Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
MotoGP GP d'Olanda

MotoGP | Martin: "Ad Assen Bagnaia è di un altro pianeta"

Il leader del Mondiale oggi non era in grado di reggere il confronto con un Bagnaia in forma smagliante. Pur non avendo feeling con la gomma anteriore dura, però, è riuscito a limitare i danni e a chiudere secondo nella Sprint di Assen, mantenendo 15 punti di vantaggio sul rivale italiano.

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Perdere non piace mai a nessuno, ma probabilmente per Jorge Martin oggi è corretto provare a guardare alla Sprint di Assen vedendo il bicchiere mezzo pieno. Il leader del Mondiale è parso in evidente difficoltà nella giornata di ieri, poi oggi in qualifica ha sfiorato l'impresa di battere Pecco Bagnaia, al quale si è inchinato per appena 81 millesimi nonostante il giro mostruoso del campione del mondo in carica.

In gara però i suoi limiti sono venuti nuovamente fuori, quindi il portacolori del Prima Pramac Racing non ha potuto fare altro che ammettere la superiorità del rivale, che lo ha distanziato di oltre due secondi. Gli va però riconosciuto il merito di essere riuscito a limitare i danni, facendosi recuperare appena 3 punti dal rivale, che ora lo segue a -15.

"Dopo il venerdì che abbiamo fatto non potevo aspettarmi di salire sul podio oggi, abbiamo lavorato duramente, ma Pecco è ancora su un altro pianeta. Ho cercato di seguirlo ma con la gomma anteriore dura non avevo un buon feeling: alla fine sono riuscito a farla funzionare, ma non al massimo. È stata una gara molto, molto veloce, con un ritmo che non ho avuto per tutto il weekend, quindi ho dovuto metterci molto il fisico per tenere quel ritmo. Spero di salire sul podio domani, anche se sarà molto difficile", ha detto Martin.

Su quali siano stati i suoi punti deboli oggi non ha grossi dubbi: lo scarso feeling con la gomma anteriore dura, che gli è costato anche qualche brivido, ma anche la superiorità di Bagnaia nell'affrontare il T2 della "Cattedrale". E' quello probabilmente l'aspetto su cui dovrà cercare di lavorare con i suoi ragazzi stasera.

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jorge Martin, Pramac Racing, Maverick Vinales, Aprilia Racing Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jorge Martin, Pramac Racing, Maverick Vinales, Aprilia Racing Team

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

"Volevo correre con una gomma diversa (la morbida), ma quando ho visto in griglia che la temperatura dell'asfalto era di 51 gradi, ho capito che era impossibile e ho dovuto usare la gomma dura all'anteriore. Ma non mi sentivo per niente a mio agio", ha spiegato "Martinator".

"Perdevo molto l'anteriore, ho avuto molti spaventi, uno all'inizio quando ho rischiato di cadere, e devo migliorare molto nel T2: è incredibile come Pecco passi in quella zona. Siamo migliorati, ma dobbiamo continuare a progredire se vogliamo avere una chance nella gara di domani. È il mio punto debole, il resto della pista funziona bene per me, ma devo migliorare in quelle curve perché perdo due decimi che non posso recuperare", ha aggiunto.

La sua speranza poi è che domani la temperatura si possa abbassare, permettendo una scelta diversa a livello di gomme. In caso contrario, bisognerà essere molto realisti e concreti: "Vedremo quale sarà la gomma di domani per la gara. Oggi con una temperatura minore sarebbe stato un test ideale per capire se la mescola morbida avrebbe retto. Se la temperatura si abbassa, abbiamo la possibilità di cambiare, ma in questo momento tutto indica che dovremo correre con la gomma dura e, soprattutto, dobbiamo essere consapevoli delle armi che avranno i miei avversari".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Bagnaia domina e spaventa i rivali: "C'era ancora del margine"
Prossimo Articolo MotoGP | Rabbia Marquez: “Errore mio al 100%, ma era evitabile”

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia