Losail, Libere 3: Aleix Espargaro prenota la pole!

Losail, Libere 3: Aleix Espargaro prenota la pole!

La Forward Yamaha migliora ancora, bene anche le Ducati (Iannone 2°, Dovi 4°). Continua la crisi dei big

Passano le sessioni, ma i big continuano a faticare davvero tanto in quel di Losail. Il Gp del Qatar, dunque, rischia seriamente di riservare grandi sorprese con tanti outsider pronti a fare da protagonisti. Nelle Libere 3, quelle che segnavano la prima tagliola nella strada verso la Q2, nomi altisonanti come quelli di Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Valentino Rossi hanno dovuto sudare sette camicie per guadagnarsi l'accesso diretto, mentre davanti a dettare il ritmo è stata ancora una volta la Forward Yamaha "Open" di Aleix Espargaro. Il pilota spagnolo ha ritoccato nuovamente la sua miglior performance, scendendo fino 1'54"773 ed è rimasto ancora l'unico in grado di scendere sotto al muro dell'1'55". Dunque, sembra sempre di più il principale favorito per la prima pole position della stagione, che sarà in palio nelle qualifiche di domani. Attenzione però anche alle Ducati, che in configurazione "Factory with concessions" hanno fatto davvero bene in questo ultimo turno: la grande sorpresa è senza dubbio Andrea Iannone, che ha portato la sua GP14 del Team Pramac in seconda posizione, staccato di 413 millesimi da Espargaro. Andrea Dovizioso però non è stato tanto da meno, risultando più lento di una manciata di millesimi e chiudendo quarto, alle spalle anche della Honda di Alvaro Bautista, nuovamente il migliore tra i piloti "full Factory" con la RCV213V del Team Gresini. Nonostante non sia ancora al 100% della forma fisica, dopo la frattura del perone rimediata circa un mese e mezzo fa in allenamento, alla fine Marc Marquez è stato il migliore tra i big, chiudendo la FP3 in quinta posizione, anche se distanziato di quasi sette decimi da Espargaro. Dietro di lui stupisce poi anche il fatto che la migliore delle Yamaha sia quella di Bradley Smith, protagonista anche di uno spaventoso highside, nel quale fortunatamente se l'è cavata senza particolari conseguenze. La stessa cosa non si può dire però per la sua M1 del Team Tech 3, andata decisamente in pezzi. Solo settimo Jorge Lorenzo, anche se potremmo quasi dire che lo spagnolo può tirare un sospiro di sollievo, visto che fino a cinque minuti dalla fine non pareva in grado di schiodare la sua M1 dall'undicesima posizione. E' andata anche peggio a Valentino Rossi, che ha eliminato Pol Espargaro per circa un decimo, artigliando proprio in extremis la decima piazza. Le due Yamaha ufficiali, dunque, continuano a patire una grande carenza di grip che rischia di rendere davvero in salita il resto del loro weekend. E non è andata tanto meglio a Dani Pedrosa, che è l'unico tra i primi dieci a non essere riuscito a migliorare il tempo della sessione precedente, piazzando la sua Honda della HRC comunque all'ottavo posto nella cumulativa (decimo nella FP3), davanti all'altra RC213V di Stefan Bradl. Detto dell'esclusione di Pol Espargaro, l'altro eliminato di lusso è senza ombra di dubbio Cal Crutchlow: il nuovo pilota della Ducati è caduto con la sua moto preferita e, una volta salito sull'altra, non è riuscito a sfruttare al meglio la gomma più morbida, chiudendo 12esimo, giusto davanti a Nicky Hayden, che si è confermato il migliore tra i piloti in sella alle Honda RCV1000R "Open". Da segnalare, infine, l'altra caduta senza conseguenze che ha avuto per protagonista Mike Di Meglio ed anche l'arrivo di qualche leggera goccia di pioggia nella fase centrale del turno, che comunque non ha pregiudicato le prestazioni in pista.

Classifica Cumulativa FP1-FP2-FP3

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Aleix Espargaro
Articolo di tipo Ultime notizie