Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista
MotoGP GP di Catalogna

MotoGP | Masini: “Tenere Marquez è il piano A, ma abbiamo anche altri piani”

A Barcellona, Motorsport.com ha parlato con Michele Masini, team manager Gresini Racing. L'obiettivo della squadra faentina è di mantenere la coppia formata da Alex e Marc Márquez anche per la prossima stagione. Tuttavia, non nasconde di avere dei piani diversi per tenersi pronta in qualsiasi situazione.

Marc Marquez, Gresini Racing, Alex Marquez, Gresini Racing

Si attendeva il 2024 con tanta aspettativa, molti contratti sono in scadenza e, se qualcuno ha firmato il rinnovo, molti altri sono in attesa di sapere cosa faranno nel 2025. Tra questi c’è Marc Marquez, che dovrà decidere se continuare con il team Gresini o prendere altre strade. L'otto volte iridato è oggetto del desiderio del team Ducati ufficiale, ma bisognerà attendere ancora un po' prima di sapere la decisione finale. 

Il team Gresini Racing però non resta a guardare. La squadra capitanata da Nadia Padovani si trova in terza posizione in campionato con il pilota di Cervera, a cui ancora manca il successo ma che ha mostrato un adattamento incredibilmente rapido alla Desmosedici GP23. Motorsport.com ha parlato in esclusiva con Michele Masini, team manager Gresini Racing, per avere un'idea dei piani della squadra faentina. Non solo Marc... Anche Alex è coinvolto nel mercato piloti. L'obiettivo della formazione indipendente Ducati è quello di restare così com'è, ma non nasconde di avere dei piani diversi per tenersi pronta in qualsiasi situazione. 

Marc Marquez, Gresini Racing

Marc Marquez, Gresini Racing

Foto di: Marc Fleury

Se un anno fa ti avessero detto che Gresini avrebbe avuto una line-up d’eccezione come quella attuale, come avresti reagito?
“Apro il discorso da Marc. È stato lui a scegliere noi, quindi ci ha dato tantissima fiducia che adesso cerchiamo di ripagare nel miglior modo possibile con tanta responsabilità. Vorrei però anche dare una medaglia al Gresini Racing. Siamo partiti dal 2022 e abbiamo fatto risultati con tutti i piloti che abbiamo avuto, che sono ben quattro. Abbiamo iniziato con Enea Bastianini, abbiamo portato Fabio Di Giannantonio alla vittoria. Quest’anno Alex Marquez ha qualche difficoltà in più dal punto di vista tecnico, ma abbiamo fatto tanti risultati e sappiamo che ci potrà dare tante soddisfazioni. Con Marc stiamo già avendo risultati eccellenti”.

“La scelta di Alex, e di conseguenza quella di Marc che sarà stata influenzata, penso sia stata un po’ merito nostro. Se non avessimo costruito tra il 2021 e il 2022 un team così, con Ducati, con tutta questa voglia e i risultati, non ci avrebbe mai portato quello che abbiamo oggi all’interno del box. Al momento sono state tutte scelte che ci hanno ripagato e stanno fruttando”.

Queste scelte nel tempo vi stanno dando ragione. Si crea anche una sinergia particolare all’interno del box? Al netto del grado di parentela dei due compagni di squadra…
“Il nostro valore aggiunto quest’anno è quello di sfruttare il loro rapporto. Ci confrontiamo a fine sessione con loro due e i rispettivi capotecnici. Non succede spesso, magari solo nei momenti difficili, perché il compagno di box è il primo rivale. Si spronano a vicenda”.

Alex Marquez, Gresini Racing

Alex Marquez, Gresini Racing

Foto di: Marc Fleury

Alex ha anche più esperienza di Marc con la Ducati, anche se si sta trovando più in difficoltà con la GP23…
“Per tutti i piloti che hanno la GP23 l’approccio è stato diverso, un po’ più faticoso perché è una moto con un grande potenziale, ma è molto sensibile da mettere a punto. Anche Alex, come gli altri piloti, veniva da sensazioni diverse. Dove era molto forte, ora sente cose differenti, quindi dobbiamo cercare di avvicinarci. Dovremo cercare di tirare fuori in tutte le gare l’Alex di Jerez”.

Paradossalmente, Marc ha vita più facile perché la Ducati non l’ha mai guidata fino ad ora…
“Ha un’esperienza completamente diversa, è un otto volte campione del mondo. Ma è l’unico pilota che guidava un’altra moto, quindi per lui è stato un primo approccio. È stata la prima Ducati che ha conosciuto. La sua storia di adattamento a moto, setting e tutto il resto è abbastanza diversa”.

Alla luce di questa situazione tecnica e umana, l’obiettivo del 2025 è quello di tenere sia Alex che Marc? Il mercato piloti è già in fermento…
“Esatto, diciamo che non si può negare che non sia il nostro piano A…

Avete altri piani? B? C?
“I piani bisogna sempre averli e ci saranno sempre. È chiaro che è una situazione che si muoverà a catena. Prima si muoveranno i top rider e poi tutto il resto della griglia”.

Marc Marquez, Gresini Racing

Marc Marquez, Gresini Racing

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Non solo mercato piloti, ma anche team, moto. L’obiettivo sarà anche avere almeno una delle due Ducati ufficiale nel 2025?
“Con Ducati noi abbiamo un contratto anche per il 2025. Stiamo collaborando molto intensamente e molto bene. Il rapporto cresce, perché questo è il terzo anno di collaborazione. Gresini Racing ha sempre avuto l’aspirazione di diventare in futuro, non so se prossimo o più avanti, il team di riferimento di una casa. Abbiamo tanta esperienza alle spalle e ovviamente anche avere la moto factory è la naturale evoluzione di un percorso.

A proposito di evoluzioni di percorso e di ufficiali: se arrivasse una proposta, ti sentiresti pronto a vestire questo ruolo ma in un team ufficiale pur dovendo lasciare la famiglia Gresini?
“Sinceramente, siamo talmente tanto immersi in questo anno che non ci ho mai pensato. Quest0anno poi secondo me è chiave, perché mai come ora abbiamo una possibilità di crescere tanto grande. Cerchiamo di carpire, soprattutto da Marc, tutto quello che si muove dietro al vedere in pista un campione come lui. È molto particolare, c’è un’attenzione diversa per ogni dettaglio, c’è un’esigenza abbastanza forte rispetto ad altri piloti, senza sminuire gli altri. È un anno che ci vogliamo godere fino all’ultimo senza pensare a cosa faremo l’anno prossimo. È chiaro che le aspettative di risultati sono enormi, ma ce la stiamo godendo proprio! Quindi penso al 2024”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Aleix si ritira: “Un bel viaggio, orgoglioso di dove sono arrivato”
Prossimo Articolo MotoGP | Pramac rinnova tre anni con Prima e festeggia con una livrea speciale

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia