MotoGP

MotoGP | Perché Yamaha ha sei mesi per convincere Quartararo

La decisione della Yamaha di mettere da parte il motore della M1 2022 a causa dell'inaffidabilità, le promesse di un aggiornamento a Fabio Quartararo e la situazione anticipata del mercato lasciano al costruttore giapponese meno di sei mesi per evitare che il francese cerchi una via d'uscita.

A prescindere da ciò che accadrà nell'ultima gara della stagione a Valencia, dove Pecco Bagnaia ha tutto da giocarsi per regalare alla Ducati il secondo titolo piloti della sua storia, nessuno nel paddock della MotoGP ha dubbi sul fatto che Fabio Quartararo abbia guidato ben oltre le possibilità della moto che ha avuto a disposizione quest’anno. Questo è molto evidente se si confrontano le sue statistiche con quelle degli altri tre piloti in gara con la stessa moto. Oltre a essere l'unico ad aver vinto e ad essere salito sul podio (otto volte), El Diablo ha accumulato 235 punti su un totale di 308 per tutti i piloti Yamaha, un rapporto del 76,3%.

Per quanto riguarda i numeri, anche la maggior parte dei suoi avversari non manca di elogiarlo. "Quello che Fabio ha fatto quest'anno è incredibile. Ha una moto con la quale può andare forte in prova, quando è da solo. Ma in gara non gli dà la possibilità di lottare", ha detto Marc Marquez lo scorso fine settimana a Sepang. Lì, il campione del mondo in carica ha messo a segno una delle sue migliori prestazioni della stagione, conquistando il podio su un circuito che esalta la mancanza di potenza del suo prototipo, soprattutto se confrontato con la Ducati e la sua enorme velocità. Alla limitazione tecnica si aggiunge quella fisica, sotto forma di frattura del dito medio della mano sinistra, conseguenza della caduta di cui il pilota di Nizza è stato vittima sabato.

Probabilmente non c'è testimonianza più accurata dei risultati ottenuti da Quartararo di quella di Cal Crutchlow, il pilota collaudatore della Yamaha che da Aragon sostituisce Andrea Dovizioso nel team satellite, sponsorizzato da WithU. Il britannico conosce la M1, i suoi punti di forza e le sue debolezze quasi meglio di chiunque altro, e non solo per i chilometri percorsi durante i giorni di test, ma anche per il suo ritorno "forzato" alle corse. "Abbiamo bisogno di una moto che sia in grado di lottare con gli altri, perché ora possiamo andare veloci solo se guidiamo da soli. Ci manca la velocità in rettilineo per poter sorpassare", ha detto il pilota di Coventry, sempre in Malesia.

Il ruolo di Crutchlow è di fondamentale importanza, dato che è responsabile dello sviluppo della moto con cui la Yamaha deve convincere Quartararo di aver fatto bene a rinnovare il suo impegno per altri due anni, fino al 2024. Secondo entrambe le parti, la firma è avvenuta dopo che il costruttore si è impegnato con il suo pilota di punta a fare lo sforzo supplementare necessario per dargli le armi necessarie per lottare per il titolo senza doverlo fare in condizioni di svantaggio. La priorità, ovviamente, è quella di aumentare la potenza del motore. Il produttore giapponese è consapevole dell'urgenza e della necessità, per non dire dell'obbligo, di non ripetere gli errori del passato.

In una chiacchierata con Motorsport.com presso la sede Yamaha di Sepang, il direttore della Yamaha Lin Jarvis ha spiegato nel dettaglio l'origine della maggior parte dei problemi che hanno causato tanti grattacapi al campione in carica. Tutto nasce da un contrattempo tecnico avvenuto durante l'inverno, che ha portato gli ingegneri a prendere una decisione conservativa per evitare problemi maggiori.

