MotoGP | Marquez: "Sembra che la seconda Honda Repsol andrà a Mir"

Marc Marquez ha parlato delle mosse di mercato della Honda in un'intervista concessa a DAZN.

MotoGP | Marquez: "Sembra che la seconda Honda Repsol andrà a Mir"
Carica lettore audio

Marc Marquez è in disparte dal GP d'Italia, quando ha deciso di scendere dalla sua moto a tempo indeterminato. Il motivo? Sottoporsi ad un ulteriore intervento chirurgico al braccio destro, con il quale spera di porre fine una volta per tutte alle limitazioni di cui soffre dall'incidente di Jerez all'inizio del 2020.

DAZN ha diffuso un'intervista all'otto volte campione del mondo, nella quale conferma, come già visto nei video precedenti, che sta tornando ad allenarsi per recuperare un po' di tono muscolare, anche se con un grado di cautela importante.

"Alla fine di agosto, dopo dodici settimane dell'operazione, ho una TAC, nella quale dobbiamo vedere l'evoluzione dell'osso e ci darà la risposta se possiamo aumentare o meno il ritmo del recupero", spiega.

"Se per qualsiasi motivo dovessi prolungare il recupero di due settimane, dovrò farlo, perché non posso buttare via tutto il lavoro fatto finora", ha aggiunto il pilota della Honda. Il suo entourage non si è stancato di ripetere che si tratta di un processo lungo in cui deve prevalere la calma per favorire un recupero completo. Come ha detto lo stesso pilota in diverse occasioni: "Ci sono molte gare, ma c'è un solo corpo".

"Quando i medici diranno che sono abbastanza forte, una delle prime cose che farò sarà andare in moto, perché è lì che i muscoli specifici di cui hai bisogno lavoreranno meglio e potremo arrivare al 100% il prima possibile".

 

In questa intervista Marc analizza anche il mercato piloti, in un'estate che si preannuncia particolarmente movimentata a causa dell'uscita della Suzuki dal campionato al termine della stagione in corso. "È stato un anno interessante in termini di mercato. Ci sono molte mosse. I piloti che erano in Honda si sono trasferiti, mio fratello in Ducati, Pol in KTM...", ha detto il numero 93.

"Sono rimasti due posti alla Honda. Uno sarà preso da Alex Rins, un grande pilota, come ha dimostrato a Silverstone, dove era ad un ottimo livello. Sembra, così dicono, che la seconda Honda Repsol andrà a Joan Mir. Non c'è nulla di confermato, almeno per quanto ne so", ha rivelato.

Per lui, l'arrivo di nuovi nomi nel marchio non è una questione banale: "Mi occupo di Honda e della squadra. La mia intenzione e la mia speranza sono quelle di rivedere la Honda al top, non come l'ho vista nelle ultime gare. Abbiamo bisogno di un lavoro di squadra, che non ci faccia perdere nessuna informazione lungo il percorso, e che i piloti diano tutti il 100%".

Ma ha riconosciuto anche che i piloti hanno bisogno di "aiuto" dal Giappone. "Abbiamo bisogno di un cambiamento. Tutti i piloti stanno soffrendo. Quando ho guidato quest'anno è stata una sofferenza; non solo per il braccio, ma anche perché non mi sentivo bene con la moto, ed è lì che dobbiamo cambiare per lottare per il Campionato del Mondo nelle prossime stagioni", ha concluso.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
MotoGP | Un anno dal "salvataggio" di Maverick Vinales
Articolo precedente

MotoGP | Un anno dal "salvataggio" di Maverick Vinales

Prossimo Articolo

MotoGP | Dovizioso, candidato ideale per rappresentare i piloti?

MotoGP | Dovizioso, candidato ideale per rappresentare i piloti?