MotoGP: l'incubo è finito, Marquez è ancora il "Sachsenking"

A circa 11 mesi dall'infortunio, il pilota della Honda sfodera una prestazione e torna alla vittoria sul suo Sachsenring: per Marc è l'ottavo trionfo di fila in MotoGP in Germania. Un grande Oliveira centra il terzo podio consecutivo con la KTM, mentre Quartararo limita i danni con il terzo posto e guadagna qualche punto sui ducatisti. Bagnaia parte male, ma poi sfodera una gran rimonta e chiude quinto. Rossi chiude 14esimo.

MotoGP: l'incubo è finito, Marquez è ancora il "Sachsenking"

L'incubo è finito, su un circuito che sarà ancora più magico per la sua carriera. Se fino al 2019 vincere al Sachsenring era ordinaria amministrazione per Marc Marquez, come certificato dalle 7 vittorie consecutive in MotoGP (10 in totale), quella di oggi ha scritto una pagina di storia del motociclismo, perché in un colpo solo si è messo alle spalle l'infortunio, le operazioni e le infezioni, restituendo alla Honda un successo che le mancava da ben 21 GP e regalandosi un'emozione difficile da dimenticare.

Dopo il quinto tempo di ieri, si era detto convinto che la sua striscia di vittorie oggi si sarebbe interrotta, ma la sua gara è stata a dir poco gagliarda. Al via si è subito messo alle spalle dell'Aprilia di un ottimo Aleix Espargaro, ma dopo pochi passaggi ha rotto gli indugi e si è portato al comando.

Il capolavoro lo ha fatto quando è iniziata a cadere qualche leggera goccia di pioggia sulla pista. In quel frangente il #93 ha mostrato grande sensibilità ed è riuscito ad aprire un gap di circa un paio di secondi sul trenino degli inseguitori, che nel frattempo aveva visto arrivare la KTM di Miguel Oliveira a capitanarlo.

Il portoghese è stato l'ultimo ad arrendersi e, approfittando anche di un lungo di Marc alla curva 1, ha ridotto il gap a meno di un secondo. Marquez però questa vittoria la voleva troppo, per dimostrare a tutti, e forse anche a sé stesso, che tornare ad essere il pilota di prima dell'infortunio non è impossibile. L'unica cosa certa intanto è che il "Sachsenking" è sempre lui, perché ha mantenuto fino alla fine il suo margine su Oliveira, centrando appunto l'ottavo successo in Germania nella classe regina.

Per Oliveira comunque si tratta di una gara che dà grande continuità alla crescita mostrata da quando al Mugello è arrivato il nuovo telaio della KTM. Da allora ha collezionato una vittoria e due secondi posti, quindi è stato quello che ha fatto più punti nell'ultimo trittico. Cosa che probabilmente potrebbe far aumentare il rammarico per un inizio di stagione complicato. La grande giornata della KTM poi è stata completata dalla bella gara di Brad Binder, capace di rimontare fino al quarto posto finale.

Tra le due RC16 c'è un Fabio Quartararo che è stato bravissimo a limitare i danni su una pista che alla fine si è rivelata molto complicata per le Yamaha. Il francese ha fatto una grande differenza rispetto ai compagni di marchio, tutti nelle retrovie, ed è riuscito addirittura ad incrementare il suo margine in classifica, portandolo a 22 punti su Johann Zarco, oggi solo ottavo dopo la pole, e 31 su Jack Miller, sesto alla bandiera a scacchi.

Il migliore tra i piloti Ducati sul traguardo è stato infatti Pecco Bagnaia, che però ha rovinato la sua corsa nelle primissime fasi: il piemontese è scattato male dalla decima posizione e si è ritrovato addirittura 15esimo. Nella seconda parte di gara poi era il più veloce in pista, ma questo gli è bastato solo per risalire fino alla quinta posizione e veder salire il suo distacco nel Mondiale a 32 punti.

Dopo aver addirittura comandato la corsa nelle prime fasi ed aver firmato la prima prima fila della storia dell'Aprilia, Aleix Espargaro si è dovuto accontentare del settimo posto, ma ancora una volta la RS-GP ha dimostrato di essere diventata una moto capace di battagliare con regolarità per le posizioni che contano.

Detto dell'ottavo posto di Zarco, in nona posizione troviamo il campione del mondo Joan Mir, autore di una bella rimonta dalla sesta fila nella prima parte della corsa, ma poi calato alla distanza. Il suo compagno Alex Rins, al rientro dall'infortunio, ha chiuso invece 11esimo. Tra le due GSX-RR c'è l'altra Honda di Pol Espargaro, che oggi si è visto rifilare quasi 15" dal vicino di box.

Prima vi abbiamo parlato delle difficoltà delle altre Yamaha e infatti bisogna scendere fino alla 14esima posizione per trovare quella di Valentino Rossi. E' andata anche peggio a Franco Morbidelli e Maverick Vinales, che chiudono mestamente la classifica in 18esima e 19esima posizione.

Poco davanti a loro troviamo Luca Marini, che completa la zona punti in 15esima posizione, ed Enea Bastianini. E' terminata con un ritiro invece la gara di Danilo Petrucci, vittima di un contatto con Alex Marquez nelle prime fasi della corsa, e quella di Lorenzo Savadori, scivolato nel corso del sesto giro.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 30 41'07.243     160.6 25
2 Portugal Miguel Oliveira KTM 30 41'08.853 1.610 1.610 160.5 20
3 France Fabio Quartararo Yamaha 30 41'14.015 6.772 5.162 160.2 16
4 South Africa Brad Binder KTM 30 41'15.165 7.922 1.150 160.1 13
5 Italy Francesco Bagnaia Ducati 30 41'15.834 8.591 0.669 160.1 11
6 Australia Jack Miller Ducati 30 41'16.329 9.086 0.495 160.1 10
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 30 41'16.614 9.371 0.285 160.0 9
8 France Johann Zarco Ducati 30 41'18.682 11.439 2.068 159.9 8
9 Spain Joan Mir Suzuki 30 41'18.868 11.625 0.186 159.9 7
10 Spain Pol Espargaro Honda 30 41'22.012 14.769 3.144 159.7 6
11 Spain Alex Rins Suzuki 30 41'24.046 16.803 2.034 159.6 5
12 Spain Jorge Martin Ducati 30 41'24.158 16.915 0.112 159.5 4
13 Japan Takaaki Nakagami Honda 30 41'26.460 19.217 2.302 159.4 3
14 Italy Valentino Rossi Yamaha 30 41'29.543 22.300 3.083 159.2 2
15 Italy Luca Marini Ducati 30 41'30.858 23.615 1.315 159.1 1
16 Italy Enea Bastianini Ducati 30 41'30.981 23.738 0.123 159.1  
17 Spain Iker Lecuona KTM 30 41'31.189 23.946 0.208 159.1  
18 Italy Franco Morbidelli Yamaha 30 41'31.657 24.414 0.468 159.1  
19 Spain Maverick Viñales Yamaha 30 41'31.958 24.715 0.301 159.0  
  Italy Lorenzo Savadori Aprilia 5 6'58.990 25 Laps 25 Laps 157.7  
  Italy Danilo Petrucci KTM 4 5'34.769 26 Laps 1 Lap 157.9  
  Spain Alex Marquez Honda 4 5'34.940 26 Laps 0.171 157.8  
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio di Germania: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio di Germania: Gara

Prossimo Articolo

Marquez: “Vittoria più importante per il Marc uomo che pilota”

Marquez: “Vittoria più importante per il Marc uomo che pilota”
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021