MotoGP: KTM in pole al GP d'Europa con Pol Espargaro

Lo spagnolo della KTM beffa per 41 millesimi Rins e terzo c'è Nakagami. Mir è quinto, mentre le Yamaha sono in difficoltà: la migliore è quella di Morbidelli in nona posizione. Dovizioso fuori dalla top 10 per la terza gara di fila, Rossi scatterà dalla sesta fila.

MotoGP: KTM in pole al GP d'Europa con Pol Espargaro

La pista in condizioni miste ha regalato una pole position a sorpresa per il Gran Premio d'Europa di MotoGP, sul tracciato di Valencia. A scattare davanti a tutti domani sarà infatti la KTM di Pol Espargaro, che per la seconda volta in questa stagione schiererà la sua RC16 davanti a tutti dopo il GP di Stiria.

Lo spagnolo ha realizzato un crono di 1'40"434 ed ha beffato per appena 41 millesimi Alex Rins, che con la sua Suzuki si conferma il più in forma tra i piloti in lizza per il titolo in questa parte conclusiva della stagione.

A completare la prima fila c'è invece la Honda di Takaaki Nakagami, con il giapponese che ancora una volta si conferma velocissimo, anche se si è giocato la possibilità di lottare per la pole fino alla fine incappando in una scivolata all'ultima curva nel finale. Anche per lui il distacco è stato di meno di un decimo.

Ad aprire la seconda fila c'è la prima delle Ducati e bisogna dire che forse in queste condizioni ci si aspettava qualcosa in più dalle Desmosedici GP. In quarta posizione troviamo Johann Zarco, passato dalla Q1, che però ha dovuto rinunciare al suo giro migliore proprio a causa delle bandiere gialle provocate dalla caduta di Nakagami.

Le cose comunque sembrano essersi messe abbastanza bene anche per Joan Mir, perché il leader del Mondiale è riuscito a piazzare la sua Suzuki al centro della seconda fila, staccato di soli 270 millesimi. E per lui la buona notizia sono le difficoltà delle Yamaha e di Andrea Dovizioso.

La prima delle M1 è addirittura in nona posizione ed è quella di Franco Morbidelli, mentre Fabio Quartararo si ritrova 11esimo. Entrambi poi sono staccati di oltre un secondo. Malissimo invece Dovizioso, che è 12esimo ed ultimo della Q2 e quindi per lui si prospetta l'ennesima gara in salita di questa seconda parte di stagione. Anzi, è la prima volta che il ducatista non centra la top 10 in qualifica per tre gare di fila.

Tornando a scorrere la classifica, la grande delusione di questa qualifica è forse Jack Miller. L'australiano della Ducati Pramac è un maestro delle condizioni miste, ma stavolta forse ha peccato di presunzione, rimanendo a lungo ai box e dovendo accontentarsi alla fine del sesto tempo.

Ad aprire la terza fila ci sarà invece l'Aprilia di Aleix Espargaro, che ha sfruttato bene la Q2 guadagnata direttamente ieri. Dietro di lui invece è passato dalla Q1 Miguel Oliveira, che però non è riuscito a replicare la zampata nel segmento decisivo. Tra Morbidelli e Quartararo, in decima piazza, troviamo poi la KTM di Brad Binder.

Purtroppo sono ben quattro i piloti italiani che sono stati eliminati al termine della Q1, anche se i primi degli esclusi sono stati i due portacolori della Honda HRC. Stefan Bradl è andato veramente vicino a centrare la Q2, ma è stato beffato nel finale da Zarco, incappando anche in una scivolata alla curva 1.

Alle spalle del tedesco c'è il compagno di squadra Alex Marquez, che per il momento a Valencia sta uscendo decisamente ridimensionato rispetto a quanto aveva mostrato in occasione della doppia gara di Motorland Aragon.

A completare la quinta fila ci sarebbe Maverick Vinales, ma lo spagnolo dovrà scattare dalla pitlane, avendo montato il sesto motore della sua stagione in questo fine settimana (il limite imposto dal regolamento è di cinque), quindi alle sue spalle guadagneranno tutti una posizione.

In ogni caso per la squadra ufficiale Yamaha è stato un sabato da dimenticare, perché anche Valentino Rossi non è andato oltre il 18esimo posto in griglia, che diventerà 17esimo in virtù della penalità del compagno di box. Va detto, però, che il "Dottore" è tornato in sella alla sua M1 solo oggi, dopo essere stato fermo a lungo a causa del COVID-19.

Davanti al pesarese ci sono anche Cal Crutchlow con la Honda LCR, e Pecco Bagnaia, che sembra non riuscire ad uscire dal circolo negativo in cui è entrato ad Aragon. Anche lui però è in ottima compagnia in casa Ducati, perché anche Danilo Petrucci non è andato oltre al 19esimo posto (ma sarà 18esimo in griglia).

Lorenzo Savadori invece inizierà la prima gara in MotoGP della sua carriera dall'ultima fila dello schieramento di partneza. Se non altro, il portacolori dell'Aprilia è riuscito a mettersi dietro Tito Rabat, che chiude lo schieramento con la Ducati del Team Esponsorama.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Pol Espargaro KTM 9 1'40.434     143.556
2 Spain Alex Rins Suzuki 9 1'40.475 0.041 0.041 143.498
3 Japan Takaaki Nakagami Honda 8 1'40.530 0.096 0.055 143.419
4 France Johann Zarco Ducati 5 1'40.577 0.143 0.047 143.352
5 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'40.704 0.270 0.127 143.172
6 Australia Jack Miller Ducati 5 1'40.893 0.459 0.189 142.903
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'40.997 0.563 0.104 142.756
8 Portugal Miguel Oliveira KTM 9 1'41.328 0.894 0.331 142.290
9 Italy Franco Morbidelli Yamaha 8 1'41.557 1.123 0.229 141.969
10 South Africa Brad Binder KTM 9 1'41.781 1.347 0.224 141.657
11 France Fabio Quartararo Yamaha 9 1'41.943 1.509 0.162 141.431
12 Italy Andrea Dovizioso Ducati 8 1'42.249 1.815 0.306 141.008

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Portugal Miguel Oliveira KTM 9 1'40.771     143.076
2 France Johann Zarco Ducati 6 1'40.821 0.050 0.050 143.005
3 Germany Stefan Bradl Honda 8 1'41.010 0.239 0.189 142.738
4 Spain Alex Marquez Honda 9 1'41.276 0.505 0.266 142.363
5 Spain Maverick Viñales Yamaha 7 1'41.310 0.539 0.034 142.315
6 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 8 1'41.311 0.540 0.001 142.314
7 Italy Francesco Bagnaia Ducati 9 1'41.395 0.624 0.084 142.196
8 Italy Valentino Rossi Yamaha 9 1'42.039 1.268 0.644 141.298
9 Italy Danilo Petrucci Ducati 9 1'42.244 1.473 0.205 141.015
10 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 9 1'42.532 1.761 0.288 140.619
11 Spain Tito Rabat Ducati 9 1'43.030 2.259 0.498 139.939
condivisioni
commenti
Ducati annuncia Bastianini e Marini in MotoGP con Esponsorama

Articolo precedente

Ducati annuncia Bastianini e Marini in MotoGP con Esponsorama

Prossimo Articolo

Morbidelli: "Con l'asciutto avremmo visto un'altra qualifica"

Morbidelli: "Con l'asciutto avremmo visto un'altra qualifica"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021