MotoGP, Lorenzo: “Spesso ho esasperato le rivalità con i piloti”

Jorge Lorenzo sostiene che è difficile essere amici con i propri rivali ed ammette di aver forzato la mano sulle rivalità con altri piloti per darsi una motivazione extra.

MotoGP, Lorenzo: “Spesso ho esasperato le rivalità con i piloti”

I grandi campioni trovano spesso la loro motivazione nelle grandi rivalità che hanno con altri piloti e Jorge Lorenzo non fa eccezione. Il tre volte campione del mondo MotoGP ha affrontato Valentino Rossi e Marc Márquez e riconosce che i rapporti sono stati a volte molto complicati con i suoi nemici. Secondo lui, queste difficoltà sono dovute al fatto di condividere uno stesso obiettivo, con la volontà dei piloti di mantenere le rivalità per motivarsi al massimo.

Jorge Lorenzo parla proprio di questo aspetto: “È molto complicato essere amico di qualcuno che non è della tua stessa famiglia e che vuole la tua stessa cosa. L’abbiamo visto con altri sportivi, anche se si guarda il documentario The Last Dance. Lo stesso Michael si creava dei nemici immaginati per motivarsi ed essere più forte. Personalmente, riconosco che spesso ho esasperato alcune situazioni e dichiarazioni fatte verso di me da parte di altri piloti per poter avere più rabbia, motivazione o come volete chiamarla, per poi diventare più forte alla gara successiva”.

Leggi anche:

Ormai ritirato alla fine di una stagione 2019 molto complicata, Lorenzo ha potuto fare un passo indietro e riguardare i suoi vecchi avversari in maniera diversa: “Nel mondo in cui viviamo, la cosa più importante è vincere, ottenere la fetta più grande della torta. Facciamo il possibile per ottenere ciò che vogliamo. Una volta che ci si ritira, la situazione cambia completamente e non si ha più bisogno di creare dei nemici o esasperare la rivalità con altri piloti. Non è più importante”.

Il suo rapporto con Márquez è stato complicato quando quest’ultimo è arrivato trionfante in MotoGP, ma i due hanno imparato a conoscersi, fino a diventare compagni di squadra nel 2019. Questo ha permesso loro di seppellire definitivamente l’ascia di guerra, anche perché la competizione in pista fra i due era completamente inesistente. Secondo Lorenzo, è stata anche questa differenza di livello ad aver impedito che il loro rapporto si incrinasse all’interno del team.

“Per la maggior parte del tempo, il nostro rapporto è stato buono – afferma Lorenzo – non ci sono stati problemi. Ci siamo capiti meglio nel 2019 rispetto agli anni precedenti. La verità è che abbiamo imparato a conoscerci meglio e siamo diventati più intimi, soprattutto alla fine. Lui era ad un altro livello, si batteva per il titolo mentre per me era molto dura invece. Non combattevamo per la stessa cosa e questo ha sicuramente facilitato la nostra convivenza. Ma il nostro rapporto è migliorato, abbiamo passato più tempo insieme”.

condivisioni
commenti
La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM

Articolo precedente

La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM

Prossimo Articolo

Dovizioso ko col cross: si teme una frattura alla clavicola

Dovizioso ko col cross: si teme una frattura alla clavicola
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021