MotoGP | Pol Espargaro a Michelin: "Non è un male ammettere la colpa"

Pol Espargaro ha parlato a Termas de Río Hondo giovedì del cortocircuito che si è creato tra Honda e Michelin durante il Gran Premio d'Indonesia e ha detto che "non è una brutta cosa ammettere la colpa a volte".

MotoGP | Pol Espargaro a Michelin: "Non è un male ammettere la colpa"
Carica lettore audio

Lo scambio di dichiarazioni tra Honda e Michelin, dopo che il cambio della carcassa posteriore per il Gran Premio dell'Indonesia ha modificato anche i valori visti nei test pre-stagionali, nei quali Pol Espargaro era stato il più veloce, ha aggiunto un nuovo capitolo giovedì a Termas de Río Hondo.

Al pilota di Granollers è stata chiesta la sua analisi di quanto accaduto, e per il più giovane dei fratelli Espargaro la situazione è molto chiara.

"È molto facile capire cosa sia successo a Mandalika con le gomme. Le due squadre più forti nel test, con pneumatici normali, erano Honda e Suzuki. E quelli che hanno sofferto di più in gara, con le gomme nuove, sono stati anche Honda e Suzuki", ha detto Pol, che ha chiuso solo 12° in Indonesia.

La rabbia di Espargaró si è vista, al di là del cambio di gomme in sé, nell'atteggiamento della Michelin nei confronti della Honda, per come Piero Taramasso, responsabile dell'azienda francese nel campionato del mondo MotoGP, ha risposto ai commenti della Honda.

Leggi anche:

Per questo, lo spagnolo ritiene che la Michelin sia stata molto permalosa e crede che avrebbe dovuto semplicemente riconoscere l'errore di non essere stata in grado di prevedere le condizioni in Indonesia.

"Quando ho problemi con la mia moto, mi lamento della mia moto, della Honda, con la stampa, e non succede niente. Honda si assume la responsabilità. E quando non sono all'altezza, Honda lo dice. Ma, in questo paddock, non si può biasimare nessuno. Non è una brutta cosa ammettere la propria colpa a volte", ha detto.

"Quello che è chiaro è che, rispetto al test, i problemi si sono concentrati sull'ingresso in curva, e questo non ci era mai successo prima. E c'era stato solo un cambiamento in quel Gran Premio", ha aggiunto.

D'altra parte, Espargaro ha minimizzato l'importanza del ritardo nell'arrivo dell'ultimo aereo con il carico di alcune squadre, che ha costretto la sospensione dell'attività del venerdì, comprimendo il programma di sabato. La Honda non è stato colpita dall'accaduto, inoltre non è la prima volta che si va a correre a Termas de Rio Hondo, anche se ormai l'ultimo GP risale a tre anni fa.

"Non credo che sia colpa di nessuno. Ma, tutto sommato, penso che siamo i meno colpiti. In primo luogo perché abbiamo tutto il materiale, e in secondo luogo perché ho abbastanza esperienza su questa pista. Quindi so più o meno cosa aspettarmi. Ma ci sono molti esordienti che non hanno corso qui in MotoGP, quindi sarà più complicato".

condivisioni
commenti

MotoGP | Dovizioso: "Curioso del format di 2 giorni, l'avevo proposto"

MotoGP | Alex Marquez: "Non ho mai visto Marc così giù"