Vinales: "Oggi sono riuscito a spingere molto"

condivisioni
commenti
Vinales:
Di: Matteo Nugnes
16 ott 2015, 10:20

Il pilota della Suzuki ha trovato più grip rispetto al Giappone e il risultato è stato il terzo tempo odierno

Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP

Maverick Vinales e la sua Suzuki GSX-RR sono stati la grande rivelazione del venerdì di Phillip Island. Sfruttando al massimo la gomma soft al posteriore, il pilota spagnolo ha conquistato addirittura il terzo posto a fine giornata. Un risultato che potremmo definire anche inatteso, viste le difficoltà incontrate nelle ultime uscite.

È normale quindi che l'ex iridato della Moto3 sia rimasto molto soddisfatto del lavoro portato a termine: "Inanzitutto abbiamo migliorato molto l'assetto della nostra moto rispetto al Giappone. Abbiamo trovato un po' più grip ed abbiamo fatto un gran salto nelle prestazioni. Oggi sono riuscito a spingere molto, portando la moto al 100% delle sue possibilità e quando ci riusciamo siamo sempre competitivi".

Sul passo gara però c'è ancora da lavorare, soprattutto con la gomma più dura al posteriore: "Sono molto contento perché il team ha fatto un gran lavoro oggi, anche se dobbiamo migliorare ancora il nostro passo gara, lavorando ancora con la gomma più dura".

Essendo al primo anno in MotoGp, oggi Maverick ha utilizzato per la prima volta una gomma anteriore asimmetrica e il primo impatto sembra essere stato positivo: "Mi sono trovato molto bene nelle curve a sinistra, soprattutto in frenata ed in inserimento di curva. Lavoreremo ancora con questa gomma, ma se le temperature dovessero aumentare proveremo anche quella più dura".

Prossimo articolo MotoGP
Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Articolo precedente

Romano Fenati soddisfatto del set-up della sua KTM

Prossimo Articolo

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito

Non Vale giocare scorretto, ma il mondiale non è finito
Carica commenti