MotoGP: Marini svela i segreti dell'holeshot Ducati

Dopo averlo provato per la prima volta al GP di Stiria, Luca Marini ha svelato alcuni dettagli inediti dell'holeshot della Ducati, a oggi il dispositivo più avanzato tra quelli proposti dai team nella classe regina del Motomondiale.

MotoGP: Marini svela i segreti dell'holeshot Ducati

Luca Marini, uno dei due piloti titolari del team Esponsorama di MotoGP, ha avuto modo di correre per la prima volta con il dispositivo holeshot sulla sua Ducati Desmosedici lo scorso fine settimana, al Red Bull Ring, al Gran Premio di Stiria.

Dopo un comprensibile lasso di tempo in cui ha avuto bisogno di prendere confidenza con il nuovo dispositivo, che permette al posteriore della moto di abbassarsi e migliorare la trazione in uscita di curva, Marini ha iniziato a usarlo con naturalezza. In fondo si tratta di un pulsante in più da premere, ma al momento giusto.

Se l'innesco del dispositivo sembra molto semplice, Marini ha rivelato aspetti molto interessanti dell'holeshot, rimasti inediti sino a oggi. Al GP di Stiria lui ha utilizzato un assetto standard del device inventato e portato per la prima volta in gara dalla Ducati, ma dietro - o meglio, dentro - a questo sistema c'è molto di più. Si tratta di una serie di assetti variabili che permettono ai piloti di fare diverse regolazioni, abbassando e alzando la moto con la velocità più gradita.

"L'holeshot è molto interessante, un sistema molto tecnologico e la Ducati a mio avviso ha fatto davvero un grande passo avanti. E' nettamente avanti alle altre, anche come funzionamento. E' un sistema che si può proprio modificare molto, il tempo della discesa o anche come risale il posteriore".

"Per il momento non abbiamo ancora toccato nulla, nel primo fine settimana abbiamo usato i parametri standard che ci ha fornito Ducati. Vediamo se in questo fine settimana riusciremo a perfezionare qualcosa. Perché ci sono piloti a cui piace che la moto si abbassi il più tardi possibile, ad altri piace che si sieda subito. Io sono partito con l'assetto standard, ma credo che si possa anche provare a lavorare per vedere se riusciamo a trovare anche altri miglioramenti".

Marini ha rivelato anche che, sebbene l'holeshot sia un dispositivo molto complesso e variegato nelle sue possibilità d'assetto, l'attivazione in gara si è rivelata piuttosto semplice e praticamente immediata. Dopo aver provato il sistema nella sua versione standard, Marini potrebbe provare a modificare i primi parametri in questo weekend, in vista del Gran Premio d'Austria.

"Per quanto riguarda l'automatismo, diciamo che durante la gara ogni giro era più facile usarlo. Nei primi giri è stato più complicato, perché ogni giro devi premere tanti pulsanti, e quindi non è facile se si considera che ora dobbiamo premere anche quello. Però verso metà gara in poi è diventata proprio una cosa automatica. Spero di ripartire da quel punto in questo weekend. Mi sento già capace di usarlo".

"Come detto, possiamo iniziare a lavorarci, sistemare e modificare qualcosa. Magari il tempo di abbassamento o risalita del posteriore. Però più o meno mi sento al pari degli altri. Anzi, non necessito di ulteriore tempo per imparare. Anzi, mi piace imparare cose nuove e velocemente".

condivisioni
commenti
Ufficiale: al Red Bull Ring arriva una chicane per la MotoGP dal 2022

Articolo precedente

Ufficiale: al Red Bull Ring arriva una chicane per la MotoGP dal 2022

Prossimo Articolo

Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"

Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021