MotoGP: la "doppia" di Misano è di Morbidelli e Bagnaia

Morbidelli centra la sua prima vittoria in MotoGP, precedendo un super Bagnaia, al primo podio. Mir soffia il podio a Rossi all'ultimo giro. Dovizioso è settimo, ma passa in testa al Mondiale perché Quartararo cade.

MotoGP: la "doppia" di Misano è di Morbidelli e Bagnaia

La nuova generazione della MotoGP suona la carica a Misano, ma la notizia più bella è che sui due gradini più alti del podio del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini ci sono due italiani: Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia.

L'unico rammarico della domenica romagnola è che fino a poche centinaia di metri dal termine si stava concretizzando una grande tripletta, con il "maestro" Valentino Rossi a seguire gli allievi della VR46 Riders Academy in terza posizione. Il "Dottore" però si è fatto beffare proprio all'ultimo giro dalla Suzuki di Joan Mir, che ha dato ulteriore vigore alla festa della new generation.

L'uomo del giorno però è senza ombra di dubbio Franco Morbidelli, che ha portato a termine l'opera che aveva iniziato a Brno. In Repubblica Ceca aveva dominato per tre quarti della distanza, arrendendosi a Brad Binder nel finale. Questa volta invece si è portato subito al comando dalla prima fila ed è comandato dall'inizio alla fine, andando a conquistare una meritatissima prima vittoria nella classe regina.

Alle sue spalle però c'è anche un altro eroe e si chiama Pecco Bagnaia. Il pilota della Ducati Pramac era al ritorno dopo l'operazione alla tibia fratturata a Brno, ma ha ritrovato subito il ritmo dei giorni migliori. Non è partito benissimo, perché all'inizio era ottavo, ma poi ha sfoderato un passo invidiabile e ad uno ad uno ha iniziato a superare tutti i suoi avversari, fino a portarsi secondo a 8 giri dalla fine.

A quel punto ha controllato Rossi alle sue spalle, con le Suzuki che però erano sempre minacciose subito dietro. E se Pecco è riuscito a conquistare il suo primo podio nella top class con il secondo posto, risultato che probabilmente gli varrà la Ducati ufficiale nel 2021, il capolavoro all'ultimo giro lo ha fatto Mir, che è riuscito ad infilare prima il compagno Alex Rins alla curva 1 e poi si è infilato con grinta all'interno di Rossi al Tramonto, negando al "Dottore" il podio nella gara di casa (forse ha pagato la scelta della gomma media all'anteriore) e conquistando la sua seconda top 3 dopo quella dell'Austria.

Guarda anche:

Detto del quinto posto di Rins, come avrete notato non vi abbiamo ancora citato tre dei principali protagonisti del Mondiale, ovvero Fabio Quartararo, Andrea Dovizioso e Maverick Vinales. Il francese è scattato piuttosto male dalla prima fila e dopo pochi giri è incappato in una scivolata alla curva 4. Poi ha provato a tornare in sella alla sua Yamaha Petronas, ma senza successo, perché è poi scivolato nuovamente alla curva 6 dopo un pit stop.

"El Diablo" ha quindi perso la vetta della classifica iridata, ma non si può di certo dire che Andrea Dovizioso abbia sfruttato al meglio l'occasione. Il ducatista ha disputato una gara anonima, piazzandosi solo settimo, prendendosi comunque la leadership con 6 lunghezze su Fabio e 12 su un Jack Miller alla fine solo ottavo dopo essere stato anche terzo nelle prime fasi. In realtà l'australiano era nono, ma ha guadagnato una posizione ai danni di Takaaki Nakagami, miglior pilota Honda, punito per essere andato oltre i limiti della pista.

Domenica nera anche per Maverick Vinales: lo spagnolo è stato l'unico a montare la gomma dura sulla sua Yamaha e la scelta non ha pagato per niente. Alla fine aveva un buon ritmo, ma nei primi giri era piuttosto lento e quindi non è riuscito a fare meglio del sesto posto finale, buttando via punti preziosi in ottica Mondiale.

Deludente anche la gara delle KTM, che dopo le vittorie di Brno ed in Austria sono finite nelle retrovie: la migliore delle RC16 è stata quella di Pol Espargaro in decima posizione. Il fratello Aleix invece ha chiuso 13esimo con l'Aprilia RS-GP. Ma va detto che i distacchi sono sempre molto compressi nella MotoGP odierna, perché lo spagnolo paga appena 15" sul vincitore.

Non sembrano avere fine poi le difficoltà di Danilo Petrucci, solo 16esimo ed addirittura fuori dai punti, così come quelle delle Honda ufficiali di Alex Marquez e Stefan Bradl, che sono alle sue spalle.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Italy Franco Morbidelli Yamaha 27         25
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 27 2.217       20
3 Spain Joan Mir Suzuki 27 2.290       16
4 Italy Valentino Rossi Yamaha 27 2.643       13
5 Spain Alex Rins Suzuki 27 4.044       11
6 Spain Maverick Viñales Yamaha 27 5.383       10
7 Italy Andrea Dovizioso Ducati 27 10.358       9
8 Japan Takaaki Nakagami Honda 27 10.839       8
9 Australia Jack Miller Ducati 27 11.155       7
10 Spain Pol Espargaro KTM 27 12.030       6
11 Portugal Miguel Oliveira KTM 27 12.376       5
12 South Africa Brad Binder KTM 27 12.405       4
13 Spain Aleix Espargaro Aprilia 27 15.142       3
14 Spain Iker Lecuona KTM 27 19.914       2
15 France Johann Zarco Ducati 27 20.152       1
16 Italy Danilo Petrucci Ducati 27 22.094        
17 Spain Alex Marquez Honda 27 22.473        
18 Germany Stefan Bradl Honda 27 37.856        
19 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 27 1'18.831        
  Spain Tito Rabat Ducati 22          
  France Fabio Quartararo Yamaha 18          
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, GP di San Marino: la gara di Misano

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP di San Marino: la gara di Misano

Prossimo Articolo

Morbidelli: "Gli ultimi 10 giri ho pensato a qualsiasi cosa"

Morbidelli: "Gli ultimi 10 giri ho pensato a qualsiasi cosa"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021