MotoGP, Mugello, Warm-Up: a sorpresa spunta Nakagami

Il pilota della Honda è stato il più veloce, ma anche uno dei pochi ad aver ottenuto la sua prestazione con una gomma soft al posteriore. Nella sua scia ci sono Zarco e Binder. Solo 11esimo e 12esimo Quartararo e Bagnaia, con Pecco che ha problemi con una tuta stretta e con Marquez che lo tallona. Scivola Mir, Rossi è 17esimo dietro a Morbidelli.

MotoGP, Mugello, Warm-Up: a sorpresa spunta Nakagami

La perturbazione che minacciava il Mugello sembra essere passata oltre e sull'autodromo toscano splende il sole, anche se questo non ha impedito al Warm-Up di regalare una sorpresa, con la Honda di Takaaki Nakagami che si è issata in cima alla lista dei tempi.

Ad onor del vero, il giapponese era uno dei pochi piloti che montava una gomma soft al posteriore, anche se il suo 1'46"746 è stato sicuramente una prestazione interessante, che gli ha permesso di mettersi dietro una moto decisamente più accreditata al Mugello come la Ducati del Pramac Racing affidata a Johann Zarco, che ha chiuso distanziato di 86 millesimi con una coppia di gomme medie.

In terza posizione troviamo la KTM di un Brad Binder che si è confermato ancora particolarmente a suo agio su questa pista, ma sotto al muro dell'1'47" c'è sceso anche Alex Rins, nonostante il pilota della Suzuki si sia reso protagonista anche di un'escursione fuori pista, risolta comunque senza particolari problemi.

Dopo le scaramucce di ieri, è curioso che in quinta e sesta posizione ci siano Maverick Vinales, primo tra i pilot Yamaha, e Marc Marquez. In questi 20 minuti l'otto volte campione del mondo ha proseguito con la sua strategia di seguire dei piloti più veloci, ma questa volta nel suo mirino c'era Pecco Bagnaia.

Il pilota della Honda ha anche rischiato di tamponare il ducatista ad un certo punto, ma poi lo ha perso di vista quando è finito lungo al Correntaio. In ogni caso, stamattina Pecco non era esattamente il traino ideale, visto che si è trovato alle prese con una tuta nuova che era un po' stretta e quindi non era particolarmente a suo agio.

Non deve stupire quindi il suo 12esimo tempo, anche se il piemontese continua a marcare a vista il poleman Fabio Quartararo, che lo precede in 11esima posizione con un margine di poco più di un decimo. Comunque le Ducati ormai ci hanno abituati a non brillare particolarmente nel Warm-Up, come certificato anche dal 19esimo tempo di Jack Miller.

Ancora attardate le due Yamaha con i colori Petronas, con Franco Morbidelli che occupa la 16esima posizione, giusto davanti a Valentino Rossi. I due italiani sono staccati rispettivamente di otto e nove decimi. E' andata decisamente meglio stamattina invece per Danilo Petrucci ed Enea Bastianini, che si sono arrampicati fino all'ottavo ed al nono posto. In coda al gruppo invece Luca Marini e Lorenzo Savadori.

Bisogna registrare poi la scivolata al Palagio del campione del mondo Joan Mir, che comunque poi è riuscito anche a rientrare in pista dopo essere stato ricondotto ai box, chiudendo comunque solo 13esimo. Miguel Oliveira invece si è visto sventolare la bandiera nera con il punto arancio quando la sua KTM ha iniziato a fumare dal posteriore. Il portoghese a fine turno si è quindi ritrovato 14esimo proprio dietro a Mir.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Japan Takaaki Nakagami Honda 11 1'46.746     176.887
2 France Johann Zarco Ducati 10 1'46.832 0.086 0.086 176.744
3 South Africa Brad Binder KTM 11 1'46.989 0.243 0.157 176.485
4 Spain Alex Rins Suzuki 10 1'46.994 0.248 0.005 176.477
5 Spain Maverick Viñales Yamaha 11 1'47.032 0.286 0.038 176.414
6 Spain Marc Márquez Alenta Honda 9 1'47.095 0.349 0.063 176.310
7 Spain Alex Marquez Honda 11 1'47.172 0.426 0.077 176.184
8 Italy Danilo Petrucci KTM 11 1'47.180 0.434 0.008 176.170
9 Italy Enea Bastianini Ducati 11 1'47.213 0.467 0.033 176.116
10 Spain Aleix Espargaro Aprilia 6 1'47.216 0.470 0.003 176.111
11 France Fabio Quartararo Yamaha 11 1'47.224 0.478 0.008 176.098
12 Italy Francesco Bagnaia Ducati 9 1'47.353 0.607 0.129 175.887
13 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'47.424 0.678 0.071 175.770
14 Portugal Miguel Oliveira KTM 7 1'47.557 0.811 0.133 175.553
15 Italy Michele Pirro Ducati 10 1'47.578 0.832 0.021 175.519
16 Italy Franco Morbidelli Yamaha 11 1'47.611 0.865 0.033 175.465
17 Italy Valentino Rossi Yamaha 11 1'47.650 0.904 0.039 175.401
18 Spain Pol Espargaro Honda 11 1'47.700 0.954 0.050 175.320
19 Australia Jack Miller Ducati 10 1'47.702 0.956 0.002 175.317
20 Spain Iker Lecuona KTM 11 1'47.785 1.039 0.083 175.182
21 Italy Luca Marini Ducati 11 1'48.629 1.883 0.844 173.820
22 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 11 1'49.060 2.314 0.431 173.134
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio d'Italia: Warm-Up
Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio d'Italia: Warm-Up

Prossimo Articolo

MotoGP: la griglia di partenza del GP d'Italia

MotoGP: la griglia di partenza del GP d'Italia
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021