastanza da lottare per il podio e per la vittoria. Ci sono stati tanti nuovi vincitori l'anno scorso e questo mi porta a pensare che anche io lo posso diventare", ha detto Zarco.

"L'anno scorso avevo tante cose da imparare, mentre ora posso utilizzare tutto quello che ho appreso grazie al supporto della Ducati. Qui ne avrò ancora di più, come un pilota ufficiale, e questo è sicuramente un grande stimolo per fare bene", ha concluso.

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
1/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
2/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
3/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
4/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
5/7

Foto di: Pramac Racing

La moto della Pramac Racing

La moto della Pramac Racing
6/7

Foto di: Pramac Racing

Jorge Martin, Johann Zarco, Pramac Ducati

Jorge Martin, Johann Zarco, Pramac Ducati
7/7
condivisioni
commenti
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Articolo precedente

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Prossimo Articolo

Podcast: 2011, l'ultima Yamaha senza Rossi

Podcast: 2011, l'ultima Yamaha senza Rossi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Johann Zarco , Jorge Martin
Team Pramac Racing
Autore Matteo Nugnes
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021