"Abbiamo avuto un problema di affidabilità con l'unità che dovevamo introdurre nel 2022 e che stavamo sviluppando nel 2021. Per questo non abbiamo potuto omologarla. Non ha senso usare un motore più potente se non è affidabile", ha detto Jarvis all’autore di questo articolo. "Ovviamente, il primo problema che abbiamo dovuto affrontare è stato quello di dirlo a Fabio, in quanto campione del mondo. Quest'anno ha corso con lo stesso livello di potenza del 2021, e ovviamente non gli è piaciuto", ha aggiunto il britannico.

Ascoltando l'argomentazione di Jarvis è più facile capire perché Quartararo sia stato sempre così rispettoso della Yamaha, pur dovendo correre in condizioni di svantaggio. In Qatar ne era consapevole e una grande prima metà di stagione, con tre vittorie e sei podi su dieci possibili, gli aveva fatto sognare di conservare la seconda corona, prima che la reazione della Ducati, incarnata da Bagnaia, lo riportasse alla realtà.

"Fabio avrebbe potuto essere molto più duro con noi di quanto non sia stato, e per questo lo ringraziamo", afferma Jarvis. Per correggere questa mancanza di grinta, l'azienda si è rivolta allo specialista di motori Luca Marmorini, che non solo mira a eliminare la fragilità che impediva l'utilizzo della specifica 2022, ma anche ad aumentare un po' di più la sua potenza.  "Ci sono momenti in cui bisogna toccare il fondo per uscirne rafforzati, ed è per questo che a gennaio abbiamo ingaggiato il gruppo di Marmorini, per cercare di raddrizzare la maggiore debolezza della moto", afferma il dirigente.

Per essere sicuri di ottenere un buon risultato, Yamaha sta lavorando su diverse linee di sviluppo per cercare di trovare un motore che si avvicini il più possibile a quello ideale. Crutchlow sarà a Jerez questo venerdì e sabato, dove la sua missione principale nei due giorni di test sarà quella di mettere a punto il motore, con l'intenzione di far vedere a Quartararo che la reazione che chiede da tanto tempo si sta concretizzando.

"Siamo passati attraverso quattro evoluzioni del motore. Non c'è ancora una direzione chiara. La versione finale potrebbe non essere pronta a Valencia. Abbiamo bisogno di più potenza, di più velocità di punta. Ma abbiamo anche bisogno di altre cose che non si ottengono in una settimana", ha detto Crutchlow, prima di partire per la Spagna.

Yamaha si trova di fronte a una fase decisiva. A partire dal test di martedì dopo il Gran Premio di Valencia, e fino all'inizio del prossimo campionato a Portimao a fine marzo, il settore tecnico della squadra deve dare alla sua punta di diamante sufficienti garanzie per distogliere la mente dalla minima possibilità di iniziare a pensare a un cambiamento di scenario. Soprattutto se si tiene conto della velocità con cui si muove il mercato. La maggior parte dei piloti di punta inizierà un ciclo di due anni con le rispettive squadre nel 2023, ma allo stato attuale la pianificazione della griglia per il 2025 inizierà a prendere forma prima della prossima pausa estiva. A quel punto la Yamaha dovrà aver dimostrato a Quartararo di essere effettivamente in grado di dargli ciò che merita.

Leggi anche:
Articolo precedente

MotoGP | Ecco l’Agostini Fan Award, il premio al miglior sorpasso dell’anno

Prossimo Articolo

MotoGP | Pol Espargaró critica il piano Honda: “Sarà veloce solo Marc”

Ultimi video

Presentazione Red Bull KTM Factory Racing
MotoGP

LIVE MotoGP | Presentazione Red Bull KTM Factory Racing

MotoGP

Video MotoGP: Desmosedici GP, l'arma Ducati nel 2023

Altre Notizie

Prodotto

Hanno spoilerato l'arrivo della nuova Alfa Romeo Giulietta?

Intercontinental GT Challenge

Fotogallery IGTC | Lo spettacolo unico della 12h di Bathurst

Formula 1

F1 | Ferrari: ecco il vestiario per la stagione 2023

My Personal Information