MotoGP, Misano: Marquez piega Quartararo all'ultimo giro

Il pilota della Honda ritrova la vittoria spuntandola proprio all'ultimo giro su Quartararo e vola a +93 su Dovizioso, oggi sesto. Sul podio c'è anche Vinales, mentre Rossi è quarto davanti a Morbidelli, ma ad oltre 12".

MotoGP, Misano: Marquez piega Quartararo all'ultimo giro

Marc Marquez è tornato. Dopo due gare in cui è uscito sconfitto all'ultima curva, il pilota della Honda è tornato ad imporre la sua legge a Misano ed ha aspettato proprio l'ultima tornata per sferrare l'attacco decisivo ad un Fabio Quartararo che è andato veramente vicino a centrare la sua prima vittoria in MotoGP.

Al via è stato Maverick Vinales a prendere il comando delle operazioni, scattando bene dalla pole position, ma la sua leadership è durata appena un paio di passaggi. Al terzo giro, infatti, il francesino della Yamaha Petronas lo ha passato con decisione al Curvone, provando subito a scavare un solco alle sue spalle.

Un paio di giri più tardi anche Marquez si è sbarazzato di Vinales con un sorpasso aggressivo al Tramonto e poi si è messo in caccia di Quartararo, con il poleman che invece ha iniziato piano piano a perdere terreno, lasciando da soli i primi due.

Questa volta però il leader del Mondiale non ha voluto scoprire le sue carte ed ha lasciato che fosse il rivale a dettare il ritmo praticamente fino alla fine dei 27 giri in programma, rimanendo comunque incollato al codone della sua M1.

L'attacco lo ha sferrato alla prima staccata all'inizio dell'ultimo giro, infilandosi all'interno, ma Quartararo gli ha replicato con grinta alla staccata della Curva 4, rimettendosi davanti, anche se per poco: alla 8 Marc si è infilato nuovamente all'interno e solamente una sbacchettata all'uscita della 10 ha concesso a Fabio un ultima chance. Alla curva 14 però Marquez ha chiuso tutti i varchi e quindi Quartararo si è dovuto accontentare del secondo posto per evitare un contatto.

Settima vittoria stagionale quindi per il pilota della Honda, che mette anche il suo ottavo Mondiale, il sesto nella classe regina, in ghiaccio. Quartararo comunque può essere soddisfatto per la sua gara, perché questo è il suo quarto podio stagionale ed oggi ha dimostrato che manca davvero poco per la sua prima affermazione nella classe regina.

Dopo la pole di ieri, Vinales invece ha potuto fare solo da spettatore al duello dei primi due, avvicinandosi nel finale, ma mai senza avvicinarsi abbastanza da entrare nella lotta. Per lui comunque è un podio importante, che conferma i progressi della Yamaha, anche perché di M1 ce ne sono ben quattro nelle prime cinque posizioni.

Ai piedi del podio c'è stato infatti il duello tutto italiano tra Valentino Rossi e Franco Morbidelli, con il "maestro" che alla fine ha avuto la meglio sull'allievo, che però gli è rimasto attaccato fino alla fine. Il problema semmai è il distacco del "Dottore", che anche oggi ha confermato che gli manca qualcosa per giocarsela con le altre Yamaha, chiudendo a 12".

Subito dietro c'è la Ducati di Andrea Dovizioso, con il forlivese che ha perso un po' di tempo all'inizio, dovendo rialzare la moto per non centrare Rossi al primo giro. Poi nel finale si è rifatto sotto alle due Yamaha degli italiani, ma anche per lui il distacco è troppo pesante e soprattutto nel Mondiale ora sono ben 93 i punti da recuperare su Marquez.

Dopo la grande prima fila di ieri, Pol Espargaro ha via via perso posizioni e alla fine si è dovuto accontentare di piazzare la sua KTM in settima posizione, mentre a seguire c'è l'unica Suzuki superstite, quella di Joan Mir. E' durata solo 16 giri infatti la gara di Alex Rins, caduto alla curva 4 perdendo l'anteriore della sua Suzuki proprio pochi istanti dopo essere stato punito con una Long Lap Penalty mentre viaggiava in settima posizione. Out anche Pecco Bagnaia purtroppo, scivolato nello stesso punto nel corso del 12esimo giro, ma quando era fuori dalla top 10.

E' andata meglio, ma non c'è troppo da gioire comunque, per le altre due Ducati di Jack Miller e Danilo Petrucci, che hanno chiuso in nona e decima posizione. Questo piazzamento permette almeno a "Petrux" di riprendersi il terzo posto nel Mondiale, anche se con appena 2 punti di margine su Rins. Inoltre va detto che fino a pochi giri dal termine era addirittura alle spalle del collaudatore Michele Pirro, poi costretto al ritiro per una caduta.

In casa Honda l'unico che gioisce è Marquez comunque, con Cal Crutchlow e Takaaki Nakagami finiti entrambi ruote all'aria e Jorge Lorenzo ancora autore di una prova incolore: il maiorchino non è ancora al 100%, ma 47" di ritardo ed il 14esimo posto sono davvero deludenti. Qualche punticino poi lo porta a casa anche l'unica Aprilia in gara, quella di Aleix Espargaro, 12esimo. Il compagno Andrea Iannone era invece unfit per un infortunio alla spalla sinistra.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 27 42'25.163     161.3 25
2 France Fabio Quartararo Yamaha 27 42'26.066 0.903 0.903 161.3 20
3 Spain Maverick Viñales Yamaha 27 42'26.799 1.636 0.733 161.2 16
4 Italy Valentino Rossi Yamaha 27 42'37.823 12.660 11.024 160.5 13
5 Italy Franco Morbidelli Yamaha 27 42'37.937 12.774 0.114 160.5 11
6 Italy Andrea Dovizioso Ducati 27 42'38.907 13.744 0.970 160.5 10
7 Spain Pol Espargaro KTM 27 42'45.213 20.050 6.306 160.1 9
8 Spain Joan Mir Suzuki 27 42'47.675 22.512 2.462 159.9 8
9 Australia Jack Miller Ducati 27 42'51.717 26.554 4.042 159.7 7
10 Italy Danilo Petrucci Ducati 27 42'56.619 31.456 4.902 159.4 6
11 France Johann Zarco KTM 27 42'57.551 32.388 0.932 159.3 5
12 Spain Aleix Espargaro Aprilia 27 42'59.640 34.477 2.089 159.2 4
13 Spain Tito Rabat Ducati 27 43'00.488 35.325 0.848 159.1 3
14 Spain Jorge Lorenzo Honda 27 43'12.410 47.247 11.922 158.4 2
15 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 27 43'27.443 1'02.280 15.033 157.5 1
16 Portugal Miguel Oliveira KTM 27 43'32.994 1'07.831 5.551 157.2  
17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 27 43'49.829 1'24.666 16.835 156.1  
18 Japan Takaaki Nakagami Honda 26 43'07.607 1 Lap 1 Lap 152.8  
  United Kingdom Cal Crutchlow Honda 22 35'00.485 5 Laps 4 Laps 159.3  
  Italy Michele Pirro Ducati 21 33'42.043 6 Laps 1 Lap 158.0  
  Spain Alex Rins Suzuki 15 23'45.558 12 Laps 6 Laps 160.0  
  Italy Francesco Bagnaia Ducati 11 17'35.661 16 Laps 4 Laps 158.5  
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, GP di San Marino: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP di San Marino: Gara

Prossimo Articolo

Márquez: "L’episodio con Rossi mi ha dato una motivazione extra”

Márquez: "L’episodio con Rossi mi ha dato una motivazione extra”
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021