MotoGP: le pinze hanno una vita di 2.500 chilometri

I due ingegneri di pista della Brembo presenti a Jerez, Andrea Pellegrini e Andrea Bergami, in questa intervista mettono in evidenza cosa è emerso a livello di freni nella prima gara andalusa disputata con un grande caldo. Molto interessante è il capitolo affidabilità: una coppia di dischi è stata pensata per durare 800-900 km.

MotoGP: le pinze hanno una vita di 2.500 chilometri

Andrea Pellegrini e Andrea Bergami, i due ingegneri di pista della Brembo presenti a Jerez, ci svelano alcune interessanti curiosità sul prossimo appuntamento della MotoGP che si disputerà nel weekend ancora in Andalusia.

I dati accolti la scorsa settimana dai tecnici Brembo testimoniano che Fabio Quartararo, Andrea Dovizioso e Francesco Bagnaia sono stati i migliori staccatori del primo GP stagionale. Ma dopo questa chicca andiamo a sentire i due specialisti di freni…

Qual è la sfida più stimolante nel correre nuovamente sullo stesso circuito e perché? 
“I team avranno raccolto più dati e tutti, dal primo all’ultimo, cercheranno di migliorare il record sul giro fatto registrare nel primo GP. Si tratta della prima volta in cui si svolge una doppia gara sullo stesso circuito e a pochi giorni di distanza, quindi sarà curioso osservare anche i dati sulle temperature, l’asfalto e le condizioni del circuito”. 

Si possono effettuare modifiche all’impianto frenante tra un GP e un altro? 
“Ovviamente sì. I team che erano un po’ al limite con le temperature, visto l’aumento che abbiamo registrato nel fine settimana, potrebbero passare ad una configurazione più “safe” per il prossimo Gran Premio”.

“Oppure, al contrario, se ci sono stati team che avevano scelto soluzioni troppo conservative, potrebbero, nel secondo weekend, optare per una soluzione più “estrema”, magari scegliendo una configurazione di dischi più leggera considerando che i dischi più pesanti o High Mass avevano temperature sotto controllo”. 

Jerez è fra i tre tracciati dove si frena per la maggior parte del tempo, questo cosa comporta? 
“Non abbiamo altissime energie frenanti, però ci sono frenate molto ravvicinate e questo evita ​un innalzamento delle temperature per le pinze, non tanto dei dischi, perché non c’è il tempo sufficiente di raffreddamento”. ​

In un weekend di gara quante pastiglie vengono usate? Le pinze e i dischi quanto durano generalmente e ogni quanti chilometri sono spedite in Brembo per essere revisionati? Quanti chilometri percorrono solitamente una coppia di pinze e una coppia di dischi in carbonio? 
“Solitamente in un weekend di gara si rodano al venerdì, durante le prove libere, in questo caso è avvenuto il mercoledì durante il test, con tre set nuovi di dischi e pastiglie a pilota, in modo poi da poterli utilizzare fino alla gara”.

“Dopo averli rodati, si va avanti con dei set di dischi e pastiglie già usurati dello scorso anno: considerando che il carbonio ha un prezzo elevato, tendono a portare il materiale fino alla massima usura”.

“Per quanto riguarda le pinze, i team solitamente utilizzano un set nuovo per fare il warm up e la gara, dopodiché questo set viene riutilizzato per gli eventi successivi durante le prove libere, in modo da percorrere più chilometri possibili. Non c’è un chilometraggio massimo dei dischi, c’è invece un chilometraggio massimo delle pinze che è di 2.500 km, dopodiché ci vengono inviate presso la nostra sede di Curno per fare il service e le verifiche del caso”.

“Una coppia di dischi solitamente percorre 800-900 km in condizioni di usura normale, ma ciò dipende dalle condizioni in cui vengono utilizzati e dalle temperature atmosferiche e dell’asfalto. Se per esempio prendiamo in esame Phillip Island, circuito poco impegnativo per i freni, in questo caso i dischi ​possono fare più chilometri del previsto senza avere di conseguenza una maggiore usura. Non c’è una media chilometrica di usura per quanto riguarda il carbonio, tutto dipende dalle condizioni esterne e dallo stile di frenata dei piloti".

I piloti hanno chiesto qualcosa in particolare? 
“Gli aspetti che dobbiamo tenere sotto controllo a Jerez sono le alte temperature e la configurazione della nuova pinza e questo comporta un’instabilità della leva perché le guarnizioni e il fluido tendono a surriscaldarsi. Con la nuova pinza GP4 non abbiamo avuto particolari richieste dai team o problematiche da parte dei piloti”. 

Nel primo GP c’è stata sia la MotoGP, sia la MotoE, quali sono le differenze principali tra i due impianti frenanti? 
“La MotoGP ha un impianto in carbonio, quindi consente di fare 25 giri di gara con temperature elevate e garantendo alla leva una costanza di prestazione dal primo all’ultimo giro”.

“La Moto E, invece, ha un impianto in acciaio, che viene usato in Superbike fondamentalmente, su una moto che pesa, con il pilota circa 330 kg​ quindi dal primo al sesto giro ci sono le stesse prestazioni per entrambi gli impianti frenanti, ma se la gara di Moto E fosse di 25 giri, l’impianto frenante andrebbe sicuramente più sotto stress perché sarebbe maggiormente sollecitato su questo circuito e con questo peso della moto. È un po’ la differenza che c’è tra Moto2 e MotoGP. Ultima differenza tra MotoGP e MotoE riguarda i cerchi Marchesini: in magnesio forgiato per la MotoGP, mentre sono in alluminio forgiato per la Moto E”.

 

condivisioni
commenti
Petrucci: “Ora sto bene, possiamo lottare per la top 5”

Articolo precedente

Petrucci: “Ora sto bene, possiamo lottare per la top 5”

Prossimo Articolo

Rins niente intervento, ma usa la tecnologia per correre a Jerez

Rins niente intervento, ma usa la tecnologia per correre a Jerez
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021