MotoGP, Márquez: “Mai imposto il veto, non lascerò Honda"

Marc Márquez insiste sul fatto che non metterà alcun veto sui compagni di squadra e vuole che siano gli altri piloti a dimostrare di poter vincere con la Honda.

MotoGP, Márquez: “Mai imposto il veto, non lascerò Honda"

Da quando Marc Márquez è arrivato in MotoGP nel 2013, è diventato il punto di riferimento di Honda ed è il pilota più titolato della marca. Il peso dello spagnolo è aumentato sempre di più con il passare degli anni e praticamente è l’unico pilota in grado di vincere con la RC213V.  

Infatti, i suoi ultimi due compagni di squadra Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo non sono riusciti a salire sul podio con questa moto nel 2018 e nel 2019 rispettivamente. Entrambi poi hanno finito con il ritirarsi dalle gare. Nelle ultime due stagioni, il bilancio assoluto di Honda a parte Márquez sono i cinque podi ed una vittoria conquistati da Cal Crutchlow. I piloti che hanno guidato la stessa moto del campione del mondo in carica non hanno molti dubbi nel definirla complicata.

Leggi anche:

Anche se Honda si è mossa rapidamente in questo inverno rinnovando Marc Márquez fino al 2024, ciò non impedisce alla Casa dell’ala dorata di continuare a pianificare il futuro. Nel 2020, l’altro lato del box Repsol vedrà il debutto di Álex Márquez, ma il rookie trascorrerà solo una stagione nel team ufficiale, a seguito dell’accordo raggiunto con Pol Espargaró per il 2021.

Qualche giorno prima che Motorsport.com rivelasse la notizia di Espargaró, Marc Márquez è intervenuto nel podcast Carreras cruzadas di Red Bull Spagna e gli è stato chiesto se dovesse lasciare Honda per dimostrare il suo valore come pilota. Il campione del mondo MotoGP ha ribadito che non ha intenzione di andar via dal team giapponese, anzi. Ha invitato altri piloti a dimostrare che possono vincere con la RC213V.

Leggi anche:

“Sono sempre stato molto chiaro – afferma Márquez – Ci sono due Honda identiche alla mia. Quella del mio compagno di squadra e quella di Cal Crutchlow. Al momento, se io sono felice, non ho bisogno di motivazioni e le cose vanno bene. Se un altro pilota pensa di poter vincere con questa moto, ce n’è un’altra. Se vai in Honda e dici ‘non mi interessa l’aspetto economico, io penso di essere in grado di vincere con questa moto’, ti danno la moto anche domani”.

“In tutta la mia carriera, non ho mai messo il veto su un compagno di squadra, perché questo significherebbe avere paura. Ho avuto Dani Pedrosa, che è stato un grande campione. Poi ho avuto Jorge Lorenzo ed in futuro non si può sapere. Ora ho mio fratello, campione di Moto2. Voglio sentirmi a mio agio dove sono. Mi ci sto sentendo e le cose vanno bene, non vedo per quale motivo cambiare. Non ho bisogno di una motivazione extra”.

condivisioni
commenti
MotoGP, Petrucci: “Mi piacerebbe correre con Aprilia o KTM”

Articolo precedente

MotoGP, Petrucci: “Mi piacerebbe correre con Aprilia o KTM”

Prossimo Articolo

Smith proverà le evoluzioni Aprilia mercoledì a Misano

Smith proverà le evoluzioni Aprilia mercoledì a Misano
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021