MotoGP, Le Mans, Libere 2: Zarco precede le Yamaha

Il francese vola con la Ducati e precede un Quartararo che sembra però quello con il passo migliore nonostante una scivolata. Stupisce Pol Espargaro quarto davanti a Morbidelli, ma nella top 10 c'è anche Rossi con il nono tempo. Solo 12esimo Bagnaia, caduto alla curva 3. Indietro anche le Suzuki e l'Aprilia di Espargaro.

MotoGP, Le Mans, Libere 2: Zarco precede le Yamaha

Il cielo sopra Le Mans è stato clemente nei confronti dei piloti della MotoGP, risparmiandogli la pioggia in una seconda sessione di prove libere che rischia davvero di essere decisiva per decidere i piloti che entreranno direttamente nella Q2, perché per domani mattina le previsioni non sono per niente buone.

L'aria di casa sembra aver fatto decisamente bene a Johann Zarco, perché il pilota della Ducati Pramac è stato il più veloce in 1'31"747, guidando una doppietta tutta transalpina davanti a Fabio Quartararo, che quindi non sembra accusare per niente la recente operazione per un problema di sindrome compartimentale.

Il pilota della Yamaha ha chiuso con un ritardo di 95 millesimi ed è incappato anche in una scivolata alla curva 3, tratto che ha fatto tante vittime in questo turno, ma è parso quello messo decisamente meglio di tutti a livello di passo gara.

In generale però è stato un ottimo turno per le M1, perché in terza posizione c'è quella di Maverick Vinales, seppur con un ritardo di 389 millesimi. Quinta invece quella di Franco Morbidelli a 549. Ma la buona notizia in casa Yamaha è il bel passo avanti mostrato da Valentino Rossi: è vero che il "Dottore" paga poco meno di un secondo, ma si è issato fino alla nona posizione.

Buona anche la prestazione delle Honda, che per una volta sono in tre nella top 10. In particolare è stata brillante la prova di Pol Espargaro, bravissimo a staccare il quarto tempo a soli 390 millesimi. In ottava posizione c'è poi Marc Marquez, che ha proseguito gli esperimenti con il telaio 2020 e si è reso anche protagonista di un drittone alla curva 8. Decimo poi troviamo Takaaki Nakagami.

Bella zampata anche da parte di Miguel Oliveira, unico tra i piloti KTM ad essere riuscito ad infilarsi nelle posizioni di vertice con il sesto tempo. In particolare, tra i portacolori della Casa austriaca è parso in difficoltà Danilo Petrucci, che si ritrova addirittura ultimo con un distacco di 2"7. Un vero disastro, visto che per lui le aspettative erano alte su una pista su cui è sempre salito sul podio negli ultimi tre anni.

Dopo la grande doppietta di Jerez, non è stata invece una giornata particolarmente brillante per le Ducati ufficiali, anche se Jack Miller è riuscito a chiudere con il settimo tempo, nonostante sia incappato in una scivolata alla curva 7. E' andata peggio al leader iridato Pecco Bagnaia, che non ha più ritrovato il bandolo della matassa dopo una caduta alla curva 3 ed è solo 12esimo.

Il piemontese si ritrova a sandwich tra le due Suzuki, che al momento sarebbero come lui costrette a passare dalla Q1. Pure i piloti della Casa di Hamamatsu sono finiti ruote all'aria, Alex Rins alla famigerata curva 3 e Joan Mir alla 8, quindi si ritrovano rispettivamente in 11esima e 13esima piazza.

Al momento sono fuori anche le Aprilia, con Aleix Espargaro che è caduto per ben due volte sempre alla curva 3. Lo spagnolo è riuscito a riprendere la via della pista nel finale, ma non è riuscito a fare meglio del 14esimo tempo con la sua RS-GP. Più attardata la moto gemella di Lorenzo Savadori, che occupa la 21esima piazza, a cavallo tra le due Ducati di Enea Bastianini e Luca Marini. Dunque, ci sono purtroppo quattro italiani nelle ultime quattro posizioni.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Johann Zarco Ducati 21 1'31.747     174.296
2 France Fabio Quartararo Yamaha 16 1'31.842 0.095 0.095 174.116
3 Spain Maverick Viñales Yamaha 22 1'32.136 0.389 0.294 173.560
4 Spain Pol Espargaro Honda 23 1'32.137 0.390 0.001 173.558
5 Italy Franco Morbidelli Yamaha 21 1'32.279 0.532 0.142 173.291
6 Portugal Miguel Oliveira KTM 20 1'32.296 0.549 0.017 173.259
7 Australia Jack Miller Ducati 20 1'32.361 0.614 0.065 173.138
8 Spain Marc Márquez Alenta Honda 19 1'32.632 0.885 0.271 172.631
9 Italy Valentino Rossi Yamaha 24 1'32.669 0.922 0.037 172.562
10 Japan Takaaki Nakagami Honda 20 1'32.711 0.964 0.042 172.484
11 Spain Alex Rins Suzuki 18 1'32.762 1.015 0.051 172.389
12 Italy Francesco Bagnaia Ducati 12 1'32.800 1.053 0.038 172.318
13 Spain Joan Mir Suzuki 22 1'32.908 1.161 0.108 172.118
14 Spain Aleix Espargaro Aprilia 12 1'32.946 1.199 0.038 172.048
15 Spain Iker Lecuona KTM 20 1'33.040 1.293 0.094 171.874
16 South Africa Brad Binder KTM 20 1'33.117 1.370 0.077 171.732
17 Spain Alex Marquez Honda 22 1'33.204 1.457 0.087 171.572
18 Spain Tito Rabat Ducati 22 1'33.361 1.614 0.157 171.283
19 Italy Enea Bastianini Ducati 16 1'33.536 1.789 0.175 170.963
20 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 21 1'33.985 2.238 0.449 170.146
21 Italy Luca Marini Ducati 20 1'34.147 2.400 0.162 169.853
22 Italy Danilo Petrucci KTM 19 1'34.520 2.773 0.373 169.183
condivisioni
commenti
Lecuona penalizzato per la gara di Jerez, Marini va a punti

Articolo precedente

Lecuona penalizzato per la gara di Jerez, Marini va a punti

Prossimo Articolo

Petrucci: "Ora siamo certi, mi serve un setting molto diverso"

Petrucci: "Ora siamo certi, mi serve un setting molto diverso"
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021