Un guasto al motore costa il primo ritiro a Iannone

Fin da subito il ducatista aveva ravvisato un calo di potenza, ma sperava di riuscire ad arrivare in fondo

Decisamente sfortunata la gara di Motegi per Andrea Iannone, che partiva dalla seconda fila con il quinto tempo. Dopo una buona partenza il pilota di Vasto, transitato sul traguardo in quinta posizione alla fine del primo giro, ha perso diverse posizioni nelle tornate successive, fino a doversi fermare lungo il tracciato nel corso dell’undicesimo passaggio a causa di un guasto al propulsore della sua Ducati Desmosedici GP15. Quello maturato nel Gp del Giappone è il primo ritiro della stagione 2015 per il pilota abruzzese.

"Non è stata una gara semplice perché già in partenza il motore della mia GP15 non aveva la spinta giusta. Avevo percepito che potesse esserci un problema, ma speravo che non fosse così. Quando però ho visto che tutti i miei avversari riuscivano a superarmi con facilità in uscita di curva e sul rettilineo ho capito che le prestazioni della mia moto non erano al solito livello. Ho cercato comunque di fare il massimo, e mi stavo difendendo con tutte le mie forze, ma purtroppo non sono riuscito lo stesso ad arrivare al traguardo" ha detto Iannone.

Anche Gigi Dall'Igna ha confermato il guasto al motore, anche se al momento gli uomini di Borgo Panigale ne devono ancora chiarire la natura: "La gara di Iannone iè stata purtroppo compromessa da un problema al motore della sua GP15, su cui adesso dovremo far chiarezza" ha aggiunto il Direttore Generale di Ducati Corse.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Iannone
Team Ducati Team
Articolo di tipo Commento