Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia

MotoGP | Poncharal ringrazia KTM per "due piloti in grado di vincere" nel 2025

Con l'ingaggio di Enea Bastianini e Maverick Vinales, il team Tech3 si arricchisce di una coppia piloti capaci di vincere in MotoGP che, secondo Hervé Poncharal, portano la squadra ad un nuovo livello. Questi arrivi sono in linea con l'ambizione di KTM di avere quattro moto in prima linea.

Herve Poncharal, Red Bull GASGAS Tech3

Foto di: Marc Fleury

Dall'inizio del sodalizio con KTM nel 2019, Tech3 ha visto emergere diversi piloti, come Miguel Oliveira, vincitore di due gare per la squadra di Bormes-les-Mimosas, e naturalmente Pedro Acosta. La squadra ha già fatto affidamento su alcuni piloti esperti, come Danilo Petrucci e Pol Espargaro, ma nel 2025 cambierà il suo status.

Dopo soli due anni, l'identità visiva che associa Tech3 a GasGas scomparirà e la squadra tornerà a vestire i colori KTM, a simboleggiare la volontà del marchio di rendere il suo team satellite una struttura allo stesso livello del suo team ufficiale. Questa ambizione è illustrata dall'ingaggio di due piloti di punta, Enea Bastianini e Maverick Vinales, entrambi attualmente nella top 6 del campionato.

Questi arrivi sono stati resi possibili dalle turbolenze in Ducati, con la promozione di Marc Marquez che ha portato alla partenza di Bastianini e Jorge Martin, rifugiatosi in Aprilia. Cosa che sembra aver spinto anche Vinales a cambiare aria. Tech3 avrà quindi due piloti che hanno già vinto dei Gran Premi, cosa che la squadra non ha mai sperimentato prima!

Dopo aver portato Pedro Acosta, attualmente il miglior rappresentante di KTM e già promosso nel team ufficiale nel 2025, Hervé Poncharal non poteva sperare in qualcosa di meglio. "Il 2024 si sta già svolgendo come un sogno per Tech3", ha dichiarato il boss del team a Speedweek. "Grazie a Pedro, siamo riusciti a dimostrare la nostra forza e ad accelerare l'intero progetto insieme, intorno alla RC16. Abbiamo raggiunto una nuova tappa. Ci sarà un po' di malinconia nel non avere più Pedro nel nostro box, ma avremo una squadra che non è mai esistita prima nella nostra storia".

"Abbiamo sempre avuto ottimi piloti e continuo ad avere un grande rispetto per ognuno di loro, ma questo sodalizio di due top rider del momento, già vincitori in MotoGP, con noi non si è mai visto prima", ha sottolineato il francese, mostrando una forte ambizione: "Sono convinto che sia Enea che Maverick lotteranno per la vittoria sulla RC16. I buoni risultati sono il carburante che ci spinge tutti ad andare avanti e ci saranno anche due piloti in grado di vincere nel box vicino, con gli stessi colori. Quattro piloti che possono giocarsi la vittoria in ogni gara su una moto in grado di vincere, non si può chiedere di più".

Enea Bastianini, Ducati Team, Maverick Vinales, Aprilia Racing Team

Maverick Viñales et Enea Bastianini

Photo de: Gold and Goose / Motorsport Images

Tech3 potrebbe essere sul punto di vincere quest'anno con Pedro Acosta, un obiettivo che sembra molto più remoto per Augusto Fernandez, che quest'anno non è mai entrato nella top 10 in una gara principale. Con Bastianini e Vinales, il team satellite dovrebbe anche avere il potenziale per fare regolarmente il solletico al team ufficiale, una strategia pienamente approvata da KTM e che fa piacere a Tech3.

"Ho contattato Stefan Pierer (Direttore Generale KTM) e l'ho ringraziato per l'eccellente supporto", ha detto Poncharal. "La sua risposta è stata: 'Hervé, siamo forti solo insieme'. Per tutta la professionalità e l'aspetto commerciale della MotoGP, ha rafforzato ancora una volta la decisione presa sette anni fa. Se dovessi inviare un messaggio oggi, sarebbe: siate coraggiosi e seguite il vostro istinto e il vostro cuore!".

Una decisione strategica per KTM

KTM non teme che Tech3 possa prendere il sopravvento, perché l'obiettivo è far lavorare le due strutture all'unisono. Tech3 non avrà più una funzione di "junior team", ma sarà realmente coinvolta nel lavoro del team ufficiale durante i weekend dei Gran Premi, sfruttando la ricca condivisione di dati di cui beneficia Ducati. KTM ha imparato la lezione delle difficoltà incontrate da diversi piloti lanciati in MotoGP, come Iker Lecuona, Raúl Fernandez, Remy Gardner ed Augusto Fernandez, anche se questi ultimi due erano campioni del mondo in Moto2, e ha deciso di non promuovere più dei giovani per qualche tempo.

"È ovvio che non saremo in grado di offrire un posto a un giovane talento per i prossimi due anni", ha osservato Pit Beirer, direttore di KTM Motorsports, poiché entrambi i team sono al completo fino al 2026. "Se me lo chiedete, il mio desiderio sarebbe quello di avere sempre piloti che provengono dalla nostra Academy e che siano competitivi. Ma si vede la complessità e la difficoltà della MotoGP, e ci vuole davvero un rookie eccezionale per andare in MotoGP".

"Pedro ha dimostrato che era possibile, ma abbiamo anche avuto difficoltà a capire che anche un campione della Moto2 potesse avere difficoltà in MotoGP. Se si considera l'investimento nella MotoGP - molti, molti milioni - e lo si divide per quattro, il pacchetto per ogni pilota vale diversi milioni. Bisogna tenere conto di diverse cose, come i partner, e la nostra azienda che porta i soldi".

Maverick Vinales et Pit Beirer, directeur de KTM Motorsports

Maverick Viñales et Pit Beirer

Photo de: KTM Images

"Penso che in MotoGP non ci sia più tempo per dire 'Ok, facciamo un progetto di apprendimento'. È importantissimo fare risultato, non solo per criteri pubblicitari, ma anche per la qualità dell'intera squadra: abbiamo bisogno di quattro piloti forti, per avere un pilota vincente nel gruppo. Abbiamo bisogno di dati il venerdì mattina, immediatamente, per fare progressi prima della seconda sessione. Siamo più tranquilli a prendere dei vincitori dei GP e a creare un'emulazione interna per tutto il progetto".

"Non voglio decidere chi sia il nostro favorito, ma credo che Pedro e Brad trarranno vantaggio dall'avere due piloti forti. È stata una decisione fondamentale quella di puntare ai risultati, piuttosto che ad un nuovo programma di apprendimento".

Anche KTM sta vedendo il suo bacino di talenti prosciugarsi. Degli attuali membri della KTM GP Academy - Jose Antonio Rueda e Xabi Zurutuza, schierati in Moto3, e Celestino Vietti e Deniz Öncü, in Moto2 - nessuno sembra destinato a debuttare in MotoGP nel breve termine. Beirer si è quindi rivolto ad altre opzioni: "Onestamente, non vedo il prossimo pilota pronto. Se il prossimo Pedro fosse pronto in Moto2 per fare il salto, ovviamente lo prenderemmo subito, ma non vediamo nessuno pronto per il prossimo anno. Quindi abbiamo dovuto puntare su piloti di qualità".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | KTM svela di aver avuto contatti con Marquez e Martin
Prossimo Articolo MotoGP | Tardozzi: "Ducati non era pronta per Rossi, Marc scommessa diversa"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia