MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
4 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Canceled
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
102 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
124 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
137 giorni
23 ott
-
25 ott
Canceled
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
151 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
166 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
180 giorni

MotoGP, Lorenzo: “Ecco come ho battuto Márquez nel 2015”

condivisioni
commenti
MotoGP, Lorenzo: “Ecco come ho battuto Márquez nel 2015”
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
21 mag 2020, 07:35

Da quando Marc Márquez è arrivato in MotoGP, solo Jorge Lorenzo è riuscito ad interrompere il suo dominio nel 2015. Ora Yamaha ha ingaggiato il maiorchino per aiutare i suoi piloti a compiere l’ultimo passo per battere il pilota Honda.

L’arrivo di Valentino Rossi in Yamaha nel 2004 ha rappresentato un cambio radicale nelle forze in campo nel mondiale, dato che fino a quel momento Honda dominava. In nove stagioni, la Casa di Iwata ha conquistato sei titoli piloti, cedendone solo due a Honda ed uno a Ducati.

Tuttavia, l’arrivo di Marc Márquez in MotoGP ha ribaltato nuovamente la situazione a favore del team HRC, che da allora ha portato a casa sei titoli, perdendo solo nel 2015 contro Yamaha. Dopo aver toccato il fondo nel 2017 e nel 2018, la Casa dei tre diapason ha iniziato a vedere la luce in fondo al tunnel nel 2019 e ha provato il tutto per tutto per provare a tornare in lotta per un titolo che manca dal 2015, anno dell’ultimo mondiale di Jorge Lorenzo.

Proprio lo spagnolo, dopo aver annunciato il ritiro, è stato contattato da Yamaha per tornare nel team come collaudatore e poter aiutare i piloti titolari a mettere fine al dominio Honda. Il tre volte campione del mondo MotoGP ha spiegato a DAZN Spagna quali sono le chiavi per battere il pilota Honda.

“In generale bisogna andare più veloce di lui e non sbagliare – commenta Jorge Lorenzo – Se sei più veloce in prova e soprattutto in gara, e non sbagli, alla fine è Márquez a dover inseguire ed è lui a dover prendere dei rischi. Invece, se sono gli altri ad essere più lenti mentre lui è in vantaggio, può stare tranquillo e questa tranquillità lo porta a non commettere errori e controllare il campionato”.

Leggi anche:

Lorenzo ammette: “Bisogna essere più veloci, avere una moto migliore, migliorare la guida, essere mentalmente una macchina. Come è successo nel 2015, Marc era esplosivo in pole position o nel giro secco, ma noi eravamo più completi nei vari circuiti, eravamo più veloci e riuscivamo a stare davanti in gara. Questo lo obbligava a rischiare e commettere errori e restava indietro in classifica. Era una ruota che girava contro di lui. Questo lo dovrebbero fare Quartararo o Viñales. Ma fino ad ora Marc non solo è il più completo, ma in questo momento è anche quello che sbaglia meno e che è più rapido ad ogni gara. Quindi è complicato batterlo”.

Proprio il suo intervento su DAZN, Lorenzo ha commentato la sua ultima vittoria al Gran Premio d’Austria del 2018, ottenuta alla fine di un grande duello con Marc Márquez, che in quell’occasione aveva chiuso in seconda posizione. Oltre al connazionale, negli ultimi anni il campione del mondo in carica ha perso duelli contro Álex Rins, Maverick Viñales e soprattutto Andrea Dovizioso. Questo ha portato in molti a pensare che il corpo a corpo fosse il punto debole del catalano.

Ma Lorenzo non condivide questa teoria: “Alla fine quello che bisogna considerare è se Márquez ha perso duelli o ha provato a vincere gare che praticamente erano impossibili. Si può anche vedere in questo modo. A volte Marc non era il più veloce, nonostante tutto provava a vincere. L’anno scorso con Dovizioso in Austria aveva problemi di gomme, ma ha provato a vincere fino alla fine. Non ce l’ha fatta, ma ci ha provato. Qualche altro pilota si sarebbe accontentato della seconda posizione, ma lui ci prova sempre fino alla fine”.

Leggi anche:

Il rapporto tra Lorenzo e Márquez è stato difficile quando quest’ultimo è arrivato in MotoGP, con diversi alti e bassi, fino a che nel 2019 sono stati compagni di squadra in Honda: “Per gran parte del tempo il rapporto è stato buono, non c’erano problemi. Ci siamo trovati meglio nel 2019 che in anni precedenti, è vero. Soprattutto alla fine in cui ci siamo conosciuti meglio”.

“Lui era ad un altro livello, lottava per vincere un altro titolo, mentre a me è costato moltissimo. Quindi non abbiamo lottato per lo stesso obiettivo e questo sicuramente ha facilitato la convivenza. Ma il rapporto è migliorato e abbiamo condiviso di più e tutto è stato migliore”.

Infine, il maiorchino spiega che l’amicizia tra piloti non è semplice: “È molto complicato essere amico di qualcuno che non è della tua famiglia e vuole le tue stesse cose. Lo abbiamo visto con altri sportivi, anche se vediamo il documentario di Michael Jordan (‘The Last Dance’), era lo stesso Michael a crearsi nemici immaginari per motivarsi ed essere più forte”.

“Per quanto mi riguarda, ammetto di aver esasperato situazioni o dichiarazioni sul mio conto fatte da altri piloti per avere più rabbia o motivazione, o come la si vuole chiamare, per poter arrivare più forte alla gara successiva. Nel mondo in cui viviamo, la cosa più importante è vincere, prendersi la fetta di torta più grande. Si fa di tutto per ottenerlo. Quando ti ritiri, il film cambia completamente e non ti devi più creare nemici né esagerare la rivalità con altri piloti, perché non è più importante”.

Ecco tutte le vittorie di Jorge Lorenzo in MotoGP

Scorrimento
Lista

1º- GP de Portugal 2008, Yamaha

1º- GP de Portugal 2008, Yamaha
1/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

2º- GP de Japón 2009, Yamaha

2º- GP de Japón 2009, Yamaha
2/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

3º- GP de Francia 2009, Yamaha

3º- GP de Francia 2009, Yamaha
3/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

4º- GP de Indianápolis 2009, Yamaha

4º- GP de Indianápolis 2009, Yamaha
4/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

5º- GP de Portugal 2009, Yamaha

5º- GP de Portugal 2009, Yamaha
5/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

6º- GP de España 2010, Yamaha

6º- GP de España 2010, Yamaha
6/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

7º- GP de Francia 2010, Yamaha

7º- GP de Francia 2010, Yamaha
7/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

8º- GP de Gran Bretaña 2010, Yamaha

8º- GP de Gran Bretaña 2010, Yamaha
8/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

9º- GP de Holanda 2010, Yamaha

9º- GP de Holanda 2010, Yamaha
9/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

10º- GP de Catalunya 2010, Yamaha

10º- GP de Catalunya 2010, Yamaha
10/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

11º- GP de Estados Unidos 2010, Yamaha

11º- GP de Estados Unidos 2010, Yamaha
11/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

12º- GP de la República Checa 2010, Yamaha

12º- GP de la República Checa 2010, Yamaha
12/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

13º- GP de Portugal 2010, Yamaha

13º- GP de Portugal 2010, Yamaha
13/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

14º- GP de Valencia 2010, Yamaha (campeón del mundo)

14º- GP de Valencia 2010, Yamaha (campeón del mundo)
14/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

15º- GP de España 2011, Yamaha

15º- GP de España 2011, Yamaha
15/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

16º- GP de Italia 2011, Yamaha

16º- GP de Italia 2011, Yamaha
16/47

Foto di: Yamaha MotoGP

17º- GP de San Marino 2011, Yamaha

17º- GP de San Marino 2011, Yamaha
17/47

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

18º- GP de Qatar 2012, Yamaha

18º- GP de Qatar 2012, Yamaha
18/47

Foto di: Yamaha Motor Racing

19º- GP de Francia 2012, Yamaha

19º- GP de Francia 2012, Yamaha
19/47

Foto di: Yamaha MotoGP

20- GP de Catalunya 2012, Yamaha

20- GP de Catalunya 2012, Yamaha
20/47

Foto di: Yamaha MotoGP

21- GP de Gran Bretaña 2012, Yamaha

21- GP de Gran Bretaña 2012, Yamaha
21/47

Foto di: Yamaha MotoGP

22- GP de Italia 2012, Yamaha

22- GP de Italia 2012, Yamaha
22/47

Foto di: Yamaha MotoGP

23- GP de San Marino 2012, Yamaha

23- GP de San Marino 2012, Yamaha
23/47

Foto di: Yamaha MotoGP

24- GP de Qatar 2013, Yamaha

24- GP de Qatar 2013, Yamaha
24/47

Foto di: Yamaha MotoGP

25- GP de Italia 2013, Yamaha

25- GP de Italia 2013, Yamaha
25/47

Foto di: Yamaha MotoGP

26- GP de Qatar 2013, Yamaha

26- GP de Qatar 2013, Yamaha
26/47

Foto di: Yamaha MotoGP

27- GP de Gran Bretaña 2013, Yamaha

27- GP de Gran Bretaña 2013, Yamaha
27/47

Foto di: Yamaha MotoGP

28- GP de San Marino 2013, Yamaha

28- GP de San Marino 2013, Yamaha
28/47

Foto di: Yamaha MotoGP

29- GP de Australia 2013, Yamaha

29- GP de Australia 2013, Yamaha
29/47

Foto di: Yamaha MotoGP

30- GP de Japón 2013, Yamaha

30- GP de Japón 2013, Yamaha
30/47

Foto di: Yamaha MotoGP

31- GP de Valencia 2013, Yamaha

31- GP de Valencia 2013, Yamaha
31/47

Foto di: Yamaha MotoGP

32- GP de Aragón 2014, Yamaha

32- GP de Aragón 2014, Yamaha
32/47

Foto di: Yamaha MotoGP

33- GP de Japón 2014, Yamaha

33- GP de Japón 2014, Yamaha
33/47

Foto di: Yamaha MotoGP

34- GP de España 2015, Yamaha

34- GP de España 2015, Yamaha
34/47

Foto di: Bridgestone Corporation

35- GP de Francia 2015, Yamaha

35- GP de Francia 2015, Yamaha
35/47

Foto di: Yamaha MotoGP

36- GP de Italia 2015, Yamaha

36- GP de Italia 2015, Yamaha
36/47

Foto di: Yamaha MotoGP

37- GP de Catalunya 2015, Yamaha

37- GP de Catalunya 2015, Yamaha
37/47

Foto di: Yamaha MotoGP

38- GP de la República Checa 2015, Yamaha

38- GP de la República Checa 2015, Yamaha
38/47

Foto di: Yamaha MotoGP

39- GP de Aragón 2015, Yamaha

39- GP de Aragón 2015, Yamaha
39/47

Foto di: Yamaha MotoGP

40- GP de Aragón 2015, Yamaha (campeón del mundo)

40- GP de Aragón 2015, Yamaha (campeón del mundo)
40/47

Foto di: Yamaha MotoGP

41- GP de Qatar 2016, Yamaha

41- GP de Qatar 2016, Yamaha
41/47

Foto di: Michelin Sport

42- GP de Francia 2016, Yamaha

42- GP de Francia 2016, Yamaha
42/47

Foto di: Yamaha MotoGP

43- GP de Italia 2016, Yamaha

43- GP de Italia 2016, Yamaha
43/47

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

44- GP de Valencia 2016, Yamaha

44- GP de Valencia 2016, Yamaha
44/47

Foto di: Yamaha MotoGP

45- GP de Italia 2018, Ducati

45- GP de Italia 2018, Ducati
45/47

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

46- GP de Catalunya 2018, Ducati

46- GP de Catalunya 2018, Ducati
46/47

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

47- GP de Austria 2018, Ducati

47- GP de Austria 2018, Ducati
47/47

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Rossi: "E' in gioco il futuro della MotoGP"

Articolo precedente

Rossi: "E' in gioco il futuro della MotoGP"

Prossimo Articolo

MotoGP, Rossi: "Non andrei in Petronas solo per dire ciao"

MotoGP, Rossi: "Non andrei in Petronas solo per dire ciao"
Carica commenti