Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

MotoGP | Mir ha paura di ripetere il fallimento di Lorenzo in Honda

Joan Mir ha ammesso di avere paura di ripetere gli stessi fallimenti di Jorge Lorenzo e Pol Espargaro con la Honda in MotoGP.

Joan Mir, Repsol Honda Team crash

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il campione del mondo 2020 è passato alla squadra ufficiale Honda per questa stagione dopo che la Suzuki ha abbandonato il Mondiale alla fine dello scorso anno.

Mir è il quinto pilota diverso in sei anni ad affiancare Marc Marquez alla Honda, dopo Dani Pedrosa nel 2018, Lorenzo nel 2019, Alex Marquez nel 2020 ed Espargaro nel bienno 2021/2022.

L'ultimo anno di Pedrosa è stato il primo senza vittorie in MotoGP per il pilota spagnolo, mentre la carriera di Lorenzo in MotoGP è stata di fatto conclusa dai guai patiti in Honda. Alex Marquez è passato alla Ducati Gresini dopo aver faticato negli ultimi due anni con la LCR Honda e in appena due gare è riuscito a salire sul podio.

La stagione di Mir è stata finora molto deludente, avendo ottenuto solo cinque punti nelle prime cinque gare in un anno in generale difficile per la Honda, nonostante l'inattesa vittoria di Alex Rins nel Gran Premio delle Americhe con la RC213V del Team LCR.

Dopo la doppia caduta nel GP di Francia, Mir ha ammesso di avere "paura" di subire lo stesso destino di Lorenzo ed Espargaro alla Honda, viste le difficoltà che sta affrontando.

"Sicuramente ho paura, perché voglio vincere", ha detto. "È molto difficile per un pilota come me vedersi nella posizione in cui mi trovo".

"La mia motivazione è vincere le gare, salire sul podio, essere nel gruppo dei migliori, questo è ciò che mi dà il carburante per farlo. È da molto tempo che non ho questo carburante".

Joan Mir, Repsol Honda Team

Joan Mir, Repsol Honda Team

Photo by: Marc Fleury

La Honda ha introdotto il suo telaio Kalex al GP di Francia per Marc Marquez e Mir, con il primo che ha notato che il nuovo telaio è stato un netto miglioramento, anche se altre aree della moto devono ancora essere sistemate.

Marquez è riuscito a qualificarsi secondo e a lottare per il podio in entrambe le gare a Le Mans, ma Mir ha ammesso che sia lui che la Honda "non capiscono di cosa ho bisogno per essere forte".

"Quello che vorrei fare, non riesco a farlo", ha spiegato. "Credo che al momento la squadra non capisca di cosa ho bisogno per essere forte".

"Inoltre, non capisco cosa devo fare per guidare questa moto in modo migliore e per essere performante, perché cerco di guidare in modo diverso, di creare uno stile diverso".

"Ma al momento non è il mio stile naturale, non siamo nella posizione in cui vogliamo per portare la velocità in curva e aprire il gas un po' prima".

"Ogni volta che sono largo, apro la traiettoria. Al momento siamo in difficoltà. Questo è un dato di fatto".

Leggi anche:
Joan Mir, Repsol Honda Team

Joan Mir, Repsol Honda Team

Photo by: Marc Fleury

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Musica e sport al Mugello con la DJ Indira Paganotto
Prossimo Articolo MotoGP | Oliveira incerto sul rientro al Mugello

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia