MotoGP: Marini svela i segreti dell'holeshot Ducati

Dopo averlo provato per la prima volta al GP di Stiria, Luca Marini ha svelato alcuni dettagli inediti dell'holeshot della Ducati, a oggi il dispositivo più avanzato tra quelli proposti dai team nella classe regina del Motomondiale.

MotoGP: Marini svela i segreti dell'holeshot Ducati

Luca Marini, uno dei due piloti titolari del team Esponsorama di MotoGP, ha avuto modo di correre per la prima volta con il dispositivo holeshot sulla sua Ducati Desmosedici lo scorso fine settimana, al Red Bull Ring, al Gran Premio di Stiria.

Dopo un comprensibile lasso di tempo in cui ha avuto bisogno di prendere confidenza con il nuovo dispositivo, che permette al posteriore della moto di abbassarsi e migliorare la trazione in uscita di curva, Marini ha iniziato a usarlo con naturalezza. In fondo si tratta di un pulsante in più da premere, ma al momento giusto.

Se l'innesco del dispositivo sembra molto semplice, Marini ha rivelato aspetti molto interessanti dell'holeshot, rimasti inediti sino a oggi. Al GP di Stiria lui ha utilizzato un assetto standard del device inventato e portato per la prima volta in gara dalla Ducati, ma dietro - o meglio, dentro - a questo sistema c'è molto di più. Si tratta di una serie di assetti variabili che permettono ai piloti di fare diverse regolazioni, abbassando e alzando la moto con la velocità più gradita.

"L'holeshot è molto interessante, un sistema molto tecnologico e la Ducati a mio avviso ha fatto davvero un grande passo avanti. E' nettamente avanti alle altre, anche come funzionamento. E' un sistema che si può proprio modificare molto, il tempo della discesa o anche come risale il posteriore".

"Per il momento non abbiamo ancora toccato nulla, nel primo fine settimana abbiamo usato i parametri standard che ci ha fornito Ducati. Vediamo se in questo fine settimana riusciremo a perfezionare qualcosa. Perché ci sono piloti a cui piace che la moto si abbassi il più tardi possibile, ad altri piace che si sieda subito. Io sono partito con l'assetto standard, ma credo che si possa anche provare a lavorare per vedere se riusciamo a trovare anche altri miglioramenti".

Marini ha rivelato anche che, sebbene l'holeshot sia un dispositivo molto complesso e variegato nelle sue possibilità d'assetto, l'attivazione in gara si è rivelata piuttosto semplice e praticamente immediata. Dopo aver provato il sistema nella sua versione standard, Marini potrebbe provare a modificare i primi parametri in questo weekend, in vista del Gran Premio d'Austria.

"Per quanto riguarda l'automatismo, diciamo che durante la gara ogni giro era più facile usarlo. Nei primi giri è stato più complicato, perché ogni giro devi premere tanti pulsanti, e quindi non è facile se si considera che ora dobbiamo premere anche quello. Però verso metà gara in poi è diventata proprio una cosa automatica. Spero di ripartire da quel punto in questo weekend. Mi sento già capace di usarlo".

"Come detto, possiamo iniziare a lavorarci, sistemare e modificare qualcosa. Magari il tempo di abbassamento o risalita del posteriore. Però più o meno mi sento al pari degli altri. Anzi, non necessito di ulteriore tempo per imparare. Anzi, mi piace imparare cose nuove e velocemente".

condivisioni
commenti
Ufficiale: al Red Bull Ring arriva una chicane per la MotoGP dal 2022

Articolo precedente

Ufficiale: al Red Bull Ring arriva una chicane per la MotoGP dal 2022

Prossimo Articolo

Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"

Petrucci: "L'offerta KTM per la Dakar mi piace. Ci devo pensare"
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021