MotoGP | KTM riconosce di aver spinto troppo velocemente i piloti in MotoGP

Il boss di KTM Pit Beirer ammette che il marchio austriaco ha spinto troppo velocemente in MotoGP troppi piloti veloci della Moto2, guardando la sua line-up del 2023.

MotoGP | KTM riconosce di aver spinto troppo velocemente i piloti in MotoGP
Carica lettore audio

KTM ha goduto di una grandissima ricchezza in termini di giovani talenti che è stata in grado di promuovere attraverso le varie classi del motomondiale nel corso degli anni.

Nel 2022 ha schierato Brad Binder e Miguel Oliveira nel suo team ufficiale - entrambi passati nelle varie classi con KTM - mentre la squadra satellite Tech3 ha schierato due esordienti, il campione della Moto2 Remy Gardner e il secondo classificato Raul Fernandez.

Uno di questi piloti ha sostituito un altro junior KTM, Iker Lecuona, che è stato portato in MotoGP nel 2020 con Tech3 e ora è passato al Mondiale Superbike con Honda, mentre Gardner è stato mandato via per il 2023 perché presumibilmente "non abbastanza professionale”.

Gardner andrà in Superbike con la Yamaha del team GRT, mentre Fernandez passerà alla squadra RNF Aprilia per il 2023 in MotoGP.

Il campione del mondo della Moto2 Augusto Fernandez debutterà nella classe regina con il team Tech3. Lo spagnolo ha un contratto di un solo anno e sembra essere già sotto pressione da parte del suo ex compagno di squadra della Moto2 e campione della Moto3 nel 2021 Pedro Acosta, che è destinato a passare alla MotoGP con la KTM come parte del suo attuale contratto nel 2024.

Tutti gli altri piloti KTM invece hanno un contratto fino alla fine del 2024. Si tratta di Binder, il suo nuovo compagno di squadra Jack Miller e Pol Espargaro, destinato al team Tech3. In un'intervista esclusiva a Motorsport.com, Beirer ha ribadito che Augusto Fernandez è visto in una prospettiva a lungo termine, ammettendo che KTM è stata troppo precipitosa nel promuovere altri giovani talenti in passato.

Augusto Fernandez, Tech3 GASGAS Factory Racing

Augusto Fernandez, Tech3 GASGAS Factory Racing

Photo by: GasGas Factory Racing

"Se entri nella classe MotoGP sei sotto pressione", ha detto Beirer a proposito della promozione di Augusto Fernandez. “Ma non vogliamo parlare ora di quello che Pedro potrà fare l'anno successivo e se è pronto per andare in MotoGP".

"Personalmente, credo che abbiamo spinto troppi grandi piloti della Moto2 troppo velocemente verso la MotoGP. Quindi, anche una seconda grande stagione in Moto2 non farebbe male ad alcuni piloti. Anche Marc Marquez ha avuto una seconda stagione”.

"Penso che le cose siano andate un po' troppo velocemente attraverso la scuola: Rookies Cup, Moto3, Moto2, e questi giovani talenti hanno attraversato queste classi come razzi, ma poi la MotoGP è un altro mondo".

"Quindi il nostro obiettivo non è quella di sostituire Augusto dopo un anno. L’intento è piuttosto quello di mantenere Pedro tranquillo e di svilupparlo come futuro talento. È un futuro diamante in questo paddock, questo è chiaro".

"Ma credo che non dovremmo avere fretta di farlo entrare in MotoGP”. Acosta, che ha vinto tre volte nella sua stagione da esordiente in Moto2 nel 2022, avrebbe dovuto provare la moto KTM in MotoGP la scorsa settimana prima che intervenisse il maltempo. 

condivisioni
commenti

MotoGP | Alex Rins operato per sindrome compartimentale

FIM Awards: premiati a Rimini i campioni del mondo delle 2 ruote