MotoGP, Portimao, Libere 1: Oliveira al top, Savadori quarto!

Il portoghese ha fatto gli onori di casa, saltando davanti a Vinales a tempo scaduto. Sorprendono le Aprilia, terza e quarta con Espargaro ed un super Savadori. Le Ducati al momento tutte in Q1, così come tutti gli altri italiani. In grande difficoltà Valentino, solo 19esimo a 1"8.

MotoGP, Portimao, Libere 1: Oliveira al top, Savadori quarto!

Hanno avuto ben 70 minuti a disposizione i piloti della classe MotoGP per la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Portogallo, con 25 minuti extra concessi per prendere le misure al tracciato di Portimao anche a quelli che per il momento l'avevano scoperto solo con delle moto stradali.

Alla fine a mettere tutti in fila è stato il padrone di casa Miguel Oliveira, che proprio all'ultimo giro ha piazzato la sua KTM davanti a tutti in 1'40"122. Il portoghese ha beffato a tempo scaduto la Yamaha di Maverick Vinales, saltando davanti allo spagnolo di appena 40 millesimi.

In casa Aprilia sembrano aver sfruttato alla grande le concessioni, che nel test di ottobre le hanno permesso di schierare anche Aleix Espargaro, perché lo spagnolo si è arrampicato fino al terzo posto, a soli 114 millesimi.

Ma la grande sorpresa di questa FP1 è il quarto tempo dell'altra RS-GP di Lorenzo Savadori, anche lui in pista nel test di ottobre. Una prestazione che però potrebbe valere una candidatura nella lista dei piloti che la Casa di Noale sta valutando per la prossima stagione.

A completare la top 5 troviamo l'altra KTM di Pol Espargaro, ma qui i distacchi iniziano ad incrementarsi, perché lo spagnolo è a mezzo secondo dall'altra RC16 di Oliveira, tallonato a pochi millesimi da Cal Crutchlow, arrivato all'ultima gara della sua avventura in MotoGP con la Honda del Team LCR.

Settimo tempo per la Suzuki del campione del mondo Joan Mir, che si ritrova distante di sette decimi dalla vetta e tallonato a soli 21 millesimi dalla Yamaha Petronas di Fabio Quartararo. Il quadro dei dieci che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa poi con le due Honda di Takaaki Nakagami e di Stefan Bradl.

Questo vuol dire che al momento, ad eccezione di Savadori, tutti gli altri piloti di casa nostra sarebbero costretti a passare dalla Q1. Va detto però che il tempo per migliorare non manca, visto che anche la FP2 sarà di 70 minuti e che con il passare dei turni la pista finirà per gommarsi, permettendo di sfruttare anche le mescole di gomma più morbida.

Parlando dei nostri, Andrea Dovizioso è solo 12esimo, alle spalle della Suzuki di Alex Rins. E bisogna dire che le Ducati non hanno avuto un grande avvio sul saliscendi portoghese, perché il terzetto composto da Jack Miller, Pecco Bagnaia e Danilo Petrucci occupa le posizioni comprese tra la 16esima e la 18esima, anche se all'australiano è stato cancellato un crono che lo avrebbe addirittura proiettato in vetta. Tuttavia, al momento le Rosse sono tutte fuori dalla Q2.

Non è stata una sessione particolarmente brillante neppure per Franco Morbidelli, che non è riuscito a fare meglio del 13esimo ad 1" dopo la bellissima vittoria di domenica scorsa a Valencia. Sicuramente, però, se la passa peggio Valentino Rossi: il "Dottore" è addirittura 18esimo, con un ritardo di ben 1"8 dalla vetta, con alle sue spalle i soli Brad Binder, Tito Rabat ed il rientrante Mika Kallio, chiamato dal team Tech 3 a sostituire Iker Lecuona, risultato positivo al COVID-19.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Portugal Miguel Oliveira KTM 28 1'40.122     168.418
2 Spain Maverick Viñales Yamaha 31 1'40.162 0.040 0.040 168.351
3 Spain Aleix Espargaro Aprilia 27 1'40.236 0.114 0.074 168.226
4 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 25 1'40.297 0.175 0.061 168.124
5 Spain Pol Espargaro KTM 23 1'40.680 0.558 0.383 167.485
6 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 27 1'40.695 0.573 0.015 167.460
7 Spain Joan Mir Suzuki 26 1'40.856 0.734 0.161 167.192
8 France Fabio Quartararo Yamaha 29 1'40.877 0.755 0.021 167.158
9 Japan Takaaki Nakagami Honda 29 1'40.878 0.756 0.001 167.156
10 Germany Stefan Bradl Honda 29 1'40.920 0.798 0.042 167.086
11 Spain Alex Rins Suzuki 26 1'40.960 0.838 0.040 167.020
12 Italy Andrea Dovizioso Ducati 25 1'40.961 0.839 0.001 167.018
13 Italy Franco Morbidelli Yamaha 27 1'41.167 1.045 0.206 166.678
14 France Johann Zarco Ducati 29 1'41.181 1.059 0.014 166.655
15 Spain Alex Marquez Honda 31 1'41.228 1.106 0.047 166.578
16 Australia Jack Miller Ducati 26 1'41.271 1.149 0.043 166.507
17 Italy Francesco Bagnaia Ducati 25 1'41.433 1.311 0.162 166.241
18 Italy Danilo Petrucci Ducati 26 1'41.928 1.806 0.495 165.434
19 Italy Valentino Rossi Yamaha 26 1'41.946 1.824 0.018 165.405
20 South Africa Brad Binder KTM 28 1'42.082 1.960 0.136 165.184
21 Spain Tito Rabat Ducati 29 1'43.154 3.032 1.072 163.468
22 Finland Mika Kallio KTM 26 1'43.910 3.788 0.756 162.278
condivisioni
commenti
Bradl rinnova con Honda come tester e pilota di riserva

Articolo precedente

Bradl rinnova con Honda come tester e pilota di riserva

Prossimo Articolo

MotoGP, Portimao, Libere 2: zampata di Zarco, Rossi 21esimo

MotoGP, Portimao, Libere 2: zampata di Zarco, Rossi 21esimo
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021