MotoGP, Márquez: “Mai imposto il veto, non lascerò Honda"

Marc Márquez insiste sul fatto che non metterà alcun veto sui compagni di squadra e vuole che siano gli altri piloti a dimostrare di poter vincere con la Honda.

MotoGP, Márquez: “Mai imposto il veto, non lascerò Honda"

Da quando Marc Márquez è arrivato in MotoGP nel 2013, è diventato il punto di riferimento di Honda ed è il pilota più titolato della marca. Il peso dello spagnolo è aumentato sempre di più con il passare degli anni e praticamente è l’unico pilota in grado di vincere con la RC213V.  

Infatti, i suoi ultimi due compagni di squadra Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo non sono riusciti a salire sul podio con questa moto nel 2018 e nel 2019 rispettivamente. Entrambi poi hanno finito con il ritirarsi dalle gare. Nelle ultime due stagioni, il bilancio assoluto di Honda a parte Márquez sono i cinque podi ed una vittoria conquistati da Cal Crutchlow. I piloti che hanno guidato la stessa moto del campione del mondo in carica non hanno molti dubbi nel definirla complicata.

Leggi anche:

Anche se Honda si è mossa rapidamente in questo inverno rinnovando Marc Márquez fino al 2024, ciò non impedisce alla Casa dell’ala dorata di continuare a pianificare il futuro. Nel 2020, l’altro lato del box Repsol vedrà il debutto di Álex Márquez, ma il rookie trascorrerà solo una stagione nel team ufficiale, a seguito dell’accordo raggiunto con Pol Espargaró per il 2021.

Qualche giorno prima che Motorsport.com rivelasse la notizia di Espargaró, Marc Márquez è intervenuto nel podcast Carreras cruzadas di Red Bull Spagna e gli è stato chiesto se dovesse lasciare Honda per dimostrare il suo valore come pilota. Il campione del mondo MotoGP ha ribadito che non ha intenzione di andar via dal team giapponese, anzi. Ha invitato altri piloti a dimostrare che possono vincere con la RC213V.

Leggi anche:

“Sono sempre stato molto chiaro – afferma Márquez – Ci sono due Honda identiche alla mia. Quella del mio compagno di squadra e quella di Cal Crutchlow. Al momento, se io sono felice, non ho bisogno di motivazioni e le cose vanno bene. Se un altro pilota pensa di poter vincere con questa moto, ce n’è un’altra. Se vai in Honda e dici ‘non mi interessa l’aspetto economico, io penso di essere in grado di vincere con questa moto’, ti danno la moto anche domani”.

“In tutta la mia carriera, non ho mai messo il veto su un compagno di squadra, perché questo significherebbe avere paura. Ho avuto Dani Pedrosa, che è stato un grande campione. Poi ho avuto Jorge Lorenzo ed in futuro non si può sapere. Ora ho mio fratello, campione di Moto2. Voglio sentirmi a mio agio dove sono. Mi ci sto sentendo e le cose vanno bene, non vedo per quale motivo cambiare. Non ho bisogno di una motivazione extra”.

condivisioni
commenti
MotoGP, Petrucci: “Mi piacerebbe correre con Aprilia o KTM”
Articolo precedente

MotoGP, Petrucci: “Mi piacerebbe correre con Aprilia o KTM”

Prossimo Articolo

Smith proverà le evoluzioni Aprilia mercoledì a Misano

Smith proverà le evoluzioni Aprilia mercoledì a Misano
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021